Sant'Anna - di Angelo Azzimonti

Santna



In dugh n tempu a gha dum brgha
e na strala in vsa c dul lu
a gh sbuci, me n fii in primava,
un bel paesi chal risplendi al su.

Hin tanti c meti da curna
a na camna cha la f da gsa
intitula a Mma da Madona:
un gesi da lgn, da poca spesa.

E genti a gh riv in gran funzion,
hin venezian insma a calabresi,
sa truar un bstocu si e b non
in meza trentatri di l paesi;

per, se i dialeti hin diferenti
a fcia da Santna a l radiusa
parch sa intendan tci facilmenti
cndu i van l a parl al... Fi da s Tsa!


Dove un tempo c'era solo brughiera
e una stradina verso la casa del lupo
sbocciato, come un fiore di primavera
un bel paese che risplende al sole.

Son tante case costruite a corona
e una capanna che funge da chiesa
intitolata alla mamma della Madonna:
una chiesupola di legno, di poca spesa.

E genti sono arrivate in funzione,
son veneti insieme a calabresi,
si trover un bustocco si e no
in mezzo a trentatre di altri paesi;

per, se i dialetti son differenti
il viso di San'Anna radioso
perch si intendon tutti facilmente
quando van li a parlare al .. figlio di sua figlia !




Angelo Azzimonti

Digitalizzazione di Angelo Crespi, traduzione di Enrico Candiani

Altre composizioni di Angelo Azzimonti