Articoli e notizie di carattere storico, culturale, tradizionale bustocco

-
-
Letteratura bustocca (Di E. Candiani)
-
Uso del dialetto: fermata l'emorragia
-
Difesa del Bustocco: Una battaglia d'avangardia!
-
E' una lingua viva !
-
E' una lingua molto particolare, anzi unica !
-
Alessandro Manzoni ed il genocidio culturale
-
Uno scempio contro il Bustocco
-
Genocidio culturale
-
Siccità, fame e cannibalismo a Busto
-
Il Fiume di Busto Arsizio - il Tenore di E. Candiani
-
Prima edizione fiera del tessile (1951) di Enrico Candiani
-
Soprannomi a Busto Arsizio e soprusi di menti ottuse di C. Azimonti
-
Storia della Contea di Busto Arsizio
-
Il vino bustocco
-
La storia di Sacconago
-
Federico Barbarossa passò da Sacconago di G. Grilli
-
Sacconago: vita nel 1500 di G. Grilli
-
1636: Sacconago e le soldataglie Francesi di G. Grilli
-
Storia di parroci di Sacconago nel '600 di G. Grilli
-
Storie sparse antiche di Sacconago di G. Grilli
-
Cineteatro Lux anni '50 di G. Grilli
-
Storia del "Quadrelli" di Elena Saporetti
-
La fine del comune di Sacconago di G. Grilli
-
Ottanta anni fa a Sacconago di G. Grilli
-
La Cascina dei poveri dal club del '45
-
Laslo Kubala a Busto di Giorgio Giacomelli
-
Le origini del calcio a Sacconago di Giorgio Giacomelli
-
Scorci di una Busto che fu: il Bar Fiume di Giorgio Giacomelli
-
A rincorrere un pallone per le campagne di Busto di Giorgio Giacomelli
-
Calcio anni '40 di Giorgio Giacomelli
-
Pro Patria-Carrarese - 1947 di G. Giacomelli
-
Contratti per bestie ! di Giorgio Giacomelli
-
Storia del "Pan Tramvai" di Giorgio Giacomelli
-
La "Ca' de Sass" in un articolo del 19 (Di E. Candiani)
-
A scarpa di Remagi
-
La spizigüa
-
La storia della Giöbia
-
La Giöbia dal club del '45
-
La giöbia di Busto Arsizio negli anni
-
La giöbia e ul dì scenen di Carlo Azimonti
-
San Biásu di Enrico
-
Quaresimali e quaresimalisti a Sacconago di Ginetto Grilli
-
Pasqua a Busto di Carlo Azzimonti
-
La pasqua ricordata dai nostri vecchi
-
Pasqua ... una volta
-
Madonna in Veronca: la 'mitezza' dei Bustocchi
-
A funzión di galüghi di Enrico
-
La processione di maggio e la benedizione dei campi di C. Azimonti
-
Antiche usanze alla festa di San Giovanni a Busto
-
Festa patronale di Sacconago di Ginetto Grilli
-
Ricordi della Chiesa vecchia di Sacconago di G. Grilli
-
Quando era estate a Sacconago di Ginetto Grilli
-
Coltivazione e raccolta del mais
-
Busto: terra di vino di Enrico
-
San Michele e gli sfratti di Enrico
-
Le ombre dei morti di Enrico
-
A lòta du ursu di Carlo Azimonti
-
I strji da Büsti di Carlo Azimonti
-
Ul ventu e i strji di Carlo Azimonti
-
Il Natale a Busto Arsizio
-
Il pranzo di Natale
-
Filosofia del Natale dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Filosofia del bere dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Modi di dire
-
Proverbi Bustocchi - I (di A. Crespi)
-
Proverbi "bustocchizzati (di A. Crespi)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - I (di C. Azimonti)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - II (di C. Azimonti)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - III (di C. Azimonti)
-
La corruzione elettorale (di C. Azimonti)
-
Filosofia del lavoro dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Medicina e cure mediche a Busto Arsizio
-
Parlèm da dané ! di Carlo Solbiati
-
Puasén da Monscia ! di Carlo Solbiati
-
Il Senatore Silvio Crespi di Giorgio Giacomelli
-
La Marialonga di Sacconago di Ginetto Grilli
-
La "società degli stupidi" di Sacconago da "La Prealpina" - 1964
-
Ul Farascén e ul Pisagügi di Carlo Solbiati
-
Salotto Bustese anni '50" di Giorgio Giacomelli
-
Stelle Filanti anno 1950" di Giorgio Giacomelli
-
L'ultimo viaggio di Carlo Azimonti" di Giorgio Giacomelli
-
Bruno Bisterzo, pugile Bustese di Giorgio Giacomelli
-
Angelo Borri, il "baffo" di Giorgio Giacomelli
-
Angelo Borri, parte 2^ di Giorgio Giacomelli
-
L'osteria dul Murlacu di G. Giacomelli
-
L'associazione "in tra da nögn"
-
A Camana dul Vitoriu (video)
-

 Proverbi Bustocchi

PROVERBI BUSTOCCHI



Come in tutte le culture prevalentemente agresti, anche quella bustocca è ricca di proverbi, a volte suoi propri, a volte permeati dagli ambienti circostanti la città. Esiste un meraviglioso libri di Luigi Giavini (Parlà al é fià) che tratta splendidamente l'argomento. Con l'opera di Angelo Crespi che segue, anche Bustocco.com si fa promotore di questa parte della cultura Bustocca così preziosa.

