Il giorno dei morti - di Angelo Bottigelli - poesia dialettale in Bustocco

Ul d di morti



L na giurna sca.
Pian pian, dul ciel cha l senza cului,
ga pioeui na brma fina, spessa e grassa,
cha pnetra in di ossi a metti freggiu
e den dul coeui na gran malincunia.
In vsa al Campu Santu ma incamminu
a dr a una culonna da personn
cha v in silenziu con bassu ul c.

A l un pelegrinaggiu da dului
versu chi cha gh p :
A mamma, ul p, i fradei,
uomm, a dona, i fioeu....
Ul ciel al par chal dis : Piang, piang !

I pianti longul vial dul Campu Santu
ghann p nanca na frasca,
e chi pr ramm biutti e pei
i pan invucazion danimin pena.

Un passan, un stramscioeu da penn,
in s un muon al par chal vuess cant,
ma l bon non.

Da chell so beccu chal farfuia s
a ga vegn foeua un c c c stant,
e son sicru che, a so mana,
a l dr piangi an l.
una giornata scura
Piano piano, dal cielo che senza colore,
Piove una bruma fine, spessa e grassa
che penetra nelle ossa e mette freddo
e dentro nel cuore una grande malinconia.
Verso il Campo Santo mi incammino
dietro ad una colonna di persone
che va in silenzio e con la testa bassa.

un pellegrinaggio di dolore
verso chi non c pi :
La mamma, il pap, i fratelli,
il marito, la moglie, i figli....
Il cielo pare che dica : Piangete, piangete !

Le piante lungo il viale del Campo Santo
non hanno pi neanche una foglia,
e quei poveri rami nudi e pelati
sembrano invocazioni danime in pena.

Un passero, un cosettino di penne,
sopra ad un gelso pare che volesse cantare,
ma non capace,

Da quel suo becco che balbetta
viene fuori un c c c stentato,
e sono sicuro che, alla sua maniera,
sta piangendo anche lui.


Angelo Bottigelli 2-11-1938 Alla memoria del mio caro pap

Digitalizzazione di Angelo Crespi
Altre composizioni di Angelo Bottigelli