CAND' SA 'NDEA A PÉ

Ai témpi, tanci an fá, i égénti i 'ndéan a pé, parché a bicicléta l'éa 'na roba da sciui. Ciula'lé bèl mó : utumobil,mutucicléti e muturiti é i bicicléti u dröan dumá da 'ndá turn' aa fèsta a fa bèlvidé. Inlua , candu gh'éa 'na féa o 'na ricurénza in di paés'a turn'a Büsti sa üséa 'nda a pé, aa matina bunua, cónt'ul caagnö con dönt'a scorta dul mangiá.

'Na ölta tüc'i paisan d'una casina in föa da Büsti, an trèi in pé da 'ndá a Légnan, aa féa di Morti. Chèl'an lá ai Morti al féa gia frègiu e aa sia ga gnéa giù 'na luèsa insci spessa c'al paéa da èsi in'daa tana dul lù. Aa matina, pèna ca lé gnü ciau,a cungiobia lé partia,(éan püsé da trénta, intrá oman, don è fiö), é lé riaa a Légnan ca ga gnéa fóa ul su.

I oman an béü ul só grapotu, i don anca lui, pö i oman in'indèi a idé i bésti, e i don, cont'i fiö in indéi a idé i banchi daa féa e i giustar. Vés mésdì s'in tiai a présa , an tia föa a paciatoia di caagnö é an taca a fá 'nda i mulazi. Cand'an furnì da paciá, an pusá 'n'muméntén e pö an turna 'nda turnu a ugiuna ,parché da dané da spendi ga 'néa pochi, dacordu da truas tüci a 'na cèrt'ua tac'a ustaia dul Moru.

Candu lé stè ua da 'ndá cá, s'in corci ca ga manchéa 'n'fiö; a Gaitana, ca l'éa a mama dul balén ca ga manchéa, la tacá a usá, ma ul Togn, ca léa ul só om é l'éa 'n'om da pulsu, la fèi tasé dréaman. -"I don i van a cá cont'ul pá Sinén,(ca léa ul pá du Togn), e i mènan a cá i fiö -" al fa ul Togn,-"é mégn é 'l Richö (ca léa 'n' giuanasciu daa casina),a vam a cércal é al portam a cá-".Gìa da chi, gìa da lá ul Togn la trua 'l só balén ca léa turnu tul strémì a cercá i só, al ga dèi ul só mélotu par faghi pasa u strémizi, e candu al sé inviá pá'nda cá la trua pü ul Richö.

La giá turnu 'n pó, pö la dì, in'dul só có da lü,-"Lé gia grandu chél lá, al truaa bén a stráa da gni cá”, e lé'ndèi. Sa la fèi ul Richö; candu la trua pü ul Togn, la cuménzá a cércal in'di ustaii, inscì lé gnü noci é ghé gnü giù a nèbìa e ul Richö, pién mé 'n ulén, la perz'aa stráa. Dopu 'na bèl'uascia c'al giéa p'ai straèl senza riüsì a tiá cá 'l có, la üstu 'n ciaén disluntan e al sé inviá in vésa. Candu lé stèi lì atacu, la üstu ca l'éa 'na casina, ma la capì non che casina léa. -"Gén'da cá, galantom, régiù, maséa"-, al dumanda ul Richö prüma da fas'innanzi, ma ga raspondi nisögn.

Al va dönt'in curti, al dumanda, ga égn vultra nisögn; al va lá tac'an üsciu ca sa édi piz'ul ciau, al ciama, al pica é ga ègn vultra nisögn. Al vèrv'u üsciu é al ta sghisisi 'n mortu slunga lá s'ün taulazu, cónt'a turnu cuatar candii; la pèrzu chèla poca cugnizion ca gh'ea vanzá, e dul smarizi lé scapá cónt'ul sangh'in sacogia.

In'dul curi, la trèi lá 'na brénta ca ghéa lá in curti e lé 'ndèi in ghiamb'in'l'aia, daa pagüa la trèi 'n gridu è lé turná a scapá, tul sciabal.

I oman daa casina , ch'éan lá in' dun'ola cá a dì ul Rusai , aa fén an séntü ul rabèl ca la fèi ul Richö, in curüi da föa e cand'an vüstu u usciu vèrtu é n'umbria ca scapéa , an crédü ca ghéa scapá ul mortu e in'iscapai anca lui, ma da chénola parti.Ul Richö lé stèi turnu trì dì in'di buschi , prüma da pasaghi ul strémizi, e candu la trua a straá lé 'ndèi a cá e d'inlua lé 'ndèi föa pü daa casina e la béü pü nanca 'n bicéu da vegn.