Raccolte da Angelo Crespi

  • Laua, mangia, béi e caga, e lassa ch’a la vaga.
  • Lavora, mangia, bevi e caga, e lascia che vada.
  • Mangia sémpar féa, spüda sémpar méa .
  • Mangia sempre fiele e sputa sempre miele.
  • Par fa che u’amicizia la sa mantègna, una sporta la vaga e ‘n’òla la vègna.
  • Per far che l’amicizia si mantenga, una borsa vada e l’altra venga
  • S’te a fà, s’te a dì, a l’é mèi sta chì che muì.
  • Cosa devi fare, cose devi dire, è meglio stare qui che morire.
  • Cont’ul tempu e a pascenza, a g’hann fèi ul büs dul cü a vögn ch’a l’éa nassü senza.
  • Con il temo e la pazienza, le hanno fatto il buco del culo a uno che era nato senza.
  • Se ‘n puaétu al màngia ‘na gaìna, o l’è maá lü o gh’è maá a gaìna.
  • Se un poveretto mangia una gallina, o è ammalato lui o è ammalata la gallina.
  • Pissa ciaa e mèrda düa, a tó vita a l’é sicüa, pissa gialda e mèrda mola, a tó vita a la barcola.
  • Piscia chiara e merda dura, la tua vita è sicura, piscia gialla e merda molle, la tua vita barcolla.
  • Tromba da cü sanità da corpu, cü ch’al petara a l’é non mortu.
  • Tromba di culo sanità del corpo, culo che fa aria non è morto.
  • L’àn fèi par chell ul cü sbüsá par non muì dul má sgunfiá.
  • L’hanno fatto per quello il culo bucato per non morire del male del gonfiore.
  • Tüsséta d’estáia e caghéta d’invèrnu i fán cantá ‘l réquiem etèrnu.
  • Tosse d’estate e diarrea d’inverno fanno cantare l’eterno riposo.
  • L’é Lu ch’al pòdi, ch’al cumanda, ch’al vöi... sa sà ‘ma sa nassi e non ‘ma sa möi.
  • É Lui che può, che comanda, che vuole... si sa come si nasce e non come si muore.
  • Al vègn tème Diu vöi, al nassi al canta, al möi.
  • Viene come Dio vuole, nasce canta, muore.
  • Ul pussèssu di poi, a l’é ‘l campusantu.
  • Il possesso dei poveri, è il camposanto.
  • Chèll cha ghé mòrtu, l’é mòrtu, ul vìvu, ch’al cerca cùnfòrtu.
  • Quello che è morto, è morto, il vivo che cerca conforto.
  • I göbi e i stòrti, sa drizzan dopu mòrti.
  • I gobbi e gli storti si raddrizzano dopo morti.
  • A preputenza a la finissi an’lé mangiaa di cagnòti.
  • La prepotenza finisce anche lei mangiata dai vermi.
  • Da San Grigoi, a ga passa sciúi e poi. (San Gregorio chiesa del ex cimitero via U. Foscolo)
  • Da San Gregorio, passano i ricchi e i poveri.
  • Aa vègia ga rincrèssi muì, parché na impara vüna nöa tütti i dì.
  • Alla vecchia gli rincresce morire, perché ne impara una nuova tutti i giorni.
  • Sù da védar e aria da fessüa, a ta portan aa sepultüa.
  • Sole di vetro e aria di fessura, ti portano alla sepoltura.
  • La va da pèciu, un pó sü e un pó in lèciu.
  • Va da mammella, un po’ su e un po’ a letto.
  • Candu a ti se pissi dossu, a ti gh’é pocu da ‘ndà al fossu.
  • Quando ti pisci addosso, hai poco per andare nel fosso.
  • Cèrti ölti ul dutùi, par cant’al faga, al madéga ul büs dul cü pa’na piaga.
  • Certe volte il dottore, per quanto faccia, medica il buco del culo per una piaga.
  • Al g’ha a malatia dul purscèl, a ga crèssi a panscia e ga cala l’usèl.
