Articoli e notizie di carattere storico, culturale, tradizionale bustocco

-
-
Letteratura bustocca (Di E. Candiani)
-
Uso del dialetto: fermata l'emorragia
-
Difesa del Bustocco: Una battaglia d'avangardia!
-
E' una lingua viva !
-
E' una lingua molto particolare, anzi unica !
-
Alessandro Manzoni ed il genocidio culturale
-
Uno scempio contro il Bustocco
-
Genocidio culturale
-
Siccità, fame e cannibalismo a Busto
-
Il Fiume di Busto Arsizio - il Tenore di E. Candiani
-
Prima edizione fiera del tessile (1951) di Enrico Candiani
-
Soprannomi a Busto Arsizio e soprusi di menti ottuse di C. Azimonti
-
Storia della Contea di Busto Arsizio
-
Il vino bustocco
-
La storia di Sacconago
-
Federico Barbarossa passò da Sacconago di G. Grilli
-
Sacconago: vita nel 1500 di G. Grilli
-
1636: Sacconago e le soldataglie Francesi di G. Grilli
-
Storia di parroci di Sacconago nel '600 di G. Grilli
-
Storie sparse antiche di Sacconago di G. Grilli
-
Cineteatro Lux anni '50 di G. Grilli
-
Storia del "Quadrelli" di Elena Saporetti
-
La fine del comune di Sacconago di G. Grilli
-
Ottanta anni fa a Sacconago di G. Grilli
-
La Cascina dei poveri dal club del '45
-
Laslo Kubala a Busto di Giorgio Giacomelli
-
Le origini del calcio a Sacconago di Giorgio Giacomelli
-
Scorci di una Busto che fu: il Bar Fiume di Giorgio Giacomelli
-
A rincorrere un pallone per le campagne di Busto di Giorgio Giacomelli
-
Calcio anni '40 di Giorgio Giacomelli
-
Pro Patria-Carrarese - 1947 di G. Giacomelli
-
Contratti per bestie ! di Giorgio Giacomelli
-
Storia del "Pan Tramvai" di Giorgio Giacomelli
-
La "Ca' de Sass" in un articolo del 19 (Di E. Candiani)
-
A scarpa di Remagi
-
La spizigüa
-
La storia della Giöbia
-
La Giöbia dal club del '45
-
La giöbia di Busto Arsizio negli anni
-
La giöbia e ul dì scenen di Carlo Azimonti
-
San Biásu di Enrico
-
Quaresimali e quaresimalisti a Sacconago di Ginetto Grilli
-
Pasqua a Busto di Carlo Azzimonti
-
La pasqua ricordata dai nostri vecchi
-
Pasqua ... una volta
-
Madonna in Veronca: la 'mitezza' dei Bustocchi
-
A funzión di galüghi di Enrico
-
La processione di maggio e la benedizione dei campi di C. Azimonti
-
Antiche usanze alla festa di San Giovanni a Busto
-
Festa patronale di Sacconago di Ginetto Grilli
-
Ricordi della Chiesa vecchia di Sacconago di G. Grilli
-
Quando era estate a Sacconago di Ginetto Grilli
-
Coltivazione e raccolta del mais
-
Busto: terra di vino di Enrico
-
San Michele e gli sfratti di Enrico
-
Le ombre dei morti di Enrico
-
A lòta du ursu di Carlo Azimonti
-
I strji da Büsti di Carlo Azimonti
-
Ul ventu e i strji di Carlo Azimonti
-
Il Natale a Busto Arsizio
-
Il pranzo di Natale
-
Filosofia del Natale dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Filosofia del bere dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Modi di dire
-
Proverbi Bustocchi - I (di A. Crespi)
-
Proverbi "bustocchizzati (di A. Crespi)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - I (di C. Azimonti)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - II (di C. Azimonti)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - III (di C. Azimonti)
-
La corruzione elettorale (di C. Azimonti)
-
Filosofia del lavoro dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Medicina e cure mediche a Busto Arsizio
-
Parlèm da dané ! di Carlo Solbiati
-
Puasén da Monscia ! di Carlo Solbiati
-
Il Senatore Silvio Crespi di Giorgio Giacomelli
-
La Marialonga di Sacconago di Ginetto Grilli
-
La "società degli stupidi" di Sacconago da "La Prealpina" - 1964
-
Ul Farascén e ul Pisagügi di Carlo Solbiati
-
Salotto Bustese anni '50" di Giorgio Giacomelli
-
Stelle Filanti anno 1950" di Giorgio Giacomelli
-
L'ultimo viaggio di Carlo Azimonti" di Giorgio Giacomelli
-
Bruno Bisterzo, pugile Bustese di Giorgio Giacomelli
-
Angelo Borri, il "baffo" di Giorgio Giacomelli
-
Angelo Borri, parte 2^ di Giorgio Giacomelli
-
L'osteria dul Murlacu di G. Giacomelli
-
L'associazione "in tra da nögn"
-
A Camana dul Vitoriu (video)
-

 1636: Sacconago mette in fuga le soldataglie Francesi ?

Può essere che sia veramente accaduto



Marzo 2013

Estate 1636: Sacconago mette in fuga le soldataglie Francesi ?

Qui si parla di quando anche i Sacconaghesi, quasi quattro secoli fa, al tempo della Guerra Dei Trent’anni, se la videro con soldataglie francesi e di come queste se la diedero a gambe.

