Articoli e notizie di carattere storico, culturale, tradizionale bustocco

-
-
Letteratura bustocca (Di E. Candiani)
-
Uso del dialetto: fermata l'emorragia
-
Difesa del Bustocco: Una battaglia d'avangardia!
-
E' una lingua viva !
-
E' una lingua molto particolare, anzi unica !
-
Alessandro Manzoni ed il genocidio culturale
-
Uno scempio contro il Bustocco
-
Genocidio culturale
-
Siccità, fame e cannibalismo a Busto
-
Il Fiume di Busto Arsizio - il Tenore di E. Candiani
-
Prima edizione fiera del tessile (1951) di Enrico Candiani
-
Soprannomi a Busto Arsizio e soprusi di menti ottuse di C. Azimonti
-
Storia della Contea di Busto Arsizio
-
Il vino bustocco
-
La storia di Sacconago
-
Federico Barbarossa passò da Sacconago di G. Grilli
-
Sacconago: vita nel 1500 di G. Grilli
-
1636: Sacconago e le soldataglie Francesi di G. Grilli
-
Storia di parroci di Sacconago nel '600 di G. Grilli
-
Storie sparse antiche di Sacconago di G. Grilli
-
Cineteatro Lux anni '50 di G. Grilli
-
Storia del "Quadrelli" di Elena Saporetti
-
La fine del comune di Sacconago di G. Grilli
-
Ottanta anni fa a Sacconago di G. Grilli
-
La Cascina dei poveri dal club del '45
-
Laslo Kubala a Busto di Giorgio Giacomelli
-
Le origini del calcio a Sacconago di Giorgio Giacomelli
-
Scorci di una Busto che fu: il Bar Fiume di Giorgio Giacomelli
-
A rincorrere un pallone per le campagne di Busto di Giorgio Giacomelli
-
Calcio anni '40 di Giorgio Giacomelli
-
Pro Patria-Carrarese - 1947 di G. Giacomelli
-
Contratti per bestie ! di Giorgio Giacomelli
-
Storia del "Pan Tramvai" di Giorgio Giacomelli
-
La "Ca' de Sass" in un articolo del 19 (Di E. Candiani)
-
A scarpa di Remagi
-
La spizigüa
-
La storia della Giöbia
-
La Giöbia dal club del '45
-
La giöbia di Busto Arsizio negli anni
-
La giöbia e ul dì scenen di Carlo Azimonti
-
San Biásu di Enrico
-
Quaresimali e quaresimalisti a Sacconago di Ginetto Grilli
-
Pasqua a Busto di Carlo Azzimonti
-
La pasqua ricordata dai nostri vecchi
-
Pasqua ... una volta
-
Madonna in Veronca: la 'mitezza' dei Bustocchi
-
A funzión di galüghi di Enrico
-
La processione di maggio e la benedizione dei campi di C. Azimonti
-
Antiche usanze alla festa di San Giovanni a Busto
-
Festa patronale di Sacconago di Ginetto Grilli
-
Ricordi della Chiesa vecchia di Sacconago di G. Grilli
-
Quando era estate a Sacconago di Ginetto Grilli
-
Coltivazione e raccolta del mais
-
Busto: terra di vino di Enrico
-
San Michele e gli sfratti di Enrico
-
Le ombre dei morti di Enrico
-
A lòta du ursu di Carlo Azimonti
-
I strji da Büsti di Carlo Azimonti
-
Ul ventu e i strji di Carlo Azimonti
-
Il Natale a Busto Arsizio
-
Il pranzo di Natale
-
Filosofia del Natale dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Filosofia del bere dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Modi di dire
-
Proverbi Bustocchi - I (di A. Crespi)
-
Proverbi "bustocchizzati (di A. Crespi)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - I (di C. Azimonti)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - II (di C. Azimonti)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - III (di C. Azimonti)
-
La corruzione elettorale (di C. Azimonti)
-
Filosofia del lavoro dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Medicina e cure mediche a Busto Arsizio
-
Parlèm da dané ! di Carlo Solbiati
-
Puasén da Monscia ! di Carlo Solbiati
-
Il Senatore Silvio Crespi di Giorgio Giacomelli
-
La Marialonga di Sacconago di Ginetto Grilli
-
La "società degli stupidi" di Sacconago da "La Prealpina" - 1964
-
Ul Farascén e ul Pisagügi di Carlo Solbiati
-
Salotto Bustese anni '50" di Giorgio Giacomelli
-
Stelle Filanti anno 1950" di Giorgio Giacomelli
-
L'ultimo viaggio di Carlo Azimonti" di Giorgio Giacomelli
-
Bruno Bisterzo, pugile Bustese di Giorgio Giacomelli
-
Angelo Borri, il "baffo" di Giorgio Giacomelli
-
Angelo Borri, parte 2^ di Giorgio Giacomelli
-
L'osteria dul Murlacu di G. Giacomelli
-
L'associazione "in tra da nögn"
-
A Camana dul Vitoriu (video)
-