  • Ha la malattia del porcello, cresce la pancia e cala l’uccello.
  • L’è mèi cunsümá i scarpi che i lenzö.
  • È meglio consumare le scarpe che le lenzuola.
  • Pissà senza fa’n pètu, a l’é tème sunà ul viulén senza archétu.
  • Pisciare senza fare una scoreggia, e come suonare il violino senza archetto.
  • Ul tempu a l’é teme ul cü, al fá ch’el ch’al vöi lü.
  • Il tempo è come il culo, fà quello che vuole lui.
  • Un fiö a l’é san s’al pissa ‘mé ‘n can.
  • Un bambino è sano se piscia come un cane.
  • Bèi in fassa, brüti in piazza.
  • Belli in fasce, brutti in piazza.
  • Candu a i nassan, hinn tüll bèi; candu a sa spusan, hinn tüll sciui; candu a i crèpan, hinn tüll brai.
  • Quando nascono, sono tutti belli; quando si sposano, sono tutti ricchi; quando muoiono, sono tutti bravi
  • Candu a ti sé vègiu, tüscossi a gh’é frègiu.
  • Quando sei vecchio, tutto è freddo.
  • Candu i paòll a hinn bon pü, a ga vöi i pesciai ind’ul cü.
  • Quando le parole non sono buone più, ci vogliono le pedate nel culo.
  • Tanci ölti i cazzòti i varan tan’biscòti.
  • Tante volte i cazzotti valgono tanti biscotti.
  • Sa te podi non ‘nda danànzi a tiá, métasi almèno dadré a calcá.
  • Se non puoi andare avanti a tirare, mettiti almeno dietro a calcare.
  • Ul mondu a l’é teme una bala, ul püssé a l’é saé ciapala.
  • Il mondo è come una palla, il più è saperla prendere.
  • Par fa ‘ndà ul cadenasciu, bögna vóngi.
  • Per fare andare il catenaccio, bisogna ungere.
  • A tasé, gh’é den’ tüscossi.
  • A tacere c’è dentro tutto.
  • Te a cagà frègiu, s’a ti ghé mia da dané.
  • Devi cagare freddo, se non hai i soldi.
  • Ghell risparmià, du ölti guadagnà.
  • Centesimo risparmiato, due volte guadagnato.
  • Danè e dulùr da cò, chi gh’ià, hin sò.
  • Soldi e dolori di testa, chi li ha, sono suoi.
  • Ul dané al fà denà, in dua ga n’é, ghan và.
  • I soldi fanno dannare, in dove c’e ne sono, vanno.
  • Dané ciama dané...e piögiu fa piögiu.
  • Danari chiama danari... e pidocchio fa pidocchio.
  • Bisögna tiagan via a chi cha piangi, e dagan a chi cha ridi.
  • Bisogna tirarne via a chi piange, e dagliene a chi ride.
  • Pagà e muì, a gh’é sempar tempu.
  • Pagare e morire, c’è sempre tempo.
  • L’ usurai al pissa in cà, e al mangia non par non cagà.
  • L’usuraio piscia in casa, e non mangia per non cagare.
  • Ul avaru a l’é tème ul porcu; al dienta bon candu l’é mortu.
  • L’avaro è come il porco; diventa buono quando è morto.
  • U avaru s’al ta présta un piögiu, al vöi indré a pell par fa a pelicia.
  • L’avaro se ti presta un pidocchio, vuole indietro la pelle per fare vla pelliccia.
  • Di vilan, tèti e dané hinn i prim a fa idé.
  • Dei villani, tette e soldi sono i primi da far vedere.
  • Vardal pulidu, vardal pür tütu, ma un omm senza dané, a l’é propi brütu.
  • Guardalo bene, guardalo pure tutto, ma un uomo senza soldi è proprio brutto.
  • Giügà al lótu e daghi sutu, sa vanza sempar cunt’ul cü biùtu.
  • Giocare al lotto e dagli sotto, si rimane sempre con il culo nudo.
  • Ul piangi, a l’é paenti dul pèrdi.
  • Il piangere, è parente del perdere.
  • O Signui, a sum chì. Madonna, ta salüdu! A ó parché a g’hó prèssa!
  • O Signore sono qui. Madonna, ti saluto! Vado perché ho premura!
  • I uazión cha sa disi ‘n léciu, i rìan non nanca dassùa dul téciu.
  • Le orazioni che si dicono a letto, non arrivano neanche sopra il tetto.
  • Prédi e ré, o dì ben o tasé.
  • Preti e re, o dir bene o tacere.
  • An impodu pü da andá a cagá, par netami un cü con l’Unità.
  • Non vedo l’ora di andare a cagare per pulirmi il sedere con “L’Unità” (motto anticomunista)
  • Ul frègiu, a lu senti anca ul sturnu.
