Spazacá - di Angelo Azzimonti - Bustocco

Spazacá


Sut' a 'na cuèrta da malincunia
gha dörmi, pien da pùlvra, un mondu vègiu,
un ràgn, a pùsi a 'n spègiu,
al guarda a cámula cha sgua via;

'na stafinìa, a früsta e 'l calimón,
un fièl, una lücerna, un giù, 'n paiö
e, dent' d'un stantiö,
'na gran pupòla bionda da carton,

i dorman, o i riascultan trasugnái,
dáa tromba d'un gramofun senza vusi,
i valzar meludiusi
reliqui di só tempi tramuntái?

Solaio


Sotto una coperta di malinconia
dorme, pieno di polvere, un mondo vecchio
un ragno, vicino a uno specchio,
guarda una tarma volar via;

un piatto per mondare il riso, una frusta e un calimon,
un arcolaio, una lucerna, un giogo, un paiolo
e, dentro un girello,
una gran bambola bionda di cartone

dormono, o ascoltano di nuovo trasognati,
dalla tromba di un gramofono senza voce,
i valzer melodiosi
reliquie di tempi ormai tramontati ?

Angelo Azzimonti - da "Guti da rusáa
Traduzione di Enrico Candiani

Altre composizioni di Angelo Azzimonti