 Storie sparse di Sacconago nel primo secolo XX

Eventi curiosi avvenuti a Sacconago ai primi del XX secolo



23 giugno 2011

CRONACHE SPARSE DEL PAESE E DELLA PARROCCHIA DI SACCONAGO
DEL PAESE E DELLA PARROCCHIA DI SACCONAGO

Cari amici, andiamo un po’ indietro nel tempo quando, tanto per capirci, un chilo di pane costava £ 0, 52.
Fu nel Marzo 1911 che il parroco di Sacconago Don Antonio Marelli e il Prevosto di Dairago Don Angelo Boschetti decisero di scambiarsi i pulpiti del Quaresimale: Don Marelli andò a partecipare a Dairago e Don Boschetti venne da noi. Qui si trovò benone, ottimo vitto e l’ accoglienza (a Sacconago c’è sempre stata aria e gente buona); ma non fu così per il nostro parroco che colà si buscò una brutta bronco-polmonite con grave complicanza di febbre tifoidea (la gente di qui mormorava: “chissá sa ga déan da mangiá a sto por om!”).
Se la portò dietro per tutto Marzo e Aprile. Fece Pasqua a letto e venne a dar man forte in parrocchia il Molto Rev. Dac. Dott. Rettore del Seminario del Duomo (spero di non essermi dimenticato nulla) Don Cesare Dotto.
Arrivati a Maggio la nostra Vergine del Rosario, quella della Chiesa Vecchia, non vedendo da giorni il suo parroco, mandò al medico condotto Dott. Quaranta l’ ispirazione per la giusta cura. La Madonna gli fece grazia di una perfetta guarigione. A Giugno, bene e in salute, celebrò la festa patronale con la Solenne Messa dei S.S. Pietro e Paolo, e chi venne a cantarla? Il prevosto di Dairago.
* * *

Il 29 Settembre del 1911 il Generale Caneva, per ordine di S.M. Vittorio Emanuele III, sbarcava a Tripoli alla conquista della Libia che faceva parte della Turchia. Lo seguirono anche 20 soldati sinaghiti, classe 1890/91 (por fio! A rísciu da lasághi a pèl in man di Türchi).
Fu subito allertato il nostro S. Cirillo martire e soldato, per proteggerli. Il nostro Santo ascoltò le preghiere dei genitori, si commosse dei sospiri delle morose, gradì molte fiammelle delle candele davanti alla sua urna e intercedette presso il Signore. Figuratevi se il Signore non debba cedere a S. Cirillo: li restituì tutti incolumi alle famiglie e nemmeno scalfiti dalle ferite. E dire che, come sta scritto in una cronaca manoscritta:
“… si erano più volte in posizioni criticissime e avevano preso parte a combattimenti accaniti”.
Eh, la forza del nostro Santo protettore! Ma anche, e che diamine, di nostri giovanotti. Qualcuno a Sacconago conserva la medaglia ricordo della campagna il Libia del soldato Zappatore 20° Reggimento Artiglieria di Montagna Caccia Enrico di Pietro.

È accompagnata da un encomio che ne dice la disciplina, l’ attaccamento al dovere e alla Patria. Tre anni dopo la patria fu grata, si ricordò di lui e… lo mandò sui fronti della grande Guerra del ’15- ’18.
Dovette intervenire ancora San Cirillo e fu così che lo zappatore, artigliere e tutto il resto morì vecchio nel suo letto.
* * *

Il Sig. Ernesto Cozzi abitante a Sacconago (detto scislagótu o cislgótu perché era di Cislago) scrive al Sig. Flavio Ballarati, famiglia illustre di grande storia sacconaghese, che : “ … da parte del Comune di Busto Arsizio non verrà promossa alcuna azione in dipendenza del fatto della demolizione de tavolato che racchiude il pozzo comunale” .
Cos’era successo? Il Cozzi stava costruendo il suo palazzo, che c’è ancora a Sud della piazzetta della Chiesa Vecchia e aveva la convenienza di appoggiare a sinistra alla proprietà dei Ballarati dove ora sorge la sede di una banca (prima lì c’era un bel giardino che dava in tondo alla piazzetta; fu distrutto, negli anni sessanta del secolo scorso, un bel giardino dei Ballarati per far posto al brutto palazzo della banca).
Ma tra le due proprietà si incuneava la nicchia di un pozzo chiuso da anni da un tavolato. Pozzo antico e funzionante, come recita il Cessato Catasto del 1857.
Naturalmente ora infastidiva e con grande attenzione e rispetto per una antica testimonianza della vita di un borgo (e ti pareva!), il Sig. ing. Sgroi capo dell’ uff. tecnico del Comune di Busto, diede il nullaosta per disfarsene.
Questo fatterello è emblematico per dire che, visto come stanno ora alcune cose nel paese di Sacconago incarcerato (pardon, conglobato) nel Comune di Busto A., la storia ha i suoi ricorsi.
Ci voleva poco, in cambio permesso di demolizione che però era meglio non concedere, obbligare il Sig. Cozzi a farsi carico delle spese almeno di una targa per ricordare, ad esempio che: “… fino al 1931 qui esisteva un pozzo comunale dal qual si ha memoria dal… ecc”.
E di certo si ha memoria che vi si attingesse ancora sul finire dell’ ottocento. Lo dice una denuncia del Sindaco di Sacconago dove si parla dei dispetti di alcuni monelli (i canciti da Sinàgu) facevano alle comari distratte nel loro pettegolare attorno alla vera del pozzo: facevano pipì nei secchi e se la davano a gambe.
Tra i cognomi dei denunciati ne leggo uno che mi è molto familiare in senso stretto. Per favore, non ditela in giro; già se ne dicono tante di noi sinaghiti …


Da: Ginetto Grilli, su "Canto novo di Sacconago"


Articoli di Storia