  • Il freddo, lo sente anche il sordo.
  • Ul frègiu e ul coldu, i u mangian non i ràti.
  • Il freddo e il caldo, non li mangiano i ratti.
  • Candu a l’é sia, a l’é nòci.
  • Quando è sera, è notte.
  • La vai püssé ‘na bona lapa, che ‘na bona sapa.
  • Vale di più una buona parlantina, che una buona zappa.
  • La vái püssé ‘na bòna lénga che centu brásci.
  • Vale di più una buona lingua che cento braccia.
  • La vai püssé a tola, che u argéntu.
  • Vale di più la latta, che l’argento. (latta, faccia tosta.)
  • Al varta non a curi, al varta ‘riàghi a témpu.
  • Non vale correre, vale arrivare in tempo.
  • A molà, a roba la va.
  • Ad abbassare,(il prezzo) la roba va.
  • Fa e disfà, a l’é tut’un lauà.
  • Fare e disfare, è tutto un lavoro.
  • Fa gnénti, a l’é metà pitanza.
  • Far niente, è metà pietanza.
  • L’omm, l’asnén e ‘l pulòn, hinn i tri bésti püssé quaiòn.
  • L’uomo, l’asino e il tacchino, sono le tre bestie più stupide.
  • Ogni ufelé al fa ul sò misté, chi l’é maestru, chi l’é barbé, chi l’é pitùi, chi cadregatu, chi prufessùi, chi fa ‘l bagatu, ma se ‘l murné al vöi fa ‘l dutùi, ga và i dané ma non ul dulùi.
  • Ogni pasticcere fa il suo mestiere, chi è maestro, chi è parrucchiere, chi è pittore, chi seggiolaio, chi è professore e chi fa il calzolaio, ma se il mugnaio vuole fare il dottore, vanno i soldi ma non il dolore.
  • Al é mèi un ratu in buca al gatu che ul cristiàn in man a u aucátu.
  • Sta meglio il topo in bocca al gatto che un cristiano in mano ad un avvocato.
  • S’a ti nassi sfurtunà, candu te ‘a cagà, a gh’é pü da mèrda.
  • Se nasci sfortunato, quando vai a cagare, non c’è più merda.
  • U ögiu dul padrón, a l’ingrassa ul cavàll.
  • L’occhio del padrone, ingrassa il cavallo.
  • Ul primm al fà, ul secóndu a ‘na cai manéa al tègn, ul térzu al desfa.
  • Il primo fa, il secondo in qualche maniera tiene, il terzo disfa.
  • Candu a l’é sia, ul lizón al sa invìa.
  • Quando è sera, il lazzarone si avvia.
  • Lilón, lilàn, s’a l’é nón incö, a l’é dumàn.
  • Adagio, adagio (per il lazzarone) se non è oggi, è domani.
  • A hinn tème a urchèstra di trì, dü a i sonan nón, e chel’oll, al sta a sentì.
  • Sono come l’orchestra dei tre, due non suonano, e l’altro, sta la a sentire.
  • A ga sta scritu ind’aa Sacra Scritüa, lassa lauà i vègi, ch’a g’hann a pell düa
  • Sta scritto nella Sacra Scrittura, lascia lavorare i vecchi, che hanno la pelle dura.
  • Ul pissé bell misté, a l’é fa ul paiasciu mangià e béi e andà a spassu!
  • Il più bel mestiere, è fare il pagliaccio mangiare e bere e andare a spasso!
  • A pascenza dul Signui a l’é granda, ma a astüzia dul vilan a l’é infinia.
  • La pazienza del Signore è grande, ma l’astuzia del villano è infinita.
  • Candu a sa vöi capìla non, a gh’é bona nissüna rason.
  • Quando non si vuole capirla, non c’è buona nessuna ragione.
  • Candu a merda a la monta in scagn, o ch’a la spuzza o la fa dagn.
  • Quando la merda (uno stupido) arriva alla seggiola di comando, o che puzza o che fa danni.
  • Chell ch’al vusa püssé, a vaca a l’é sua.
  • Quello che grida di più, la vacca è sua.
  • Chi da Milan, a hinn larghi da buca e strénci da man.
  • Quelli di Milano, sono larghi di bocca e stretti di mano.
  • Denci rai, furtüna spèssa.
  • Denti radi, fortuna spessa.
  • L’é tantu furtünà, cha ga va ind’ul cü anca candu a l’é setà.
  • È tanto fortunato, che le va nel culo anche quando è seduto.
  • U asnén, al fa idé i só virtü cand’al parla.
  • Il somaro, fa vedere le sue virtù quando parla.
  • Ul brüsá, al parla má dul gremá.
