Articoli e notizie di carattere storico, culturale, tradizionale bustocco

-
-
Letteratura bustocca (Di E. Candiani)
-
Uso del dialetto: fermata l'emorragia
-
Difesa del Bustocco: Una battaglia d'avangardia!
-
E' una lingua viva !
-
E' una lingua molto particolare, anzi unica !
-
Alessandro Manzoni ed il genocidio culturale
-
Uno scempio contro il Bustocco
-
Genocidio culturale
-
Siccità, fame e cannibalismo a Busto
-
Il Fiume di Busto Arsizio - il Tenore di E. Candiani
-
Prima edizione fiera del tessile (1951) di Enrico Candiani
-
Soprannomi a Busto Arsizio e soprusi di menti ottuse di C. Azimonti
-
Storia della Contea di Busto Arsizio
-
Il vino bustocco
-
La storia di Sacconago
-
Federico Barbarossa passò da Sacconago di G. Grilli
-
Sacconago: vita nel 1500 di G. Grilli
-
1636: Sacconago e le soldataglie Francesi di G. Grilli
-
Storia di parroci di Sacconago nel '600 di G. Grilli
-
Storie sparse antiche di Sacconago di G. Grilli
-
Cineteatro Lux anni '50 di G. Grilli
-
Storia del "Quadrelli" di Elena Saporetti
-
La fine del comune di Sacconago di G. Grilli
-
Ottanta anni fa a Sacconago di G. Grilli
-
La Cascina dei poveri dal club del '45
-
Laslo Kubala a Busto di Giorgio Giacomelli
-
Le origini del calcio a Sacconago di Giorgio Giacomelli
-
Scorci di una Busto che fu: il Bar Fiume di Giorgio Giacomelli
-
A rincorrere un pallone per le campagne di Busto di Giorgio Giacomelli
-
Calcio anni '40 di Giorgio Giacomelli
-
Pro Patria-Carrarese - 1947 di G. Giacomelli
-
Contratti per bestie ! di Giorgio Giacomelli
-
Storia del "Pan Tramvai" di Giorgio Giacomelli
-
La "Ca' de Sass" in un articolo del 19 (Di E. Candiani)
-
A scarpa di Remagi
-
La spizigüa
-
La storia della Giöbia
-
La Giöbia dal club del '45
-
La giöbia di Busto Arsizio negli anni
-
La giöbia e ul dì scenen di Carlo Azimonti
-
San Biásu di Enrico
-
Quaresimali e quaresimalisti a Sacconago di Ginetto Grilli
-
Pasqua a Busto di Carlo Azzimonti
-
La pasqua ricordata dai nostri vecchi
-
Pasqua ... una volta
-
Madonna in Veronca: la 'mitezza' dei Bustocchi
-
A funzión di galüghi di Enrico
-
La processione di maggio e la benedizione dei campi di C. Azimonti
-
Antiche usanze alla festa di San Giovanni a Busto
-
Festa patronale di Sacconago di Ginetto Grilli
-
Ricordi della Chiesa vecchia di Sacconago di G. Grilli
-
Quando era estate a Sacconago di Ginetto Grilli
-
Coltivazione e raccolta del mais
-
Busto: terra di vino di Enrico
-
San Michele e gli sfratti di Enrico
-
Le ombre dei morti di Enrico
-
A lòta du ursu di Carlo Azimonti
-
I strji da Büsti di Carlo Azimonti
-
Ul ventu e i strji di Carlo Azimonti
-
Il Natale a Busto Arsizio
-
Il pranzo di Natale
-
Filosofia del Natale dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Filosofia del bere dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Modi di dire
-
Proverbi Bustocchi - I (di A. Crespi)
-
Proverbi "bustocchizzati (di A. Crespi)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - I (di C. Azimonti)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - II (di C. Azimonti)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - III (di C. Azimonti)
-
La corruzione elettorale (di C. Azimonti)
-
Filosofia del lavoro dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Medicina e cure mediche a Busto Arsizio
-
Parlèm da dané ! di Carlo Solbiati
-
Puasén da Monscia ! di Carlo Solbiati
-
Il Senatore Silvio Crespi di Giorgio Giacomelli
-
La Marialonga di Sacconago di Ginetto Grilli
-
La "società degli stupidi" di Sacconago da "La Prealpina" - 1964
-
Ul Farascén e ul Pisagügi di Carlo Solbiati
-
Salotto Bustese anni '50" di Giorgio Giacomelli
-
Stelle Filanti anno 1950" di Giorgio Giacomelli
-
L'ultimo viaggio di Carlo Azimonti" di Giorgio Giacomelli
-
Bruno Bisterzo, pugile Bustese di Giorgio Giacomelli
-
Angelo Borri, il "baffo" di Giorgio Giacomelli
-
Angelo Borri, parte 2^ di Giorgio Giacomelli
-
L'osteria dul Murlacu di G. Giacomelli
-
L'associazione "in tra da nögn"
-
A Camana dul Vitoriu (video)
-

