Articoli e notizie di carattere storico, culturale, tradizionale bustocco

-
-
Letteratura bustocca (Di E. Candiani)
-
Uso del dialetto: fermata l'emorragia
-
Difesa del Bustocco: Una battaglia d'avangardia!
-
E' una lingua viva !
-
E' una lingua molto particolare, anzi unica !
-
Alessandro Manzoni ed il genocidio culturale
-
Uno scempio contro il Bustocco
-
Genocidio culturale
-
Siccità, fame e cannibalismo a Busto
-
Il Fiume di Busto Arsizio - il Tenore di E. Candiani
-
Prima edizione fiera del tessile (1951) di Enrico Candiani
-
Soprannomi a Busto Arsizio e soprusi di menti ottuse di C. Azimonti
-
Storia della Contea di Busto Arsizio
-
Il vino bustocco
-
La storia di Sacconago
-
Federico Barbarossa passò da Sacconago di G. Grilli
-
Sacconago: vita nel 1500 di G. Grilli
-
1636: Sacconago e le soldataglie Francesi di G. Grilli
-
Storia di parroci di Sacconago nel '600 di G. Grilli
-
Storie sparse antiche di Sacconago di G. Grilli
-
Cineteatro Lux anni '50 di G. Grilli
-
Storia del "Quadrelli" di Elena Saporetti
-
La fine del comune di Sacconago di G. Grilli
-
Ottanta anni fa a Sacconago di G. Grilli
-
La Cascina dei poveri dal club del '45
-
Laslo Kubala a Busto di Giorgio Giacomelli
-
Le origini del calcio a Sacconago di Giorgio Giacomelli
-
Scorci di una Busto che fu: il Bar Fiume di Giorgio Giacomelli
-
A rincorrere un pallone per le campagne di Busto di Giorgio Giacomelli
-
Calcio anni '40 di Giorgio Giacomelli
-
Pro Patria-Carrarese - 1947 di G. Giacomelli
-
Contratti per bestie ! di Giorgio Giacomelli
-
Storia del "Pan Tramvai" di Giorgio Giacomelli
-
La "Ca' de Sass" in un articolo del 19 (Di E. Candiani)
-
A scarpa di Remagi
-
La spizigüa
-
La storia della Giöbia
-
La Giöbia dal club del '45
-
La giöbia di Busto Arsizio negli anni
-
La giöbia e ul dì scenen di Carlo Azimonti
-
San Biásu di Enrico
-
Quaresimali e quaresimalisti a Sacconago di Ginetto Grilli
-
Pasqua a Busto di Carlo Azzimonti
-
La pasqua ricordata dai nostri vecchi
-
Pasqua ... una volta
-
Madonna in Veronca: la 'mitezza' dei Bustocchi
-
A funzión di galüghi di Enrico
-
La processione di maggio e la benedizione dei campi di C. Azimonti
-
Antiche usanze alla festa di San Giovanni a Busto
-
Festa patronale di Sacconago di Ginetto Grilli
-
Ricordi della Chiesa vecchia di Sacconago di G. Grilli
-
Quando era estate a Sacconago di Ginetto Grilli
-
Coltivazione e raccolta del mais
-
Busto: terra di vino di Enrico
-
San Michele e gli sfratti di Enrico
-
Le ombre dei morti di Enrico
-
A lòta du ursu di Carlo Azimonti
-
I strji da Büsti di Carlo Azimonti
-
Ul ventu e i strji di Carlo Azimonti
-
Il Natale a Busto Arsizio
-
Il pranzo di Natale
-
Filosofia del Natale dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Filosofia del bere dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Modi di dire
-
Proverbi Bustocchi - I (di A. Crespi)
-
Proverbi "bustocchizzati (di A. Crespi)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - I (di C. Azimonti)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - II (di C. Azimonti)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - III (di C. Azimonti)
-
La corruzione elettorale (di C. Azimonti)
-
Filosofia del lavoro dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Medicina e cure mediche a Busto Arsizio
-
Parlèm da dané ! di Carlo Solbiati
-
Puasén da Monscia ! di Carlo Solbiati
-
Il Senatore Silvio Crespi di Giorgio Giacomelli
-
La Marialonga di Sacconago di Ginetto Grilli
-
La "società degli stupidi" di Sacconago da "La Prealpina" - 1964
-
Ul Farascén e ul Pisagügi di Carlo Solbiati
-
Salotto Bustese anni '50" di Giorgio Giacomelli
-
Stelle Filanti anno 1950" di Giorgio Giacomelli
-
L'ultimo viaggio di Carlo Azimonti" di Giorgio Giacomelli
-
Bruno Bisterzo, pugile Bustese di Giorgio Giacomelli
-
Angelo Borri, il "baffo" di Giorgio Giacomelli
-
Angelo Borri, parte 2^ di Giorgio Giacomelli
-
L'osteria dul Murlacu di G. Giacomelli
-
L'associazione "in tra da nögn"
-
A Camana dul Vitoriu (video)
-

 I soprannomi di Busto: storia delle incomprensioni e della grettezza dei pubblici funzionari ieri come oggi

Soprannomi Bustocchi: storia di un sopruso !