  • Il bruciato, parla male del bruciacchiato.
  • Ul suldà inscì par lü, al fa non guèra.
  • Il soldato così da solo, non fa la guerra.
  • Mái dumandághi i án a ‘na dona: l’è sempar giúina anca sa l’è nona.
  • Mai domandagli gli anni a una donna: è sempre giovane anche se è nonna.
  • Donn lécai, lisciai, inzipriai, i finissan par mandati a tià sü i figài.
  • Donne leccate, lisciate, incipriate, finiscono per mandarti a raccogliere gli escremento dei cavalli.
  • Si, la pàcia e la paciòta; béi la beòta; l’é a lauà ch’a la barbòta.
  • Si per mangiare mangia; per bere beve; è al lavoro che borbotta.
  • I basìti da riscundón i vègnan föa sü’l müsón.
  • I bacini di nascosto vengono fuori sulle labbra. (quando usciva l’herpes sulle labbra)
  • Dòna nana, tanta tana.
  • Donna nana, tanta tana.
  • Dona magra con pochi tèti, beatu chi ch’a ga lu mèti.
  • Donna magra con poche tette, beato chi glielo mette.
  • Chi ch’al töa mié bunùa, cont’i fiö al laua.
  • Quello che prende moglie presto, con i figli lavora.
  • Pan, ven e soca, e lassa püi ch’al fioca.
  • Pane, vino e sottana, e lascia pure che nevichi.
  • I grázi i u fán i santi e i tusán cand ìn gràndi.
  • Le grazie le fanno i santi e le ragazze quando sono grandi
  • A l’é mèi larga che bona pü.
  • È meglio larga che non più buona.
  • ‘Na laaa e ‘na sügàa e a la par nanca üsàa.
  • Una lavata e una asciugata e non sembra neanche usata.
  • A dona fina a la fa ‘l lèciu aa matina, a dona inscì inscì a lu fa candu a l’é mesdì, a dona spurscelenta a lu fa candu a l’é indurmenta.
  • La donna fine fa il letto alla mattina, una donna così così lo fa quando è mezzogiorno, la donna schifosa lo fa quando dorme.
  • A l’é non ind’ul có, ul cervèll d’una dona.
  • Non è nella testa, il cervello della donna
  • Amur vègiu, a l’é mai frègiu.
  • Amore vecchio, non è mai freddo.
  • Cutelèti e donn, püssé ta i bati, püssé i dientan bon.
  • Cotolette e donne, più le batti, più diventano buone.
  • Dona cha piangi, cavall cha süda, a hinn impustùi tème Giüda.
  • Donna che piange, e cavallo che suda, sono impostori come Giuda.
  • Suta al cuertón, sa méti a postu tüci i rasón.
  • Sotto alle coperte, si sistemano tutti i litigi (fra marito e moglie).
  • S’a la g’ha i denci da can, s’a l’é non incö a la mordi duman.
  • Sa ha i denti da cane, se non è oggi morde domani.
  • Se lü a l’é in bona, l’é la bucòna; se lü a l’é rabiá, mangia ti che megn hu giá mangiá.
  • Se lui è in buona, lei mangiucchia; se lui è arrabbiato, mangia tu che io ho già mangiato.
  • A vèssi brüti a ga va ben nanca un spègiu.
  • A essere brutti non va bene neanche uno specchio
  • Par andá da lü bögna cugnussala lé.
  • Per andare da lui bisogna conoscere lei.
  • A dona cha la mèna tropu u anca, a èssi vaca pocu a ga manca.
  • La donna che mena troppo l’anca, e essere vacca poco ci manca.
  • A serva simòna, la mola i pèti e la disi ch’al trona.
  • La serva simona, scoreggia e dice che tuona. (simòna: donna che fa tante moine)
  • I disgrazi d’un omm a hinn trì: a calastrìa, a guèra, e ‘l büs cha guarda in tèra.
  • Le disgrazie di un uomo sono tre: la carestia, la guerra, e il buco che guarda in terra.
  • Al tìa püssé un peu da pota che centu cavai cha trota.
  • Tira di più un pelo di ragazza che cento cavalli che trottano. (proverbio bergamasco)
  • Chi l’é svèltu a mangiá l’é svèltu a lauá.
  • Chi è svelto a mangiare è svelto a lavorare.
  • Mangia ul furmai ch’al fa niula, e nón a furmagèla ch’a la fa ‘na ciula.
  • Mangia il formaggio che fa midollo, e non la formaggella che non fa niente.
  • Pan e nùsi, mangiá da spùsi.
  • Pane e noci, mangiare da sposi.
  • Nùsi e pan, mangiá da vilàn
  • Noci e pane mangiare da villani.
  • Tüll chell cha rifüda ‘l cü, al vegn sempar daa bùca.