 La visita del Presidente Einaudi a Busto Arsizio

La prima edizione della mostra del tessile a Busto Arsizio


17 settembre 2016

Forse il più grande vanto, il migliore momento della nostra città, quello in cui Busto Arsizio ha veramente offerto il meglio di sè, è stata la creazione della esposizione (fiera) della tessitura.

Busto già da decenni era assurta a punta di diamante di una industria manifatturiera tessile, specie del cotone, quando, conclusi il secondo conflitto mondiale, sorse il progetto di realizzare in città una esposizione fieristica sulla tessitura.

Con la tempra degli uomini di quella generazione, in pochi anni, con mezzi che - alla luce della tecnologia moderna - potremmo considerare quasi primitivi, venne realizzato l'edificio ed organizzata l'esposizione fieristica. Oggi alla città manca decisamente quella tempra, visto che non v'è più ombra di simili potenti iniziative.

Fu così che nell'ottobre del 1951 si tenne la prima edizione della fiera detta 'Mostra del tessile e degli artigiani'. In realtà si trattava della fusione di due iniziative. Era la prima edizione della Mostra nazionale bustese del Cotone del rayon e delle macchine tessili, e della quinta edizione della esposizione provinciale del lavoro artigiano.

Si trattò di una iniziativa che ebbe risonanza quantomeno nazionale.
L'inaugurazione fu domenica 30 settembre 1951.
Giovedì 11 ottobre 1951 fu visitata dal Primo Presidente della Repubblica, il grande Luigi Einaudi, che passò in rassegna l'intera città e i suoi monumenti produttivi.
Einaudi fu particolarmente legato alla nostra città sin da quando, ad inizio secolo, da docente di economia, aveva scritto un saggio su Enrico Dell'Acqua, la cui definizione di 'principe mercante' è proprio frutto della fantasia dello stesso Einaudi.

Avuta contezza della visita del Presidente, dal martedì al giovedì, la 'macchina bellica' tessile trasformò 5 mila metri di tessuto greggio in vessilli tricolori che andarono ad agghindare tutte le abitazioni private facendo della città stessa un vero e proprio vessillo tricolore.
Il Sindaco Rossini, i parlamentari on. Tosi e Sen. Santero, il Prefetto Vincenti accolsero il Presidente alla stazione. Riconobbe molte persone con cui aveva diviso la carriera accademica o di cui fu docente. Lo stesso presidente della Mostra, Benigno Airoldi, ebbe in Einaudi il proprio docente di Economia e scienza delle finanze.
Visitò il Cotonificio Bustese, dove fu accolto da alcuni dei massimi imprenditori dell'epoca, i commendatori Tognella, Schapira e Mayer. Strinse le mani a molti operai, fra cui il più vecchio della ditta e molti giovani. Visitò anche l'ospedale cittadino ed il centro tumori in particolare.

L'intera visita durò poco più di tre ore, dalle 8.15 alle 11.54, quando partì il treno con cui il Presidente lasciò la città.



Il 13, due giorni dopo la visita, Il presidente spedì quattro telegrammi di ringraziamento al Prefetto, al Sindaco, al Presidente del comitato mostra ed al Prof. Solaro (direttore del centro cura del cancro), compiacendosi per l'accoglienza ricevuta e l'esempio di grande lavoro che la città gli aveva mostrato.

Domenica 14 la mostra fu visitata dal ministro del Lavori Pubblici Aldisio, dal ministro dei trasporti Pietro Malvestiti, dal console d'Argentina a Milano, dal segretario del consolato d'Israele a Milano. L'ultimo giorno della mostra, lunedì 15 ottobre, vide anche la visita del ministro del lavoro Leopoldo Rubinacci, il quale visitò anche il cantiere di Sacconago, in via Ferrer, ove erano in realizzazione una serie di edifici destinati ad abitazioni popolari.


Enrico Candiani.
Ricerca fonti di Angelo Crespi.
Foto da 'La Prealpina'


Articoli di Storia