Articoli e notizie di carattere storico, culturale, tradizionale bustocco

-
-
Letteratura bustocca (Di E. Candiani)
-
Uso del dialetto: fermata l'emorragia
-
Difesa del Bustocco: Una battaglia d'avangardia!
-
E' una lingua viva !
-
E' una lingua molto particolare, anzi unica !
-
Alessandro Manzoni ed il genocidio culturale
-
Uno scempio contro il Bustocco
-
Genocidio culturale
-
Siccità, fame e cannibalismo a Busto
-
Il Fiume di Busto Arsizio - il Tenore di E. Candiani
-
Prima edizione fiera del tessile (1951) di Enrico Candiani
-
Soprannomi a Busto Arsizio e soprusi di menti ottuse di C. Azimonti
-
Storia della Contea di Busto Arsizio
-
Il vino bustocco
-
La storia di Sacconago
-
Federico Barbarossa passò da Sacconago di G. Grilli
-
Sacconago: vita nel 1500 di G. Grilli
-
1636: Sacconago e le soldataglie Francesi di G. Grilli
-
Storia di parroci di Sacconago nel '600 di G. Grilli
-
Storie sparse antiche di Sacconago di G. Grilli
-
Cineteatro Lux anni '50 di G. Grilli
-
Storia del "Quadrelli" di Elena Saporetti
-
La fine del comune di Sacconago di G. Grilli
-
Ottanta anni fa a Sacconago di G. Grilli
-
La Cascina dei poveri dal club del '45
-
Laslo Kubala a Busto di Giorgio Giacomelli
-
Le origini del calcio a Sacconago di Giorgio Giacomelli
-
Scorci di una Busto che fu: il Bar Fiume di Giorgio Giacomelli
-
A rincorrere un pallone per le campagne di Busto di Giorgio Giacomelli
-
Calcio anni '40 di Giorgio Giacomelli
-
Pro Patria-Carrarese - 1947 di G. Giacomelli
-
Contratti per bestie ! di Giorgio Giacomelli
-
Storia del "Pan Tramvai" di Giorgio Giacomelli
-
La "Ca' de Sass" in un articolo del 19 (Di E. Candiani)
-
A scarpa di Remagi
-
La spizigüa
-
La storia della Giöbia
-
La Giöbia dal club del '45
-
La giöbia di Busto Arsizio negli anni
-
La giöbia e ul dì scenen di Carlo Azimonti
-
San Biásu di Enrico
-
Quaresimali e quaresimalisti a Sacconago di Ginetto Grilli
-
Pasqua a Busto di Carlo Azzimonti
-
La pasqua ricordata dai nostri vecchi
-
Pasqua ... una volta
-
Madonna in Veronca: la 'mitezza' dei Bustocchi
-
A funzión di galüghi di Enrico
-
La processione di maggio e la benedizione dei campi di C. Azimonti
-
Antiche usanze alla festa di San Giovanni a Busto
-
Festa patronale di Sacconago di Ginetto Grilli
-
Ricordi della Chiesa vecchia di Sacconago di G. Grilli
-
Quando era estate a Sacconago di Ginetto Grilli
-
Coltivazione e raccolta del mais
-
Busto: terra di vino di Enrico
-
San Michele e gli sfratti di Enrico
-
Le ombre dei morti di Enrico
-
A lòta du ursu di Carlo Azimonti
-
I strji da Büsti di Carlo Azimonti
-
Ul ventu e i strji di Carlo Azimonti
-
Il Natale a Busto Arsizio
-
Il pranzo di Natale
-
Filosofia del Natale dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Filosofia del bere dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Modi di dire
-
Proverbi Bustocchi - I (di A. Crespi)
-
Proverbi "bustocchizzati (di A. Crespi)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - I (di C. Azimonti)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - II (di C. Azimonti)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - III (di C. Azimonti)
-
La corruzione elettorale (di C. Azimonti)
-
Filosofia del lavoro dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Medicina e cure mediche a Busto Arsizio
-
Parlèm da dané ! di Carlo Solbiati
-
Puasén da Monscia ! di Carlo Solbiati
-
Il Senatore Silvio Crespi di Giorgio Giacomelli
-
La Marialonga di Sacconago di Ginetto Grilli
-
La "società degli stupidi" di Sacconago da "La Prealpina" - 1964
-
Ul Farascén e ul Pisagügi di Carlo Solbiati
-
Salotto Bustese anni '50" di Giorgio Giacomelli
-
Stelle Filanti anno 1950" di Giorgio Giacomelli
-
L'ultimo viaggio di Carlo Azimonti" di Giorgio Giacomelli
-
Bruno Bisterzo, pugile Bustese di Giorgio Giacomelli
-
Angelo Borri, il "baffo" di Giorgio Giacomelli
-
Angelo Borri, parte 2^ di Giorgio Giacomelli
-
L'osteria dul Murlacu di G. Giacomelli
-
L'associazione "in tra da nögn"
-
A Camana dul Vitoriu (video)
-