  • Tutto quello che rifiuta il culo, viene sempre dalla bocca.
  • Ul ven, a l’é ul laci di vigi.
  • Il vino, è il latte dei vecchi.
  • Candu aa sia a ti sé ‘n león, aa matìna a ti sé ‘n cuión.
  • Quando alla sera sei un leone, alla mattina sei un coglione.
  • Chell ch’al pissa non in cumpagnìa, o ga l’ha marsciu o ga n’ha mia.
  • Quello che piscia non in compagnia, o ce l’ha marcio o non ce l’ha.
  • A ciapá ‘na straa nöa, sa sá indua sa va, ma non chell ch’a sa tröa.
  • A prendere una strada nuova, se si indovina si va, ma non quello che si trova.
  • A fa da có coldu, a sa paga da có frègiu.
  • A fare di testa calda, si paga di testa fredda.
  • A gaìna tropu in sü u éa, la ga va in ögiu aa masséa.
  • La gallina troppa sull’aia, le va nell’occhio alla massaia.
  • Al sciùi ga diminüissi ul giüdizzi, e ga crèssi ul caprìzzi.
  • Al ricco le diminuisce il giudizio, e le cresce il capriccio.
  • A tiála tropu, a corda a la sa scèpa.
  • A tirarla troppo, la corda si rompe
  • Gabia vèrta, usèll mortu.
  • Gabbia aperta, uccello morto.
  • Fèi a gabieta, mortu l’usèl.
  • Fatta la gabbietta, morto l’uccello.
  • Chell ch’al mangia a gaìna di oltar, al impegna a sùa.
  • Quello che mangia la gallina degli altri, impegna la sua.
  • Buca seráa, non ciápa muschi.
  • Bocca chiusa, non prende mosche. (a tacere non si incontrano sorprese)
  • Chell ch’al tasi al dis naguta.
  • Quello che tace non dice niente.
  • Decidi mai föa da cá tua.
  • Decidi mai fuori di casa tua.
  • L’é mèi ‘n passaén in man, che ‘n fasan cha sgua.
  • È meglio un passero in mano, che un fagiano che vola.
  • Sa cugniussi püssé un busardu, d’un zopu.
  • Si conosce più un bugiardo, di uno zoppo.
  • Sa insègna non ai gati a rampegá.
  • Non si insegna ai gatti ad arrampicarsi.
  • Ul pan di quaiòn, a l’é ‘l prim a finì.
  • Il pane degli stupidi, è il primo a finire.
  • Varda non ul can, ma chell ch’a ga l’ha par man.
  • Non guardare il cane, ma quello che ce la per mano.
  • Da nuéll, tüscossi l’é bell.
  • Da novello, tutto è bello.
  • Gh’é non cá, gésa o müi, senza pissai di müadüi.
  • Non c’è casa, chiesa, o muro, senza pisciate dei muratori.
  • Megn a ga disu pá, a chell cha ma dá ul pan.
  • Io le dico papà, a quello che mi da il pane.
  • S’ta grata ul nasu, o pugn o basi nuitá cha piasi.
  • Se ti prude il naso, o pugni o baci novità che piace.
  • Tüci i cá a hinn fèi da sassu, in tüci i cá gh’é ul só fracassu.
  • Tutte le case sono fatte di sasso, in tutte le case c’è il suo fracasso.
  • Un müu d’invernu, a l’é un müu eternu.
  • Un muro d’inverno, è un muro eterno.
  • Candu a la va má, a la va da prédi.
  • Quando va male, va da prete.
  • Sacrìsti e paadúi ìn tül ládar dul Signui.
  • Sacristi e apparatori sono tutti ladri del Signore.
  • Ga tuca non aa Gésa, faghi dul ben al domm.
  • Non tocca alla chiesa, fare del bene al duomo.
  • I Gési sa fann sü cont’ul paréi di sciui e cont’i dané di puaìti.
  • Le chiese si costruiscono con il parere dei ricchi e con i soldi dei poveri.
  • A bati a sèla, al capissi ul cavall.
  • A battere la sella, capisce il cavallo.
  • A buta a la dá, ul ven ch’a la g’ha.
  • La botte dà il vino che ha.
  • A fa ‘l sciui hinn bon tüci, l’è fá ‘l puaétu cha l’è dificil.
  • A fare il ricco sono capaci tutti, è fare il povero che è difficile.
  • I amìsi ìn teme i fasö: a ta párlan dadré.
  • Gli amici sono come i fagioli: ti parlano dietro.
  • Gh’è chi cha párla par dì e chi cha disi par parlá.
  • C’è chi parla per dire e chi dice per parlare.
  • Ul pán dul guèrnu l’è pocu ma l’è etèrnu.