Da un fatto storico saldamente documentato e descritto,con bella e arguta penna, dal bustese Luigi Maino ( “La colonna di S.Gregorio” edita a Milano nel 1958), prendiamo spunto per inventare una storia dove ci mettiamo la gente di Sacconago, che sicuramente fu testimone e partecipe di quegli avvenimenti del 1636 descritti dal Maino.
E, conoscendo i Sinaghini e i loro parroci, c’è da ritenere che la fantasia si avvicini alla realtà.

Era proprio in quel anno che l’esercito del generale francese Enrico duca di Rohan aveva imperversato con le sue truppe in Valtellina. I soldati del duca, dopo averla saccheggiata a dovere, attraversando la Valsassina arrivarono a Lecco.
Rifacevano la strada percorsa 6 anni prima, nel 1630, dai Lanzichenecchi; quelli che portarono la peste, quelli che (memorie manzoniane da riprendere in mano) misero sottosopra l’orto di don Abbondio e di Perpetua.
Sciamarono, dunque, nella pianura e una colonna di quel esercito, tra ruberie e soprusi, apparve nelle nostre contrade. La comandava Charles de Créqui che nella nostra parlata divenne ul generál Chirichì.
Il Chirichì, dicono le cronache, se lo videro in casa quelli di Ferno, Cardano, Samarate, Verghera, Magnago e Bienate. E noi aggiungiamo Sacconago, perché tendendo verso Busto doveva necessariamente passare dal nostro paese.
Gli uomini di questi borghi si armarono come potettero e, con le famiglie terrorizzate ripararono in massa a Busto, unico luogo dove, con il fosso e il terrapieno attorno, si riteneva di porre difesa e resistenza.
A questo punto si innesta quello che “ Può essere che sia veramente accaduto”

Sacconago, trovatasi davanti ai francesi, indifesa perché fuori dal fossato e dal terrapieno, mandò a Busto, già rigurgitante di fuggiaschi, le sue donne e suoi bambini; gli uomini rimasero. Rimasero perché il parroco Grespi Giovanni Antonio aveva preso una decisione.
Da 10 anni (dal 1626) stava a Sacconago. Non aveva mai abbandonato le sue anime nella peste di 6 anni prima e mai l’avrebbe fatto ora.
Radunò gli uomini in chiesa; davanti all’altare li radunò. Quando li ebbe di fronte alzò le braccia, allargò il gesto in cerchio verso i dipinti sulle pareti e sulla volta e disse:

“Osservate, gente, sono con noi i Santi Gregorio e Ambrogio, i Santi Pietro e Paolo, San Francesco e San Gerolamo, il Santo Re Davide, i quattro Evangelisti e Santa Caterina di Alessandria. Di chi avremo paura? " Gli uomini di Sacconago imbracciarono le croci e alzarono gli stendardi.
Il parroco tolse dal tabernacolo della cappella di sinistra la reliquia della Beata Vergine e intonò: “Maria mater gratiae” Si mossero cantando tutti: “Tu nos ab hoste protege…"
La processione orante e disarmata arrivò alla chiesetta di San Donato dove bivaccava la soldataglia sacrilega del Chirichì. Intanto il parroco andava cercando nella mente le parole ferme ma pure di pietà e misericordia per indurre a ragione i malvagi. Sulla soglia si arrestò, vide dentro lo scempio della sua chiesetta e dimenticò ogni atteggiamento persuasivo.
Entrò d’impeto, alzò la reliquia, alzò possente anche la voce e : “Uscite e allontanatevi da qui e da questo paese!” Aggiunse parole che neanche gli sembravano sue: “Su questo sacro oratorio incombe la profezia di Malachia” (si riferiva al santo monaco irlandese). e inventandola al momento tuonò.

“Sarà maledetto e all’inferno condannato
chi profana la chiesa di San Donato!!!”

Pur non capendo niente, ma scossi dalle parole e intimoriti da quella processione dove sembrava che anche Cristo sulla croci facesse la faccia feroce, ebbero paura e uscirono sul prato.
Improvvise, senza un segnale concordato, a Busto le campane di San Michele, San Giovanni e Santa Maria si sciolsero a dare rintocchi festosi nella calura di quel luglio del 1636.
Quelli del Chirichì se la davano a gambe rincorsi dagli archibugieri bustesi e dai forconi, dalle falci, badili, coltelli, sassate e i “Föa di ball !!” in coro.
A noi andò bene , ma a quelli di Magnago, Sant’Antonino, Ferno, Casenuove, Verghera e Gallarate purtroppo nò. I Francesi si ritirarono bruciando e razziando fino a Tornavento dove guadarono il Ticino.

Qui finisce il racconto. Ma devo aggiungere una cosa che un poco mi inquieta.
Nel 1889 viene a Sacconago un nuovo parroco. Il mattino della sua entrata si ferma nella chiesetta di San Donato per indossare i paramenti prima di avviarsi alla Chiesa Vecchia. E, al dire dei nostri vecchi, indugiò parecchio in preghiera. Quel parroco si chiama Ludovico Malachia.
. Il parroco Malachia è morto qui a Sacconago nel 1903. Nessuno sa dove si trova la sua tomba… Amici, forse ci sta sfiorando l’ala del mistero? E ancora più mi preoccupo perché in agosto andremo in Irlanda dove visse il Malachia evocato da un vecchio parroco di Sacconago. Avrà da dirci qualcosa?


Da: Ginetto Grilli, su "Canto novo di Sacconago"


Articoli di Storia