Il vero ricco - di Angelo Bottigelli - poesia dialettale in Bustocco

Ul veu Sciui



'L fursi chell b d'u cha gira inturnu
cun chell gran cadenn sl cunsul,
o chell che, inveci, a 'l la suturnu
a impign s marenghi a ttt'and ?

'L fursi chell che sett gi in pultrona
al passa tttu ul santu d al caf,
oppr 'l chell che, insemma a'na cai dna,
a la stranocia e al trasa i so dan ?

No'non, cred, 'l non ul palp
chell cha fa sciui un'omm, demm tr a mn:
Chella muneda insc preziusa, o fi,
la sa tra non al fondu d'un bursen !

Ul veru sciui 'l chell che in da so crapa
al g'ha un cervell ch'a pensa noci e d,
'l chell ch'a senti a batti in da so trapa,
ma non dum parch l al sbia l,

chel certu robu ch'a sa ciama ul ci,
chel robu cha fa piangi e fa giu,
ch'al ta cunsula oppr al ta cumi,
bon da fa godi e bon da fa suffr.

Chel robu ch'al a sedi d'ogni ben,
e fonti d'ogni amui, d'ogni virt,
chel ci ch' al insc tantu piscinen
e b al ta po' cuntgn ul mondu an'l.

Ul veru sciui al chella persona
cha vedi in d'un'oltr'omm un so fradell,
'l chell ch' bon da piangi sa ga sona
un pezzu da Chopin, o se un'sell

cup da un cacciadui 'l l in d'un fossu
con verti i ai e ul beccu insanguin,
'l chell cha godi quandu al vedi in scossu
daa mama un bel bambn ch' dr a tett,

'l chell ch' pien d'inggn, da sentimenti,
ch'al ga vi ben ai fiui, ai fi, ai stell,
ch'al senti in dul so ci, cuntinuamenti,
una canzon par ttt'chell cha gh' bell.

Insumma, ul sciui cont'u esse in stampatell,
'l chell ch'al sent'ul ci pien da puesia
e centu ri ch'a gira in dul so co',
'l chel che, senza nanca a crus d'un ghell,
al fssi in dul desertu o in du sa sa,
al senti che 'stu mondu a 'l ttt so !

forse quel bue d'oro che gira intorno
con quel grande catenone sulla pancia,
o quello che, invece, la nascosto
ad ammucchiare marenghi a tutto andare ?

forse quello che seduto in poltrona
passa tutto il santo giorno al caff,
oppure quello che, insieme ad una qualche donna,
tira notte tarda e sciupa i suoi soldi ?

No non credete, non il sacchetto dei soldi
quello che fa signore un uomo, date retta a me:
Quella moneta cos preziosa, o ragazzi,
non si trova al fondo di un borsellino !

Il vero signore quello che nella sua testa
ha un cervello che pensa notte e giorno,
quello che sente battere nella sua trappola,
ma non solo perch lui sia li,

quel certo coso che si chiama cuore,
quel coso che fa piangere e fa gioire,
che ti consola oppure ti fa commuovere,
buono da farti godere e buono di farti soffrire.

Quel coso che la sede di ogni bene,
e fonte di ogni amore, d'ogni virt,
quel cuore che cos tanto piccolino
ebbene lui ti pu contenere anche il mondo.

Il vero signore quella persona
che vede in un altro uomo il suo fratello,
quello che capace di piangere se suona
un pezzo di Chopin, o se un uccello

ucciso da un cacciatore l in un fosso
con aperte le ali e il becco insanguinato,
quello che gode quando vede in braccio
alla mamma un bel bambino che sta succhiando il latte,

quello che pieno d'ingegno e sentimenti,
che vuole bene ai fiori, ai bambini, alle stelle,
che sente nel suo cuore, continuamente,
una canzone per tutto quello che bello.

Insomma, il signore con la esse in stampatello,
quello che sente il cuore pieno di poesia
e cento ruote che girano nella sua testa,
quello che, senza neanche la croce di un centesimo,

se fosse nel deserto o in qualsiasi posto,
sente che questo mondo tutto suo !


Angelo Bottigelli 21-8-1941

Digitalizzazione di Angelo Crespi
Altre composizioni di Angelo Bottigelli