Articoli e notizie di carattere storico, culturale, tradizionale bustocco

-
-
Letteratura bustocca (Di E. Candiani)
-
Uso del dialetto: fermata l'emorragia
-
Difesa del Bustocco: Una battaglia d'avangardia!
-
E' una lingua viva !
-
E' una lingua molto particolare, anzi unica !
-
Alessandro Manzoni ed il genocidio culturale
-
Uno scempio contro il Bustocco
-
Genocidio culturale
-
Siccità, fame e cannibalismo a Busto
-
Il Fiume di Busto Arsizio - il Tenore di E. Candiani
-
Prima edizione fiera del tessile (1951) di Enrico Candiani
-
Soprannomi a Busto Arsizio e soprusi di menti ottuse di C. Azimonti
-
Storia della Contea di Busto Arsizio
-
Il vino bustocco
-
La storia di Sacconago
-
Federico Barbarossa passò da Sacconago di G. Grilli
-
Sacconago: vita nel 1500 di G. Grilli
-
1636: Sacconago e le soldataglie Francesi di G. Grilli
-
Storia di parroci di Sacconago nel '600 di G. Grilli
-
Storie sparse antiche di Sacconago di G. Grilli
-
Cineteatro Lux anni '50 di G. Grilli
-
Storia del "Quadrelli" di Elena Saporetti
-
La fine del comune di Sacconago di G. Grilli
-
Ottanta anni fa a Sacconago di G. Grilli
-
La Cascina dei poveri dal club del '45
-
Laslo Kubala a Busto di Giorgio Giacomelli
-
Le origini del calcio a Sacconago di Giorgio Giacomelli
-
Scorci di una Busto che fu: il Bar Fiume di Giorgio Giacomelli
-
A rincorrere un pallone per le campagne di Busto di Giorgio Giacomelli
-
Calcio anni '40 di Giorgio Giacomelli
-
Pro Patria-Carrarese - 1947 di G. Giacomelli
-
Contratti per bestie ! di Giorgio Giacomelli
-
Storia del "Pan Tramvai" di Giorgio Giacomelli
-
La "Ca' de Sass" in un articolo del 19 (Di E. Candiani)
-
A scarpa di Remagi
-
La spizigüa
-
La storia della Giöbia
-
La Giöbia dal club del '45
-
La giöbia di Busto Arsizio negli anni
-
La giöbia e ul dì scenen di Carlo Azimonti
-
San Biásu di Enrico
-
Quaresimali e quaresimalisti a Sacconago di Ginetto Grilli
-
Pasqua a Busto di Carlo Azzimonti
-
La pasqua ricordata dai nostri vecchi
-
Pasqua ... una volta
-
Madonna in Veronca: la 'mitezza' dei Bustocchi
-
A funzión di galüghi di Enrico
-
La processione di maggio e la benedizione dei campi di C. Azimonti
-
Antiche usanze alla festa di San Giovanni a Busto
-
Festa patronale di Sacconago di Ginetto Grilli
-
Ricordi della Chiesa vecchia di Sacconago di G. Grilli
-
Quando era estate a Sacconago di Ginetto Grilli
-
Coltivazione e raccolta del mais
-
Busto: terra di vino di Enrico
-
San Michele e gli sfratti di Enrico
-
Le ombre dei morti di Enrico
-
A lòta du ursu di Carlo Azimonti
-
I strji da Büsti di Carlo Azimonti
-
Ul ventu e i strji di Carlo Azimonti
-
Il Natale a Busto Arsizio
-
Il pranzo di Natale
-
Filosofia del Natale dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Filosofia del bere dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Modi di dire
-
Proverbi Bustocchi - I (di A. Crespi)
-
Proverbi "bustocchizzati (di A. Crespi)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - I (di C. Azimonti)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - II (di C. Azimonti)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - III (di C. Azimonti)
-
La corruzione elettorale (di C. Azimonti)
-
Filosofia del lavoro dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Medicina e cure mediche a Busto Arsizio
-
Parlèm da dané ! di Carlo Solbiati
-
Puasén da Monscia ! di Carlo Solbiati
-
Il Senatore Silvio Crespi di Giorgio Giacomelli
-
La Marialonga di Sacconago di Ginetto Grilli
-
La "società degli stupidi" di Sacconago da "La Prealpina" - 1964
-
Ul Farascén e ul Pisagügi di Carlo Solbiati
-
Salotto Bustese anni '50" di Giorgio Giacomelli
-
Stelle Filanti anno 1950" di Giorgio Giacomelli
-
L'ultimo viaggio di Carlo Azimonti" di Giorgio Giacomelli
-
Bruno Bisterzo, pugile Bustese di Giorgio Giacomelli
-
Angelo Borri, il "baffo" di Giorgio Giacomelli
-
Angelo Borri, parte 2^ di Giorgio Giacomelli
-
L'osteria dul Murlacu di G. Giacomelli
-
L'associazione "in tra da nögn"
-
A Camana dul Vitoriu (video)
-

