Articoli e notizie di carattere storico, culturale, tradizionale bustocco

-
-
L'inno ufficile del carnevale bustese (1939) (Di E. Candiani)
-
Letteratura bustocca (Di E. Candiani)
-
Uso del dialetto: fermata l'emorragia
-
Difesa del Bustocco: Una battaglia d'avangardia!
-
E' una lingua viva !
-
E' una lingua molto particolare, anzi unica !
-
Alessandro Manzoni ed il genocidio culturale
-
Uno scempio contro il Bustocco
-
Genocidio culturale
-
Siccità, fame e cannibalismo a Busto
-
Il Fiume di Busto Arsizio - il Tenore di E. Candiani
-
Prima edizione fiera del tessile (1951) di Enrico Candiani
-
Soprannomi a Busto Arsizio e soprusi di menti ottuse di C. Azimonti
-
Storia della Contea di Busto Arsizio
-
Il vino bustocco
-
La storia di Sacconago
-
Federico Barbarossa passò da Sacconago di G. Grilli
-
Sacconago: vita nel 1500 di G. Grilli
-
1636: Sacconago e le soldataglie Francesi di G. Grilli
-
Storia di parroci di Sacconago nel '600 di G. Grilli
-
Storie sparse antiche di Sacconago di G. Grilli
-
Cineteatro Lux anni '50 di G. Grilli
-
Storia del "Quadrelli" di Elena Saporetti
-
La fine del comune di Sacconago di G. Grilli
-
Ottanta anni fa a Sacconago di G. Grilli
-
La Cascina dei poveri dal club del '45
-
Laslo Kubala a Busto di Giorgio Giacomelli
-
Le origini del calcio a Sacconago di Giorgio Giacomelli
-
Scorci di una Busto che fu: il Bar Fiume di Giorgio Giacomelli
-
A rincorrere un pallone per le campagne di Busto di Giorgio Giacomelli
-
Calcio anni '40 di Giorgio Giacomelli
-
Pro Patria-Carrarese - 1947 di G. Giacomelli
-
Contratti per bestie ! di Giorgio Giacomelli
-
Storia del "Pan Tramvai" di Giorgio Giacomelli
-
La "Ca' de Sass" in un articolo del 19 (Di E. Candiani)
-
A scarpa di Remagi
-
La spizigüa
-
La storia della Giöbia
-
La Giöbia dal club del '45
-
La giöbia di Busto Arsizio negli anni
-
La giöbia e ul dì scenen di Carlo Azimonti
-
A Madona candiöa di Carlo Azimonti
-
San Biásu di Enrico
-
Quaresimali e quaresimalisti a Sacconago di Ginetto Grilli
-
Pasqua a Busto di Carlo Azzimonti
-
La pasqua ricordata dai nostri vecchi
-
Pasqua ... una volta
-
Madonna in Veronca: la 'mitezza' dei Bustocchi
-
A funzión di galüghi di Enrico
-
I Madonn di ciochi - La processione di maggio e la benedizione dei campi di C. Azimonti
-
Antiche usanze alla festa di San Giovanni a Busto
-
Festa patronale di Sacconago di Ginetto Grilli
-
Ricordi della Chiesa vecchia di Sacconago di G. Grilli
-
Quando era estate a Sacconago di Ginetto Grilli
-
Coltivazione e raccolta del mais
-
Busto: terra di vino di Enrico
-
San Michele e gli sfratti di Enrico
-
Le ombre dei morti di Enrico
-
A lòta du ursu di Carlo Azimonti
-
I strji da Büsti di Carlo Azimonti
-
Ul ventu e i strji di Carlo Azimonti
-
Il Natale a Busto Arsizio
-
Il pranzo di Natale
-
Filosofia del Natale dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Filosofia del bere dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Modi di dire
-
Proverbi Bustocchi - I (di A. Crespi)
-
Proverbi "bustocchizzati (di A. Crespi)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - I (di C. Azimonti)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - II (di C. Azimonti)
-
La cultura del buonumore a Busto Arsizio - III (di C. Azimonti)
-
La corruzione elettorale (di C. Azimonti)
-
Filosofia del lavoro dalle nostre parti (di G. Grilli)
-
Medicina e cure mediche a Busto Arsizio
-
Parlèm da dané ! di Carlo Solbiati
-
Puasén da Monscia ! di Carlo Solbiati
-
Il Senatore Silvio Crespi di Giorgio Giacomelli
-
La Marialonga di Sacconago di Ginetto Grilli
-
La "società degli stupidi" di Sacconago da "La Prealpina" - 1964
-
Ul Farascén e ul Pisagügi di Carlo Solbiati
-
Salotto Bustese anni '50" di Giorgio Giacomelli
-
Stelle Filanti anno 1950" di Giorgio Giacomelli
-
L'ultimo viaggio di Carlo Azimonti" di Giorgio Giacomelli
-
Bruno Bisterzo, pugile Bustese di Giorgio Giacomelli
-
Angelo Borri, il "baffo" di Giorgio Giacomelli
-
Angelo Borri, parte 2^ di Giorgio Giacomelli
-
L'osteria dul Murlacu di G. Giacomelli
-
L'associazione "in tra da nögn"
-
A Camana dul Vitoriu (video)
-