  • Il pane del governo è poco ma è eterno
  • Al var püssé un bell’andá, che centu andèmm.
  • Vale di più un bell’andare, che cento andiamo.
  • Al vai püssé un nò graziusu, che nanca un sì dispregiusu.
  • Vale di più un no detto con gentilezza, che un sì detto con malavoglia o con dispetto.
  • A scurlá ul sacu, a ga va ‘postu i nüsi.
  • A scuotere il sacco, vanno al posto le noci.
  • Bögna èssi püssé bon, che giüstu.
  • Bisogna essere più buoni, che giusti.
  • L’amur di fiui, al va ind’aa rüdéa.
  • L’amore dei fiori, va nella spazzatura.
  • L’é mèi vèssi desiderá, che maledì.
  • È meglio essere desiderati, che maledetti.
  • L’é ‘sé non dì, bögna anca mantegnì.
  • Non è sufficiente dire, bisogna anche mantenere.
  • Non tüci i vargogn, a i u quáta a frasca.
  • Non tutte le vergogne, le copre la foglia.
  • Sa vivi non dumá da pan, all’omm fidatu lìgaghi mai i man.
  • Non si vive solo di pane, all’uomo fidato non legagli mai le mani (ripaga la lealtà con la tua fiducia)
  • Se un salüdu a l’ha da vèssi bon, te a da fall ti cont’ul tó müsón.
  • Se il saluto deve essere buono, devi farlo tu con la tua faccia.
  • S’te g’hé bisögn ‘n piasé, te a vèri a porta cont’i pé.
  • Se hai bisogno un piacere, devi aprire la porta con i piedi. (le mani devono essere occupate per portare i doni)
  • Ul ben, s’al vegn, al vegn dul ben.
  • Il bene, se viene, viene dal bene.
  • Un usèll candu a l’é in gábia, sa sa non sal canta da ‘legrìa, o sal canta par rábia.
  • Un uccello quando è in gabbia, non si sa se canta per allegria, o se canta per rabbia.
  • Ul lizon l’é sempr’in strüsa: d’ogni má gha tröa aa so scüsa.
  • Il lazzarone è sempre a spasso: di ogni male trova la sua scusa.
  • Sa ti párli ben, l’é ‘na dutrina; sa ti párli má, a sa indüina.
  • Se parli bene è una dottrina; se parli male, si indovina
  • A pensá má a sa fa pecá, ma a sa indüina.
  • A pensare male si fa peccato, ma si indovina.
  • O mangia sta minèstra, o sàlta sta finèstra.
  • O mangia questa minestra, o salta dalla finestra
  • Ul russu al va e al vègn, l’é ul gialdu ch’al mantègn.
  • Il rosso va e viene; è il giallo che si mantiene. ( rosso, = vergogna, giallo = rabbia)
  • Furtüná chell vilàn, ch’al g’ha ul padrón luntàn.
  • Fortunato quel villano, che ha il padrone lontano.
  • A furtüna la g’ha a cua chi ch’a lu ciapa, a l’é sua.
  • La fortuna ha la coda e chi la prende è la sua.
  • Beata chella spusa, che ul prim fiö l’é ‘na tusa.
  • Beata quella sposa che il primo figlio è una figlia
  • Beata chèla man, ch’a la fa inscì anca duman.
  • Beata quella mano, che fa così anche domani. (Quando qualcuno ti fa un regalo)
  • A prima l’é ‘na scua, a seconda a l’é ‘na sciua.
  • La prima donna è una scopa, la seconda è una signora (Prima e seconda moglie)
  • A roba, s’a l’é fina, la sta pocu in vedrìna.
  • La roba, se è fine, sta poco in vetrina
  • Násu ch’al guárda in buca, guáia a chell ch’al ga tuca.
  • Naso che guarda in bocca, guai a quello che le tocca.
  • Bisögna avé giüdizi, e stá lontán di vìzi.
  • Bisogna avere giudizio, e stare lontano dai vizi
  • A troppa confidenza, la fá pèrdi a riverenza.
  • La troppa confidenza, fa perdere il rispetto
  • Scapá ul purscèl, al será sü ul stabièl.
  • Scappato il porcello, chiude il porcile
  • Se i pássi dul crübiu hin gròssi, ga vá da föa tüscòssi.
  • Se i fori del settaccio sono grossi, va fuori tutto
  • Prima ti, dopo i tó, e pö i oltar s’a sa pó.
  • Prima tu, dopo i tuoi, e poi gli altri se si può.
  • A légua, senza cùri, la sa ciápa tütt’i ùi.
  • La lepre, senza correre, si prende a tutte le ore
  • Chi vá in léciu dulénti, chi vá in léciu cunténti.
  • C’é chi va a letto dolente, chi va a letto contento
  • Chi mál non fá, pagüa non gh’há.