 Quaresime a Sacconago

Quaresimali e quaresimalisti di una volta


(Ovvero: la paura dell’inferno e la misericordia di Dio)
Facendo una sintesi, invero un po’ grossolana, delle parole che scendevano dai pulpiti, su in alto nella penombra delle volte (penso alla nostra Chiesa vecchia) durante la quaresima, a questo si riduce: ‘Carissimi cristiani, chi muore in peccato mortale va diritto all’inferno’ e “Carissimi cristiani, la misericordia di Dio è infinita” per concludere “Il suo perdono, nella confessione, ci apre le porte del paradiso”
Tutto lì. E bastava per pensarci su fino a Pasqua.
Naturalmente il predicatore non doveva tanto convincere sull’esistenza del paradiso che, essendo una cosa bellissima, ci fa piacere che esista, ma sull’inferno doveva calcare la mano o meglio la voce.
L’inferno dà un fastidio tremendo e se potessimo togliercelo dai piedi, perlomeno con l’aggettivo eterno, (eh, certe bislacche teologie moderne) saremmo più tranquilli. Ma no che il frate predicatore insisteva: “Per sempre, per sempre!". C’era chi rincasava con la paura di morire improvvisamente la stessa notte.
Venivano, dal convento dei francescani di Busto, frati preparati non solo nella pastorale della parola, ma con facondia oratoria. Avevano voci impostate, il loro fraseggio saliva e scendeva sulla scala tonale con grande efficacia. Non erano imbonitori e, se anche talvolta molta retorica grondava dal loro periodare, erano molto convincenti. Li ho sentiti anch’io in gioventù.
Certamente la predica di quaresima era per antonomasia una prèdiga lònga, cosa non gradita al parroco don A. Marelli, là dove nel suo Liber Chronicus scrive:
“13 Febbraio 1910 (va da sé che non ero ancora nato) incomincia la Santa Quaresima. Predica padre Cipriano da Busto Arisizio. Doti: brevità e chiarezza”.
La sottolineatura è del Marelli.
A leggere i numeri delle confessioni e comunioni (sono scrupolosamente certificate di anno in anno) c’è da stupirsi per la quasi totalità; ma, bisogna dirlo per obiettività, in parecchi più che il convincimento spingeva anche la consuetudine e l’immaginetta che attestava l’osservanza del precetto.
Ci fu un anno che, per la defezione di alcuni confessori, il parroco Marelli (che era uno di quelli tosti) si trovò in seria difficoltà. Ne fu così dispiaciuto e quasi irritato da indurlo a scrivere: “Mancarono confessori di Busto Garolfo e di Magnago. Furono presentati ai singoli le opportune rimostranze. Quello di Magnago si scusò e giustificò; non così quello di Busto Garolfo “parce sepultis”. Morì un mese dopo”
Comunque andassero le cose la parola di Dio è sempre stata la stessa, fosse tuonata dall’alto dei pulpiti, come nel passato, o filtrata dai microfoni e segnata da silenzi meditati come nel presente. Solo le parole che escono dal cuore vanno al cuore, quelle che escono solo dalla bocca vanno alle orecchie.
Eh si, tutto si riduce anche adesso alla sintesi che ne faceva mia zia orsolina Maria Luoni (classe 1898) concludendo la preparazione degli uomini, anche in dialetto, alla Santa Confessione diceva:
“Cerché da fá i brái parché ul Signui al va òr ben, e non páa pagüa du infernu”

Ginetto Grilli
tratto da: Canto Novo Sacconago - Febbraio 2010 p. 7

Articoli di Storia