A tho incuntr di Angelo Azzimonti- poesia dialettale in Bustocco

A tho incuntr


A tho incuntr
in da fcia da m mma
chl d che i oeugi hu vrtu a prma voeulta.
A tho incuntr
pietsu in da disgrzia
e ti mhe di na mn par sulevmi:
ti mhe gurd e parl conti persn
che in ch d sci a mhin a sti visn.
A tho incuntr
giuisu in dul sursu
da chla tsa cha mha vurz bn
e urmi da tnti n a la divdi
e gii e crzzi e i bi cun mn.
A tho incuntr
in di m d balti
cndu hin nasi e cndu, d par d,
ham fi divent vu chl bl sgn
che a voeulti al ma paa urmi fin.
Ta incontru
aa matina, candu ul s
al pza tanti gti da rusa,
ta incontru
a nci fonda, cndu i stel
i fn ricm dargntu e du in cil,
in dul silnziu
in scm a na muntgna
dugh tra tra e cil gh non cunfn,
in di germi cha sponta in da campgna
par d che a vita la finssi p.
Ta incontru ogni voeulta cha perdnu,
ta incontru ogni voeulta cha fadgu,
ta incontru ogni voeulta che un castgu
ti me sparmssi par ul m cha f.
E tci sti incontri ma trasfrman:
a voeulti delici m na gla
a voeulti frti tmun bravali,
hin smpar lsi in mzu al buscu scu.
Signi,
chl d che a vltima stela
e l vltam s han da bril par mn,
fa cha ta incontru conta stssa fcia
da mma can la incontra ul s baln!
Ti ho incontrato
nella faccia della mia mamma
quel giorno che gli occhi ho aperto la prima volta.
Ti ho incontrato
pietoso nella disgrazia
e mi hai dato una mano per sollevarmi:
mi hai guardato e parlato con le persone
che in quei giorni scuri mi sono state vicine.
Ti ho incontrato
gioioso nel sorriso
di quella ragazza che mi ha voluto bene
e oramai da tanti anni divide
le gioie e i crucci e le ore belle con me.
Ti ho incontrato
nei miei due bambini
quando sono nati e quando, giorno per giorno,
hanno fatto diventare vero quel bel sogno
che a volte mi pareva oramai finito.
Ti incontro
alla mattina, quando il sole
accende tante gocce di rugiada,
ti incontro
a notte fonda, quando le stelle
fanno i ricami dargento e doro in cielo,
nel silenzio
in cima a una montagna
dove tra terra e cielo non c confine,
nei germogli che spuntano nella campagna
per dire che la vita non finisce pi.
Ti incontro ogni volta che perdono,
ti incontro ogni volta che fatico,
ti incontro ogni volta che un castigo
mi risparmi per il male che faccio.
E tutti questi incontri mi trasformano:
a volte delicati come un nastro
a volte forte come un temporale con vento violento,
sono sempre luci in mezzo al bosco scuro.
Signore,
quel giorno che lultima stellata
e lultimo sole hanno da brillare per me,
fa che ti incontri con la stessa faccia
della mamma quando ha incontrato il suo bambino!


Altre composizioni di Angelo Azzimonti