Articoli e notizie di carattere storico, culturale, tradizionale bustocco

-
-
Letteratura bustocca (Di E. Candiani)
-
Uso del dialetto: fermata l'emorragia
-
Difesa del Bustocco: Una battaglia d'avangardia!
-
E' una lingua viva !
-
E' una lingua molto particolare, anzi unica !
-
Alessandro Manzoni ed il genocidio culturale
-
Uno scempio contro il Bustocco
-
Genocidio culturale
-
Siccità, fame e cannibalismo a Busto
-
Il Fiume di Busto Arsizio - il Tenore di E. Candiani
-
Prima edizione fiera del tessile (1951) di Enrico Candiani
-
Soprannomi a Busto Arsizio e soprusi di menti ottuse di C. Azimonti
-
Storia della Contea di Busto Arsizio
-
Il vino bustocco
-
La storia di Sacconago
-
Federico Barbarossa passò da Sacconago di G. Grilli
-
Sacconago: vita nel 1500 di G. Grilli
-
1636: Sacconago e le soldataglie Francesi di G. Grilli
-
Storia di parroci di Sacconago nel '600 di G. Grilli
-
Storie sparse antiche di Sacconago di G. Grilli
-
Cineteatro Lux anni '50 di G. Grilli
-
Storia del "Quadrelli" di Elena Saporetti
-
La fine del comune di Sacconago di G. Grilli
-
Ottanta anni fa a Sacconago di G. Grilli
-
La Cascina dei poveri dal club del '45
-
Laslo Kubala a Busto di Giorgio Giacomelli
-
Le origini del calcio a Sacconago di Giorgio Giacomelli
-
Scorci di una Busto che fu: il Bar Fiume di Giorgio Giacomelli
-
A rincorrere un pallone per le campagne di Busto di Giorgio Giacomelli
-
Calcio anni '40 di Giorgio Giacomelli
-
Pro Patria-Carrarese - 1947 di G. Giacomelli
-
Contratti per bestie ! di Giorgio Giacomelli
-
Storia del "Pan Tramvai" di Giorgio Giacomelli
-
La "Ca' de Sass" in un articolo del 19 (Di E. Candiani)
-
A scarpa di Remagi
-
La spizigüa
-
La storia della Giöbia
-
La Giöbia dal club del '45
-
La giöbia di Busto Arsizio negli anni
-
La giöbia e ul dì scenen di Carlo Azimonti
-
San Biásu di Enrico
-
Quaresimali e quaresimalisti a Sacconago di Ginetto Grilli
-
Pasqua a Busto di Carlo Azzimonti
-
La pasqua ricordata dai nostri vecchi
-
Pasqua ... una volta
-
Madonna in Veronca: la 'mitezza' dei Bustocchi
-
A funzión di galüghi di Enrico
-
La processione di maggio e la benedizione dei campi di C. Azimonti
-
Antiche usanze alla festa di San Giovanni a Busto
-
Festa patronale di Sacconago di Ginetto Grilli
-
Ricordi della Chiesa vecchia di Sacconago di G. Grilli
-
Quando era estate a Sacconago di Ginetto Grilli
-
Coltivazione e raccolta del mais
-
Busto: terra di vino di Enrico
-
San Michele e gli sfratti di Enrico
-
Le ombre dei morti di Enrico
-
A lòta du ursu di Carlo Azimonti
-
I strji da Büsti di Carlo Azimonti
-
Ul ventu e i strji di Carlo Azimonti
-
Il Natale a Busto Arsizio
-
Il pranzo di Natale
-
Filosofia del Natale dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Filosofia del bere dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Modi di dire
-
Proverbi Bustocchi - I (di A. Crespi)
-
Proverbi "bustocchizzati (di A. Crespi)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - I (di C. Azimonti)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - II (di C. Azimonti)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - III (di C. Azimonti)
-
La corruzione elettorale (di C. Azimonti)
-
Filosofia del lavoro dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Medicina e cure mediche a Busto Arsizio
-
Parlèm da dané ! di Carlo Solbiati
-
Puasén da Monscia ! di Carlo Solbiati
-
Il Senatore Silvio Crespi di Giorgio Giacomelli
-
La Marialonga di Sacconago di Ginetto Grilli
-
La "società degli stupidi" di Sacconago da "La Prealpina" - 1964
-
Ul Farascén e ul Pisagügi di Carlo Solbiati
-
Salotto Bustese anni '50" di Giorgio Giacomelli
-
Stelle Filanti anno 1950" di Giorgio Giacomelli
-
L'ultimo viaggio di Carlo Azimonti" di Giorgio Giacomelli
-
Bruno Bisterzo, pugile Bustese di Giorgio Giacomelli
-
Angelo Borri, il "baffo" di Giorgio Giacomelli
-
Angelo Borri, parte 2^ di Giorgio Giacomelli
-
L'osteria dul Murlacu di G. Giacomelli
-
L'associazione "in tra da nögn"
-
A Camana dul Vitoriu (video)
-