Memorie di un Bustocco 1956


Immaginate, con tanti omonimi, che cosa accadeva nel 1900, quando l’immigrazione era minimissima. Quanti equivoci e quale confusione!
Al principio del secolo scorso, Pierino Comotti, dirigente tessile di grande valore volle provare l’emozione di salire nel cielo con un aerostato. Discese in un campo vicino alla Cascina dei Poveri.
A coloro che erano accorsi per aiutarlo a disincagliarsi chiese come si chiamavano.
Risposero con un urlo: “Sem tütt Galòzi” (siamo tutti Gallazzi).
Negli stabilimenti, a cagione delle omonimie, ne accadevano di tutti i colori. Ne chiamavi uno, e se ne presentavano dieci, i presenti venivano scambiati con gli assenti, le multe di uno venivano segnate ad un altro e così pure le ore di straordinario.
Qui bisogna trovare un rimedio, disse il Pastorello (Lualdi) che aveva uno stabilimento di preparazione in via dei Mille.
Trovato dissero i capi-reparto: ribattezziamo i nostri operai con un nome diverso l’uno dall’altro!
Detto fatto. Ecco i vari nomignoli ad essi affibbiati: Saèta, Bravalei, Scighea, Menafregiu, Geà, Palton.
Vurcelasciu, Scigueton, Curbatu, Parüscia, Sturnèl, Mèrlu, Quaia, Gagia, Strigazotu, Cucù, Ucon, Pulon, Piion, Capon da pendizi, Marsinen.
Legua, Ghezu, Liserton, Raton, Cagnasciu, Gaton, Camel, Luasciu, Murigeu, Bruchen.
Balanzon, Gossu, Uegiatu, Stortacol, Ranzon, Gheubu, Nason, Niagiatu, Dencion, Negron, Corussu, Tartaia, Sciabal, Müselon, Sbièsu, Pataoncia, Peaon, Zilen, Tuscen, Canèla, Soca, Pedèla, Moniga, Selvascia, Bartula, Patan.


Zapèla, Papuzu, Grisceta, Bargnifu, Taèla, Caricei, Magrascèna, Pacion, Pucia, Fèssa, Tunèla, Turèla, Precotu.
Alle donne vennero appioppati questi altri nomignoli.
Spurgenza, Panscieta, Ciapona, Chichina mustasa, Pulpeta, Garascieua, Lapèta, Ugiona, Zimèla, Tapaèla, Campasceua, Suatona, Giloca, Purgrèna, Bionda, Buscascia, Zupèta, Peciona, Mucina, Slambroza, Peluia, Stria, Cardenzona, Marneta.
Per parecchio tempo dal Pasturèl tutto precedette d’incanto meraviglia. Le confusioni e tutti gli inconvenienti spariti. Senonchè, un bel giorno capitarono in fabbrica due ispettori governativi che parlavano in “sai” e non capivano una sola parola in bustocco. Visto che i nomi segnati sui registri non corrispondevano a quelli delle buste paga fecero succedere un pandemonio, minacciando la galera. Ci volle l’intervento del Sindaco (1896 - 1902) Pietro Tosi, del Prevosto (1872 – 1901) Giuseppe Tettamanti e del Prefetto per far capire la ragione ai due furibondi ispettori, i quali si erano ficcati nella testa che esisteva una grave violazione della legge.
A proposito di omonimie, al sottoscritto ne è capitata una molto curiosa.
Un giorno si vide recapitare una ingiunzione di pagamento di spese di giustizia, per essere stato condannato a Casteggio per ubriachezza molesta ! E ci vollero tre anni di tempo per chiarire che si trattava di omonimia.
Tutti possono sbagliare, ma quelli del gas, della luce, dell’acqua, potabile non sbagliano.
E non sbaglia l’esattore, il quale ti sussurra continuamente all’orecchio “ricordati fratello che devi morire”. “E prima di morire paga le tasse”.
Egli è che le tasse si pagano anche dopo morti. E un povero tapino deve lavorare tutta la vita per provvedere ai suoi funerali.


Carlo Azzimonti



Altri articoli di storia