Articoli e notizie di carattere storico, culturale, tradizionale bustocco

-
-
Letteratura bustocca (Di E. Candiani)
-
Uso del dialetto: fermata l'emorragia
-
Difesa del Bustocco: Una battaglia d'avangardia!
-
E' una lingua viva !
-
E' una lingua molto particolare, anzi unica !
-
Alessandro Manzoni ed il genocidio culturale
-
Uno scempio contro il Bustocco
-
Genocidio culturale
-
Siccità, fame e cannibalismo a Busto
-
Il Fiume di Busto Arsizio - il Tenore di E. Candiani
-
Prima edizione fiera del tessile (1951) di Enrico Candiani
-
Soprannomi a Busto Arsizio e soprusi di menti ottuse di C. Azimonti
-
Storia della Contea di Busto Arsizio
-
Il vino bustocco
-
La storia di Sacconago
-
Federico Barbarossa passò da Sacconago di G. Grilli
-
Sacconago: vita nel 1500 di G. Grilli
-
1636: Sacconago e le soldataglie Francesi di G. Grilli
-
Storia di parroci di Sacconago nel '600 di G. Grilli
-
Storie sparse antiche di Sacconago di G. Grilli
-
Cineteatro Lux anni '50 di G. Grilli
-
Storia del "Quadrelli" di Elena Saporetti
-
La fine del comune di Sacconago di G. Grilli
-
Ottanta anni fa a Sacconago di G. Grilli
-
La Cascina dei poveri dal club del '45
-
Laslo Kubala a Busto di Giorgio Giacomelli
-
Le origini del calcio a Sacconago di Giorgio Giacomelli
-
Scorci di una Busto che fu: il Bar Fiume di Giorgio Giacomelli
-
A rincorrere un pallone per le campagne di Busto di Giorgio Giacomelli
-
Calcio anni '40 di Giorgio Giacomelli
-
Pro Patria-Carrarese - 1947 di G. Giacomelli
-
Contratti per bestie ! di Giorgio Giacomelli
-
Storia del "Pan Tramvai" di Giorgio Giacomelli
-
La "Ca' de Sass" in un articolo del 19 (Di E. Candiani)
-
A scarpa di Remagi
-
La spizigüa
-
La storia della Giöbia
-
La Giöbia dal club del '45
-
La giöbia di Busto Arsizio negli anni
-
La giöbia e ul dì scenen di Carlo Azimonti
-
San Biásu di Enrico
-
Quaresimali e quaresimalisti a Sacconago di Ginetto Grilli
-
Pasqua a Busto di Carlo Azzimonti
-
La pasqua ricordata dai nostri vecchi
-
Pasqua ... una volta
-
Madonna in Veronca: la 'mitezza' dei Bustocchi
-
A funzión di galüghi di Enrico
-
La processione di maggio e la benedizione dei campi di C. Azimonti
-
Antiche usanze alla festa di San Giovanni a Busto
-
Festa patronale di Sacconago di Ginetto Grilli
-
Ricordi della Chiesa vecchia di Sacconago di G. Grilli
-
Quando era estate a Sacconago di Ginetto Grilli
-
Coltivazione e raccolta del mais
-
Busto: terra di vino di Enrico
-
San Michele e gli sfratti di Enrico
-
Le ombre dei morti di Enrico
-
A lòta du ursu di Carlo Azimonti
-
I strji da Büsti di Carlo Azimonti
-
Ul ventu e i strji di Carlo Azimonti
-
Il Natale a Busto Arsizio
-
Il pranzo di Natale
-
Filosofia del Natale dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Filosofia del bere dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Modi di dire
-
Proverbi Bustocchi - I (di A. Crespi)
-
Proverbi "bustocchizzati (di A. Crespi)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - I (di C. Azimonti)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - II (di C. Azimonti)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - III (di C. Azimonti)
-
La corruzione elettorale (di C. Azimonti)
-
Filosofia del lavoro dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Medicina e cure mediche a Busto Arsizio
-
Parlèm da dané ! di Carlo Solbiati
-
Puasén da Monscia ! di Carlo Solbiati
-
Il Senatore Silvio Crespi di Giorgio Giacomelli
-
La Marialonga di Sacconago di Ginetto Grilli
-
La "società degli stupidi" di Sacconago da "La Prealpina" - 1964
-
Ul Farascén e ul Pisagügi di Carlo Solbiati
-
Salotto Bustese anni '50" di Giorgio Giacomelli
-
Stelle Filanti anno 1950" di Giorgio Giacomelli
-
L'ultimo viaggio di Carlo Azimonti" di Giorgio Giacomelli
-
Bruno Bisterzo, pugile Bustese di Giorgio Giacomelli
-
Angelo Borri, il "baffo" di Giorgio Giacomelli
-
Angelo Borri, parte 2^ di Giorgio Giacomelli
-
L'osteria dul Murlacu di G. Giacomelli
-
L'associazione "in tra da nögn"
-
A Camana dul Vitoriu (video)
-

 Il cinema Lux a Sacconago - anni '50

Anni '50 a Sacconago: il cinema Lux


Una foto scattata al Teatro Lux nel 1950 Tanto per ricordare “momenti di gloria” e menarne vanto sinaghino


