Perdon – di Angelo Azzimonti - poesia dialettale in Bustocco

Perdon


Questa composizione si riferisce ad un infanticidio avvenuto a Busto negli anni '80 del XX secolo. La madre, ragazza madre, venne incarcerata e fu proprio Angelo Azzimonti, assieme ad amici, a sistemare anni dopo il piccolo tumulo abbandonato della piccola vittima, al cimitero. Commento e traduzione di Enrico Candiani

La gh'éa dumá trí dí sta póa balìna
e lu purtéan giá via dáa só cá:
apèna 'l é nassüa, a só mamìna
'l ha decidü da fála sufegá.

Un mutiö da tèra, senz'un fiúi,
i passaiti a fàghi cumpagnia
in sü a giurnáa, e i Angiar dul Signúi
gha càntan a nina nána chan 'l é sía.

Ma in mezu áa noci, insèma a chi ól balìti
che a gh'é lá inturnu, la vègn föa par fá
a girimbèla al ciau di lümiti:
in cièl a lüna la stá là a guardá.

La senti da luntàn a só vusèta
na dona, dirsedáa, in dáa presón:
"a sum cunténta, a sum a tó tusèta,
mamìna, ta pardónu, piàngi non !..."

Aveva solo tre giorni sta povera bambina
e la portavano già via dalla sua casa:
appena è nata, la sua mammina
ha deciso di farla soffocare.

Un mucchietto di terra, senza un fiore,
i passerini a farle compagnia
durante il giorno, e gli angeli del Signore
le cantano la ninna nanna quando è sera.

Ma nel mezzo della notte, insieme agli altri bambini
che sono li attorno, esce per fare
il girotondo alla luce dei lumini:
in cielo la luna sta a guardare.

Sente da lontano la sua vocina
una donna, sveglia, in prigione:
"Sono contenta, son la tua bambina,
mammina, ti perdono, non piangere !..."




Altre composizioni di Angelo Azzimonti