Articoli e notizie di carattere storico, culturale, tradizionale bustocco

-
-
Letteratura bustocca (Di E. Candiani)
-
Uso del dialetto: fermata l'emorragia
-
Difesa del Bustocco: Una battaglia d'avangardia!
-
E' una lingua viva !
-
E' una lingua molto particolare, anzi unica !
-
Alessandro Manzoni ed il genocidio culturale
-
Uno scempio contro il Bustocco
-
Genocidio culturale
-
Siccità, fame e cannibalismo a Busto
-
Il Fiume di Busto Arsizio - il Tenore di E. Candiani
-
Prima edizione fiera del tessile (1951) di Enrico Candiani
-
Soprannomi a Busto Arsizio e soprusi di menti ottuse di C. Azimonti
-
Storia della Contea di Busto Arsizio
-
Il vino bustocco
-
La storia di Sacconago
-
Federico Barbarossa passò da Sacconago di G. Grilli
-
Sacconago: vita nel 1500 di G. Grilli
-
1636: Sacconago e le soldataglie Francesi di G. Grilli
-
Storia di parroci di Sacconago nel '600 di G. Grilli
-
Storie sparse antiche di Sacconago di G. Grilli
-
Cineteatro Lux anni '50 di G. Grilli
-
Storia del "Quadrelli" di Elena Saporetti
-
La fine del comune di Sacconago di G. Grilli
-
Ottanta anni fa a Sacconago di G. Grilli
-
La Cascina dei poveri dal club del '45
-
Laslo Kubala a Busto di Giorgio Giacomelli
-
Le origini del calcio a Sacconago di Giorgio Giacomelli
-
Scorci di una Busto che fu: il Bar Fiume di Giorgio Giacomelli
-
A rincorrere un pallone per le campagne di Busto di Giorgio Giacomelli
-
Calcio anni '40 di Giorgio Giacomelli
-
Pro Patria-Carrarese - 1947 di G. Giacomelli
-
Contratti per bestie ! di Giorgio Giacomelli
-
Storia del "Pan Tramvai" di Giorgio Giacomelli
-
La "Ca' de Sass" in un articolo del 19 (Di E. Candiani)
-
A scarpa di Remagi
-
La spizigüa
-
La storia della Giöbia
-
La Giöbia dal club del '45
-
La giöbia di Busto Arsizio negli anni
-
La giöbia e ul dì scenen di Carlo Azimonti
-
San Biásu di Enrico
-
Quaresimali e quaresimalisti a Sacconago di Ginetto Grilli
-
Pasqua a Busto di Carlo Azzimonti
-
La pasqua ricordata dai nostri vecchi
-
Pasqua ... una volta
-
Madonna in Veronca: la 'mitezza' dei Bustocchi
-
A funzión di galüghi di Enrico
-
La processione di maggio e la benedizione dei campi di C. Azimonti
-
Antiche usanze alla festa di San Giovanni a Busto
-
Festa patronale di Sacconago di Ginetto Grilli
-
Ricordi della Chiesa vecchia di Sacconago di G. Grilli
-
Quando era estate a Sacconago di Ginetto Grilli
-
Coltivazione e raccolta del mais
-
Busto: terra di vino di Enrico
-
San Michele e gli sfratti di Enrico
-
Le ombre dei morti di Enrico
-
A lòta du ursu di Carlo Azimonti
-
I strji da Büsti di Carlo Azimonti
-
Ul ventu e i strji di Carlo Azimonti
-
Il Natale a Busto Arsizio
-
Il pranzo di Natale
-
Filosofia del Natale dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Filosofia del bere dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Modi di dire
-
Proverbi Bustocchi - I (di A. Crespi)
-
Proverbi "bustocchizzati (di A. Crespi)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - I (di C. Azimonti)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - II (di C. Azimonti)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - III (di C. Azimonti)
-
La corruzione elettorale (di C. Azimonti)
-
Filosofia del lavoro dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Medicina e cure mediche a Busto Arsizio
-
Parlèm da dané ! di Carlo Solbiati
-
Puasén da Monscia ! di Carlo Solbiati
-
Il Senatore Silvio Crespi di Giorgio Giacomelli
-
La Marialonga di Sacconago di Ginetto Grilli
-
La "società degli stupidi" di Sacconago da "La Prealpina" - 1964
-
Ul Farascén e ul Pisagügi di Carlo Solbiati
-
Salotto Bustese anni '50" di Giorgio Giacomelli
-
Stelle Filanti anno 1950" di Giorgio Giacomelli
-
L'ultimo viaggio di Carlo Azimonti" di Giorgio Giacomelli
-
Bruno Bisterzo, pugile Bustese di Giorgio Giacomelli
-
Angelo Borri, il "baffo" di Giorgio Giacomelli
-
Angelo Borri, parte 2^ di Giorgio Giacomelli
-
L'osteria dul Murlacu di G. Giacomelli
-
L'associazione "in tra da nögn"
-
A Camana dul Vitoriu (video)
-

