A rizeta (La ricetta) - di Angelo Azzimonti - Bustocco

A Rizeta

Tratto da: Gti da rus




D o tr branci dami, da chl bn,
na prsa un pbundnti da pascnza,
na gta da nagta in s a cuscnza
menscii a n bl cgi da cumprensin,

un fiscu smpar prontu da legra,
na tzza da perdn p i schirligi,
na bila da curgiu pa i mai
e pa i ufsi da ranci ma,

un gran paioeu vungi da bna ca
con dntar tnti tchi da bunt
par ch gha fm, par ch dinvrnu al ga,
par ch gha pna, par ch l trabl:

l chsta ch a rizzta dun gran coeugu
che fina m lha fi a scna bna
par mn, pa i m balti, p a m dna
cand sm seti insma, arnti al foeugu.

A tnti chi sn p nda l a speranza
e i pnsan da spartissi o divurzi
ga dsu da pru, con sta pitnza,
a paegissi a scna e b l disn.


Due o tre manciate damore di quello buono,
un pizzico un po abbondante di pazienza,
una goccia di niente sulla coscienza
mescolati ad un bel cucchiaio di comprensione,

un fiasco sempre pronto di allegria
una tazza di perdono per chi scivolato (sbandato)
un recipiente di coraggio per gli ammalati
e per le offese nessun rancore,

un grande paiolo unto di un viso sorridente
con dentro tanti pezzi di bont
per chi ha fame, per chi dinverno gela,
per chi ha pena, chi tribolato

questa la ricetta di un gran cuoco
che fino adesso ha fatto la cena buona
per me, per i miei bambini, per mia moglie
quando siamo seduti insieme, vicino al fuoco.

A tanti che non sanno pi dov la speranza
e pensano di separarsi o divorziare
le dico di provare, con questa pietanza
a prepararsi la cena e anche il pranzo.





Angelo Azzimonti


Altre composizioni di Angelo Azzimonti