  • Chi male non fa, paura non ha
  • Bati a bachèta, ga vegn vultra a strièta.
  • Batti la bacchetta, viene fuori la streghetta.
  • U òmm al prupòni, e Diu al dispòni.
  • L’uomo propone, Dio dispone
  • Tra Gésa e Santissimu, a sa tia lá benissimu.
  • Tra chiesa e Santissimo, si va benissimo.
  • Ul troll dormì, al fá impovaì.
  • Il troppo dormire, fa impoverire
  • Amùi da fradèl, amùi da cultèl.
  • Amore di fratello, amore di coltello
  • Men a pòrtu i vùsi, tì, ti mangi i nùsi.
  • Io porto le voci, tu mangi le noci
  • Chel cal vivi sperandu, al möi c..andu.
  • Quello che vive sperando, muore c..ando
  • L’é da rái ul bén, senza ul dìu bursén.
  • È raro il bene, senza il dio borsellino
  • Ambo a lauá, tèrnu a sigütá.
  • Ambo è lavorare, terno è continuare.
  • Chèll cha l’é in difétu, a l’é anca in suspétu.
  • Quello che è in difetto, è anche in sospetto.
  • Fidas pocu dul có bassu, salüdal e daghi ul passu. Fidati poco della testa bassa, salutalo e dagli il passo.
  • Una dona par camén, un prédi par campanén.
  • Una donna per camino, un prete per campanile.
  • Chell ch’al loda a só butìa, al g’ha ‘na magra marcanzìa.
  • Quello che loda la sua bottega, ha una magra mercanzia.
  • Chi gha vòlta ul cü a Milan, al vòlta ul cü al pan.
  • Quello che volta il culo a Milano, volta il culo al pane.
  • Ul crebón, o al téngi o la scota.
  • Il carbone, o tinge o scotta.
  • Fa sù fioca, pertegá i nùsi e mazzá génti, hinn misté ch’i varan gnienti.
  • Spalare la neve, fare cadere le noci e ammazzare la gente, sono mestieri che non valgono niente.
  • Föa ul denciu, föa ul dului, na cai ölta bisögna fá l‘impustui.
  • Fuori il dente, fuori il dolore, qualche volta bisogna fare impostore
  • Tempo l’era e témpo l’é, ogni vögn in cá sua l’é ré.
  • Tempo era e tempo è, ognuno a casa sua è re.
  • Sabetá, marmuá e sparlasciá, al pó vèssi a rüina d’una cá.
  • Chiaccherare, mormorare e sparlare, può essere la rovina di una casa.
  • L’é pissé a salza ch’el ròstu, l’é al mondu parché ghé pòstu.
  • È più la salsa che l’arrosto, è al mondo perché c’è posto.
  • Una ölta al fá ‘l teòligu, una ölta sa fá ‘l stròligu.
  • Una volta fa il teologo, una volta fa l’indovino
  • Ul fiui catá al pèrdi a só belèzza.
  • Il fiore colto perde la sua bellezza.
  • I èrbi ca ti strèppi sü, a g’han tücci i sò virtü.
  • Le erbe che strappi, hanno tutti le proprie virtù.
  • In cá tua a ti sé sicüu, chell da föa ch’al grata ul müu.
  • In casa tua sei al sicuro, quello di fuori che gratta il muro.
  • Osti e cerca-sü, misté da finì pü.
  • Osti e accattoni, mestieri che non finiranno mai.
  • A süpèrbia dul villàn, la düa d’incö al dumàn.
  • La superbia del villano, dura da oggi a domani.
  • A gutti a gutti, a minüti a minüti, ul quartu d’ua bòn al gha cápita a tüti.
  • A gocci a goccia, a minuti a minuti, un quarto d’ora buona le capita a tutti.
  • ‘Tant có, tant züchi, rutondi, quádar, bislònghi e gnüchi.
  • Tante teste, tante zucche, rotonde, quadre, ovali e dure.
  • Parìs e Milàn, Büsti e pö pü, i tri Ramagi i vánn a dü a dü.
  • Parigi e Milano, Busto e poi più, i remagi vanno a due a due.
  • Scarta non ul pan possu, in calastria a gh’é bon anca u ossu.
  • Non scartare il pane raffermo, in carestia c’è buono anche un osso.
  • ‘Na paola bona la curi assè, ma vüna grama la curi püssé.
  • Una parola buona corre assai, ma una cattiva corre di più.
  • Santa Caterina, chi ga i ha, ca sa i u nìna.
  • Santa Caterina, chi ce li ha, che se li culli.
  • A gh’é un etá par dagal e un etá par digal
  • C’è una età per darglielo ed una per dirglielo (riferito all’approccio sessuale)
  • Altri articoli di cultura