 San Giovanni Battista: ricorrenza vissuta in modo "incantato" a Busto Arsizio

La festa di San Giovanni Battista
a Busto Arsizio

Ovunque, nel mondo Cristiano, si festeggia la ricorrenza del precursore di Cristo, che essendo colui che ha dato il battesimo al Figlio di Dio, non può che stare in cima alla lista dei Santi.
A Busto si festeggiava la ricorrenza con scampagnate mattutine, nelle quali si raccoglieva la rugiada di San Giovanni che, per tradizione, aveva effetti balsamici. Si voleva che chi si bagnasse gli occhi con questa rugiada fosse preservato dalle malattie alla vista.
La notte di san Giovanni si poteva camminare a piedi nudi nei campi senza timore di prendere raffreddamenti di sorta.
La cosa più importante però era che - cercando con attenzione e fede - si potevano trovare, cristallizzate sulle foglie delle verzette o del “miagón”, le lacrime della Madonna, che non si sa se sparse per la tristezza dei peccati del mondo o per la ricorrenza del battesimo del Figlio, e che magicamente questa notte si solidificano. Chi le trovava le custodiva gelosamente in piccoli astucci come reliquie.
In cosa esattamente consistessero queste “lacrime” non è noto ma è noto che erano oggetto di grande devozione e servivano per purificare gli occhi nel caso in cui vi fosse finito qualche corpo estraneo: bastava mettere nell’occhio la “lacrima” farla roteare e quando alla fine la si faceva uscire, la “purcaìa” contenuta nell’occhio se ne era andata. A Busto se ne contavano una mezza dozzina in tutto.
Si raccontava che la notte di san Giovanni si insinuasse nelle ciliegie e nelle amarene “ul Giuanén”, ossia il vermicello e pertanto era una ottima idea quella di assaltare le piante e fare il repulisti dei frutti ivi rimasti. Nella notte di san Giovanni fioriscono “i sfrìsi” (le felci), che si raccoglievano ed appendevano in cucina per accalappiare le mosche che ci si infilavano da sole; si raccoglie il profumatissimo sambuco, da essiccare e usare come lassativo; e matura la camomilla, i cui fiori si usavano come calmante in infuso.
Nell’alveo della tipica superstizione dei tempi andati, si diceva anche che la notte di San Giovanni tenessero congresso le streghe, i cui malefizi si allontanavano con le preghiere.
Accadde però in un momento collocabile fra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo che una grandinata memorabile (procurata dalle abitudini pagane e dalla mancanza di preghiere, che avevano favoriti i malefici “di stregàsci”), distrusse l’intero raccolto di mais, uccise tutti gli uccelli che non trovarono riparo in alcun posto e al mattino vennero raccolti a gerle.
Dopo questo episodio, ci ricorda Carlo Azzimonti, l’usanza della notte di San Giovanni andò perdendosi. O forse, semplicemente, il mondo stava cambiando e la “notte di San Giovanni” e le sue magie stavano ormai strette ad una città che si industrializzava e stava disincantandosi, nel bene come nel male….

Liberamente tratto da “Giornate Bustocche”

Carlo Azzimonti



Altri articoli di storia