Guardo una fotografia di 62 anni fa e vedo un giovane direttore d’orchestra che sul proscenio del Lux di Sacconago, a sipario aperto, si inchina a ringraziare il pubblico. Ha diretto la Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti: è Luciano Berio, è fresco di conservatorio e si fa le ossa per una carriera che lo porterà tra i grandi della musica d’avanguardia del secondo Novecento. Diventerà famoso e venti anni dopo, in una conferenza tenuta a Chicago si ricorderà di “questa avventurosa esperienza sinaghina”
Gli sono accanto la giovanissima soprano Maria Luisa Giorgetti (splendido e delicato fraseggio), la già celebre mezzosoprano Cathi Barberian, il giovanissimo tenore Pier Miranda Ferraro (arriverà a cantare alla Scala da protagonista), il basso Ferrini (grande voce, passerà anche lui alla Scala), il baritono (anche lui giovane ma non nuovo alle scene) Silvio Cagnoni di Sacconago. Tutti giovani artisti con esperienze nella stagione lirica estiva al Teatro Nuovo di Milano
Silvio Cagnoni che, riporto da una recensione di allora, “ha affrontato il pubblico dei suoi concittadini riscuotendo entusiastici applausi e consensi, e non solo per simpatia”
Pure le meravigliose scene dei quattro atti sono del sacconaghese Alberto Caccia.
Riporto ancora dalla citata recensione: “Ma quello che più ha impressionato è stata la massa corale: un complesso di cinquanta coristi ha dato all’opera una grandiosità che di rado si può vedere nei teatri di provincia.L’impegno, la perfetta intonazione con cui il coro cantava ha entusiasmato il pubblico in modo particolare”.
Già, la massa corale. E allora sappiamone di più. Dal Bollettino Parrocchiale di Sacconago del dicembre 1950: “Da quasi un anno la Corale S. Cecilia preparava i cori della Lucia Lammermoor quando il concittadino Silvio Cagnoni fece una proposta lontana.
Ora il lungo lavoro è finito con vivo successo nella rappresentazione del 29 ottobre. Per i cantori fu occasione di ottima istruzione musicale, imprimendo nella mente i ricchi motivi di quella musica bellissima sotto la guida del sig. Angelo Grilli che ha dato prova di rara costanza e da ultimo sotto la direzione del Maestro concertatore Luciano Berio, che ha dato una perfetta quadratura ritmica…(ecc)”. E ancora: “Il pubblico sceltissimo ha gustato una delle più grandi soddisfazioni alla rappresentazione della “Lucia”: a confessione generale è stata una delle migliori opere date nella zona a memoria d’uomo; per i cantanti, per la scenografia, per la massa corale, per il complesso orchestrale”


Dal 1950 al 1961 furono messe in scena otto opere a Sacconago:
  • - Elisir d’Amore
  • - Lucia di Lammermoor
  • - Rigoletto (ancora con la Giorgetti. Silvio Cagnoni e Pier Mirando Ferraro)
  • - La Traviata
  • - Tosca
  • - Il Trovatore
  • - Madama Butterfly
  • - Un altro “Rigoletto”. E questo con il baritono sacconaghese Alberto Cerutti.

  • Cerutti cantò ancora un “Rigoletto” nel 1956 e una “Traviata” nel 1958 al Teatro Sociale.
    Un po’ meno disinvolto del Cagnoni sulla scena ma con voce di gran lunga più possente, con maggiore estensione nei toni alti, bella a sentirsi l’Alberto Cerutti non ebbe, purtroppo, modo di darsi un’istruzione musicale di base sia teorica che strumentale. Non poté fare il grande passo e si accontentò. Queste due glorie locali della lirica mi furono amici. Per breve tempo il Silvio( andai a presentare un suo concerto Verdiano all’Isituto Gonzaga di Milano), per una vita l’Alberto che cantò al mio matrimonio. Mi è caro il ricordo perché mi fu compagno anche di giovanili stravaganze musicali.

    Faccio una divagazione su alcuni “svarioni” negli spettacoli lirici fuori dai grandi teatri.
    In provincia arrivavano cantanti a fine carriera o alle prime armi. Ricordo di aver visto, non sono certo se a Busto o a Sacconago, ma probabilmente da noi, una “Boheme” con la Pagliughi, soprano leggero di grande fama e bravura. La grande artista, che resisteva bene al tramonto, aveva qualche annetto e pure qualche chilo di troppo. (Chiedo scusa della scortesia a una signora ) E ora stava sulla scena a interpretare una Mimì ragazza morente esangue e consumata.
    Mezzo distesa sul lettuccio (rinforzato!?) lei, florida donna di 90 chili, tirava gli ultimi sospiri da un possente seno un po’ in vista. Roba da spezzare il cuore. Il povero Rodolfo (ma beato lui!) gli singhiozzava su e in sala si sentiva qualche risatina…


    Da: Ginetto Grilli, su "Canto novo di Sacconago"

    data pubblicazione: 15 marzo 2015


    Articoli di Storia