La nostra offerta - di Angelo Bottigelli - poesia dialettale in Bustocco

A nosta uferta


Surrisi e lacrim, preghieri e invucazión,
ringraziamenti, raggi da sú e d'amúi,
sguardi lüsenti, genti in ginügión,
festa in dul coeui, magon, basitti e fiui...

Eccu ul buché che Büsti, inscì, alla bona
cume a l'é só custümm, l'ha vurzü uffrì
par dimustrati an'mo, cáa Madona,
tüttu ul so amui, tüttu ul so ben par Ti.

Gradissi 'stu nost'mazzu, 'sta cuóna,
e fa ch'a la po' vess' presenti a Ti,
al To gran coeui da Mama e da Madona,
in ogni istanti, in ogni ua dul dì.

Ta saán presenti, inscì, i nostar miséi,
i debulezzi, i crüzzi, ul nost' pensá,
i affetti e i odi, a pasi e i trabüléi,
i gioi e i dispiesé, ul ben e ul má.

E ul To gran coeui, ch'al riva da par tüttu,
al rivaá a succurri e a cunsulá
chi g'ha bisoeugn dul To süpremu aütu,
dul To cunfortu par non disperá.

Parchè quand'tüttu al pai ch'a croda giù
guardandu a Ti, ga turna a spuntá ul sú.

Sorrisi e lacrime, preghiere e invocazioni,
ringraziamenti, raggi di sole e d'amore,
sguardi lucenti, genti in ginocchio,
festa nel cuore, magoni, baci e fiori...

Ecco il buche che Busto, così, alla buona
come è suo costume, ha voluto offrire
per dimostrarti ancora, cara Madonna
tutto il suo amore, tutto il suo bene per Te.

Gradisci questo mazzo, questa corona,
e fai che può essere presente a Te,
al Tuo gran cuore di Mamma e di Madonna,
in ogni istante, in ogni ora del giorno.

Ti saranno presenti, così, le nostre miserie,
le debolezze, i crucci, il nostro pensare,
gli affetti e gli odi, la pace e il tribolare,
le gioie e i dispiaceri, il bene e il male.

E il Tuo gran cuore, che arriva da per tutto,
arriverà a soccorrere e a consolare
chi ha bisogno del Tuo supremo aiuto,
del Tuo conforto per non disperare.

Perché quando tutto pare cadere giù,
guardando Te torni a spuntare il sole.



Angelo Bottigelli Busto Arsizio, 19-5-1943
Dopo il trasporto della Madonna dell'Aiuto al Suo Santuario

Digitalizzazione di Angelo Crespi
Altre composizioni di Angelo Bottigelli