Angelo Borri

ANGELO BORRI: TIFOSO E SINDACO



" Il Sindaco Buono " Angelo Borri, classe 1919, segretario della Democrazia Cristiana, Assessore al Comune di Busto Arsizio e successivamente Sindaco dal 1979 al 1985 deceduto nell'agosto del 2001. Uomo umile, buono, sempre disponibile verso i bisognosi venne definito: "un uomo che non ha mai chiesto niente ed ha dato molto".
Sportivo autentico, tifoso per eccellenza della Pro Patria, soprannominato " IL BAFFO " stato anche giornalista impegnato nel " Tigrotto " settimanale degli anni '50 che si occupava in primis della Pro Patria non trascurando altre discipline sportive. " IL BAFFO " Era uno dei capi di quei tifosi che alla domenica mattina avena sempre qualche cosa da fare; poi buttavano gi qualche boccone in fretta e furia, "disfacevano la barba",si buttavano addosso "il borghese" quello buono e poi via di corsa allo stadio. Mani ruvide e vigorose, aduse a piegare il ferro, tirare la lima e spaccare la ghisa, allorquando tifosi di parte avversa alzavano il tiro oltre misura, venivano riportati prontamente al loro alveo naturale a suon di cazzotti micidiali. Oltre 7000 erano di media gli spettatori e la gran parte nei "popolari", e allorquando il ritmo della gara calava e dalla parte nobile della tifoseria (tribune ) partivano sbuffi e disapprovazioni dall'altra parte saltava su imperioso IL BAFFO ed a suon di FOR-ZA PRO PATRIA - FOR-ZA PROPATRIA coinvolgeva l'intero settore in una bolgia indescrivibile di sussulti ed incitazioni, riuscendo il pi delle volte a capovolgere le sorti della gara. A Busto pagarono il dazio senza sconti le pur blasonate Inter, Milan e Juventus.
Entr per caso a far parte della famiglia del " TIGROTTO "; si diede da fare con successo ed il direttore Adamo Cocco gli riserv uno spazio "L'ANGOLO DI BAFFO". Tenne la rubrica con arguzia ed ironia prettamente bustocche sino al termine delle pubblicazioni (1954). Nel 1950 era prevista la visita a Busto dell'Inter ed un cronista milanese scrisse "verremo a Busto e vi insegneremo come si fa; noi abbiamo il Duomo, il Motta, i tram e fra poco la metropolitana...abbiamo uno squadrone pluridecorato".
Il Baffo ribatt "non saremo in diecimila...ma moltiplicheremo le nostre forze...i nostri polmoni sono pi forti dei vostri, non abbiamo il Duomo ma abbiamo la Madonna dell'Aiuto, non avremo la Metropolitana ma a Busto in pochi vanno a piedi. Abbiamo una squadretta e per di pi acciaccata, ma Davide mise a terra Golia. Apriremo il rubinetto della nostra grande passione e sar come lo sprizzo di mille fiamme ossidriche; nessuno riuscir ad imprigionarlo". L'Inter venne messa sotto seccamemente per 2 a 0.
Un tifoso gli chiese di chiarire la definizione di Tigrotto (riferito ai calciatori della Pro Patria) e rispose: "c'e ne sono di due tipi.. uno perch veste la maglia bianco blu ed alla fine della stagione cambia societ, l'altro il 'duro a morire' duellante sino all'ultimo respiro oppure dotato di gran forza di volont sopperente a lacune tecniche". Gi negli anni trenta la Pro Patria venne definita 'tipica squadra d'assalto, generosa ed ardentissima, sprezzante della statura degli antagonisti, prodiga delle proprie energie fino all'esaurimento'.
Venne con me al Teatro Sociale in occasione dei festeggiamenti per gli 80 anni della Pro Patria. Raggiante, felice; l'abbraccio con Antoniotti, Turconi ed altri commovente. Qualche lacrima e tanta contentezza.
Un uomo vero, uno sportivo ma soprattutto un galantuomo.

Giorgio Giacomelli

Altri Articoli di storia Bustocca