A citt di morti - Angelo Bottigelli - poesia dialettale in Bustocco

A citt di morti



In mezzu a sta citt da monmenti
bianchi e freggi
son chi a truv i m Morti.
Son chi a truv i m veggi,
i amisi, i cunuscenti,
e ttta chella genti cha spend par mn
chell gran tesoru cha sa ciama ul ben.

Quanti ricordi chai paan luntan
ga torna in dul m co;
quanti feri cha shinn seri pian pian
in dul m coeui sa vran anca mo...

Oh citt di nostar Morti,
bianca e mta,
cume chal parla ciau ul to silenziu
a chi ta s scult!

Chella che pian pianen la pensa a livell
a unnicu livell ttti basi
da chell scan da sabia cha l ul mondu,
chi insc la ta cubi, me tant fradi,
ben suttu al fondu,
ul grandu el piscinen,
ul sciui el pu, umil el caf,
chell che a stu mondu a la fi ul can
e chel cha fi dul ben,
ul preputenti e umili,
ul pr mangia a s non
e chel cha gh crep da indigestion.

E a l propi da Lui cha ga vegn s,
cha ga vegn s di crusi
stu coru immensu e sta immensa vusi.
Vusi cha l monitu tremendu
par chi cha f suffr,
vusi cha consula chi cha piangi
parch la ga dis : Spera !
Vusi da Fedi, da rassegnazion,
vusi da pasi,
vusi cha dis : Vurvasi m non !

Scultemm a vus di Morti,
sta vusi l un gran faru par chi resta,
a l una stra maestra,
l regula da vita par noeun vivi,
bon e cattivi.
In mezzo a questa citt di monumenti
bianchi e freddi
sono qui a trovare i miei Morti.
Sono qui a trovare i miei vecchi,
gli amici, i conoscenti,
e tutta quella gente che hanno speso per me
quel grande tesoro che si chiama bene.

Quanti ricordi che parevano lontani
che tornano nella mia testa;
quante ferite che si sono chiuse piano piano
nel mio cuore si aprono ancora...

Oh citt dei nostri Morti,
bianca e muta,
come parla chiaro il tuo silenzio
a chi ti sa ascoltare!

Quella che piano pianino pensa a livellare
a un unico livello tutti i gradini
di quello scalone di sabbia che il mondo
qui ci ha accoppiato, come tanti fratelli,
bene sotto al fondo,
il grande e il piccolo,
il ricco e il povero, lumile e il cafone,
quello che a questo mondo ha fatto il Caino
e quello che ha fatto del bene,
il prepotente e lumiliato,
il povero che non mangia abbastanza
e quello che crepa di indigestione.

proprio da Loro che vengono su,
che vengono su delle croci
questo coro immenso e questa immensa voce
Voce che un monito tremendo
per chi che fa soffrire,
voce che consola chi piange
perch le dice : Spera!
Voce di fede, di rassegnazione,
voce di pace,
voce che dice : Non voletevi male!

Ascoltiamo la voce dei Morti,
questa voce un gran faro per chi resta,
una strada maestra,
regola di vita per noi vivi,
buoni e cattivi.


Altre composizioni di Angelo Bottigelli