IL CALCIO A SACCONAGO - Le origini – di Giorgio Giacomelli

LE ORIGINI DEL CALCIO A SACCONAGO

Il gioco del calcio, ul furball, è praticato sin dalla metà degli anni ‘20 del secolo scorso a Sacconago.
Squadra rappresentativa l’FBC Sacconago partecipante al campionato organizzato dalla ULIC - Unione Libera Italiana Calcio - Sezione Autonoma di Propaganda della FIGC, sino alla metà dell’anno 1927. All’uopo, scartabellando un po’ in qua ed in là, ho rilevato che in data 10 ottobre 1926, la compagine dell’FBC SACCONAGO aveva sconfitto l’AQUILA di Crenna per 4 a 1, schierando all’occorrenza, dal portiere in poi: Pellegatta, Genoni, Luoni; Paganini, Zerbi, Broggi; Colombo, Toja, Pellegatta II, Pellegatta III, Lualdi.

Ci sapevan fare a tirar calci ad un pallone gli amici sinaghini, tanto che negli anni trenta, Cesarino Pellegatta (Sacconago 1910-1996) ricoprì stabilmente e con massimo profitto il ruolo di mediano/mezz’ala nella Pro Patria et Libertate dal 1929 al 1935 e, non da meno, nello stesso periodo, con meno presenze, si diede da fare l’attaccante Piero Giovanni Toia.
Nell’estate 1938 l’imprenditore tessile residente a Sacconago, Giovanni Calcaterra, rilevò la Pro Patria et Libertate in fase preagonizzante, sistemò squadra e società, riportò i tigrotti in serie B nell’estate 1941 e sfiorò la promozione alla Serie A nel campionato 1942/43.

Giovanni Toia, sinaghino pimpante, esperto di calcio, serio, propositivo, divenne la spalla ideale del presidente della Pro Patria et Libertate Peppino Cerana. Al termine del mandato (giugno 1952), versò senza indugio la quota parte necessaria alla chiusura del bilancio.

Attorno al 1960 sotto l’egida del CAS - Club Amici dello Sport - riprese l’attività calcistica, con riscontri positivi in ogni settore della vasta attività calcistica, frutto di specifica competenza, sacrifici, buone idee, voglia di ben fare.
Alla 5^ giornata della stagione corrente (2015-16) di Prima Categoria, gli Amici dello Sport, senza scomodare San Cirillo, nemmeno tediare la buon anima di Don Angelo Volontè, occupano la prima posizione di classifica con 15 punti in cinque gare, frutto di sagace ed oculata gestione dell’intero staff operativo. Per fare il pane, basta bagnare la farina con l’acqua, aggiungere il lievito ed un po’ di sale... poi qualcuno alle 11 di mattina ha le scansie vuote, altri pensano ad un buon pomeriggio per pagare le bollette del gas.


Giorgio Giacomelli - 7 OTTOBRE 2015


Altri articoli di storia Bustocca