Giovanni BANDERA - (Cangélén) - Dicembre 1976
QUANDO SI ANDAVA A PIEDI

Ai tempi, tanti anni fa, la gente andava a piedi, perché, allora, la bicicletta era un cosa da ricchi; è bello ora: automobili, motociclette, ciclomotori, e le biciclette si usano solamente per fare scena. A quei tempi, quando si teneva qualche fiera, o si festeggiava una ricorrenza nei paesi del circondario, si doveva andare a piedi, il mattino presto, con il cesto di vivande di scorta.
Anni addietro, i contadini abitanti in una cascina nei pressi di Busto, hanno organizzato di andare a Legnano per la fiera dei Morti. Quell'anno, ai Morti faceva già freddo e la sera calava una nebbia così fitta che sembrava di essere in una tana di lupo. Il mattino della partenza alle prime luci del giorno, il gruppo si è messo in cammino, (erano più di trenta,tra uomini, donne e ragazzi) ed è giunto a Legnano quando il sole era gia alzato.
Gli uomini hanno bevuto il grappino, le donne anche loro, poi gli uomini sono andati a vedere il bestiame e le donne, con i ragazzi, a vedere le bancarelle della fiera e le giostre. Verso mezzogiorno si sono radunati , hanno tolto dai cestini le vivande , e hanno cominciato a masticare . Finito il pasto, hanno riposato un pochino e poi sono ritornati a curiosare, perché disponevano di pochi soldi, con l'accordo di incontrarsi ad una cert’ora vicino all’osteria del Moro.
Venuta l'ora di partire,si sono accorti della mancanza di un ragazzo; la Gaetana mamma del ragazzo mancante, si è messa a gridare, ma l'Antonio, che era suo marito ed era un uomo di polso, l'ha zittita subito, "Le donne vanno verso casa accompagnate da papà Alessandro , (che era il padre d’Antonio), e portano con loro i ragazzi" , dice l'Antonio , "E io , con l'Enrico, (che era uno scapolone che abitava nella stessa cascina), andiamo a cercare il ragazzo e lo portiamo a casa". Girando a destra e sinistra, ha ritrovato il suo ragazzo che girava anche lui alla ricerca dei suoi, gli ha dato uno scappellotto per fargli passare lo spavento e quando si è avviato per tornare a casa non hà più trovato l'Enrico.
Ha guardato un pò in giro, poi si è detto, dentro di sè, "É un uomo , saprà tornare a casa da solo". Cosa ti combina l'Enrico ? : quando non ha più trovato l'Antonio, ha cominciato a cercarlo nelle osterie, si è fatta notte, è scesa la nebbia, e l'Enrico, ubriaco non trovava più la strada del ritorno. Dopo più di un'ora che girava per le stradine senza riuscire a raccapezzarsi, ha visto un lumicino lontano e si è diretto verso quella luce. Quando si è avvicinato, ha visto che era vicino a una cascina , ma non ha capito quale cascina fosse . "Gente di casa, galantuomini, capofamiglia, massaia", grida l'Enrico prima di farsi avanti, ma nessuno risponde.
Entra nel cortile, continuando a gridare, ma non compare nessuno; si avvicina a una porta dalla quale esce una luce, chiama, bussa, ma nessuno risponde. Apre la porta e vede un cadavere disteso su una tavola, con quattro candele a lato; smarrisce quel poco raziocinio che gli era rimasto e se la da a gambe, terrorizzato.
Durante la corsa ha urtato un mastello che era nel cortile ed è andato gambe all'aria, dallo spavento ha lanciato un grido e ha continuato a correre, zoppicante.
Gli uomini della cascina, che stavano vegliando il morto in un locale attiguo, recitando il Rosario, sentito il rumore che aveva provocato l'Enrico, sono usciti di corsa e vista la porta aperta e un'ombra che fuggiva, hanno pensato che fosse fuggito il morto, sono scappati anche loro, ma dall'altra parte. L'Enrico ha girovagato per tre giorni, prima che gli passasse lo spavento, e quando à ritrovato la strada è tornato alla cascina, e da allora non si è più allontanato dalla cascina e non hi più bevuto vino.

Giovanni Bandera Dicembre 1976


Altre composizioni di Giovanni Bandera