 Carlo Azimonti. Il Padre della "Bustocchità"

UL NOSTAR PA' CARLEU !

La Sua morte avvenuta il 22 marzo 1958 , è stata un lutto per tutta la città che pochi mesi prima gli aveva conferito la targa d'oro e il Diploma della Civica Benemerenza.

L'ha finì da batti ul so tié, par dila a üsanza da Busti. Ma intratantu che noeun, squasi tüci, a lassam a nostra cà e a fam u ültam viagiu a cà dul Bìa muci muci, senza scumudà tropo i egenti, par lü s'é moeusta tuta a cità, sciui e poaiti, grandi e pisciniti, Sendagu e Preostu, deputà e senadui, industriai, marcanti e lauanti, predi e frà e monighi, i fioeu di esili e di scoeui, i urfanèi e i vegi dul ricoar, in pochi paòl tüti chi chi pudéan andaghi dré a faghi i unuranzi e a dighi pa a ültima voeulta : Adiu Pà Carloeu. Ti se fèi in quattar par noeun e candu gh'ea a guèra e dopu, in Cumoeun e foeua : ti se stèi par noeun na pruvidenza candu gh'ea chi i tudeschi, e sempar ti se mustrà un bon büstocu, lavuadùi e amisi di lavuadui, e tuta genti unesta la t'à sempar vurzü ben. Noeun ta rinraziam, e ta regordaèm fin al di dul giüdizi, ma ul Signui al ta daà a giusta paga par chel bòn ca te fei. Insc“ i diséan cont aa buca, o cont ul coeui tuti i person ch'andea dadré aa carocia tüta piena da curonn dul Municipi, di sociazion, di amisi. E una voeulta tantu l'ea propri a verità. Ma mén, intantu che ul poar Pa Carloeu al fea pa a ultima voeulta ul giro da a so Busti, e al paséa danànzi al Monumentu, ho credü da vidé saltà foeua da chel truncòn da marmu tutti i nostar morti da chèla guèra dul quindas-dasdotu cha l'à vüstu, lü inscì giùan, diventà ul pà da tüci e fass in quˆtar parchè i fioeu da Büsti ch'ean al fronti sa sentissan süstegnüi, e fa gruppu inturnu al càru e cantaghi a canzon dul Piave. Ma ammò pussé bel l'é stèi candu ul curtèu l'ha rasentà a Santa Maia. Tutt'an trattu una gran lüsi rusa tèm un foeugu l'ha vistì tüta a gésa e da déntar s'é sentü vignì una vusi dulza dulza cha l'ha di : O car ul me Pà Carleou ti m'é vuü ben in vita, e men ta veouu ben in morti. Inscì m'è parsu da sentì e anche s'ho sugnà, l'é vea non fursi ch'ul nostar Pà Carleou e a Madona du aüitu éan amisi e sa vuéan bén tantu che lu la fèi ul libar sü a Mamma di Bustochi? Ma m'acorgiu da fala tropa longa e ch'un chei voeun al ridi di me panzànighi. E püi, propi in stì amui da fedi da patria e da famiglia, in sti sentimenti da om ch'al sé fei da par lü, e al se dèi inturnu pa ütà i oltar a sulevàssi da a miséa, da büstocu inamuà da a so cità cha l'ha vurzü celebrà anca cont aa pèna, propri par sti virtü mèn a credu che 'l nostar Pà Carleou al resterà vivu un bèl pèzu in mezu a tuci noeun.

VOEUN DA BÜSTI

Tratto dall'ALMANACCO DELLA FAMIGLIA BUSTOCCA per l'anno 1959
a cura di Giorgio Giacomelli.

Altri Articoli di storia Bustocca