TÉGN DA CÖNTU I POR MORTI

Ai témpi, tánci án fá, anmó prüma dul mil’è nöcén’ voltas’indré, a Büsti a sé sémpu üsá a ténadag’adré ai morti, e difati, vögn di barbélati ca ‘l ha scritu un libar, al dis ché ul nòm da Büsti al vègn da chi morti ca gh’éa stèi suterá turn’a Büsti al témpu daa guèra di Ruman cóntr’ai Gai, e in gesa San Giuan gh’éa lì, e gh’è lì anmó ‘n chéncossa ca tia man di morti.
Vèa sì o véa non chèl chi disan i barbélati, i nostar lanténati an sémpu fèi ul só dueru pai por morti.
Candu ghé stèi a bataglia da Légnan, chèla dul Barbarussa, (ca lé stèi fèi non a Legnan, ma intra Büsti e Bursan) büstochi e bursaniti an sutérá tüc’i morti, sia chi tai daa Léga che chi tai dul Barbarussa. A Bursan, i án indré, ma non trop’indré, al dì da San Stéan, a sa féa ‘na messa granda pai por morti e a ga gnéa génti da tüc’i paesi aturnu par séntila.
A Büsti, a chi án lá, ul Campusantu l’éa l’ dasparti da San Giuan, e fin’ca ghé stéi nón a pèsta l’è stèi sé, ma candu ghé gnü a pèsta e i égénti an tacá a muì in pressa, a ghé stèi fèi ul Campusantu dadré da San Grigoi, (gh’éa lá anca ul lazaretu daa pèsta), e pö, pasá i án, Büsti al sé sgrandì e ul Campusantu nöu l’an fèi atac’aa cassina dul Bia e lé lì anmó.
Sinagu e Bursan, ché a chi témpi lá éa cumögn par só cöntu, gh’éan ognadögn ul só Campusantu, c’al suméa ca l’éa lá atac’ai gési fin’cand’ghé gnü a pèsta e pö l’è stèi purtá in föa.
Inlua i morti i u météan giù in daa tèra e dopu chi tanci án i u tiéan sü, e chi cuatar osi ca ga vanzéa i u météan in du usari.
Pö a ghé gnü a moda da fa capèl e munuménti da lüsu, ma ghé anmó génti ca va giù in daa tèra a disfasi, tanmé in di temp’indré.
A ghé capitá, ai témpi, ché ‘n paisan da Büsti, ul Cicurinu, ca ghéa morta a só mama tanci án prüma, al sé metü dacordu cont’ul ciapon ché candu ghéa da tiá sü chèl pocu ca ga vanzéa daa só mama, al ritiéa lü chi cuatar usiti ca ga gnéa ultra, par metai döntu non in’du usari, ma metai igná è fai mèl döntu in daa só cássa candu al muiéa lü.
Al a paégiá ‘na casétina da lègn e cand’u ciapon al ga dì ca l’éa bona, lilon lilan lé pasá via dul Campusantu, e senza fas’tö via, la cépá a casétina con dönt’i osi ca gh’éa vanzá, la scundüa sut’aa miagheta ca l’éa paégiá sü in sül caréton, e valá ü, al sé inviá in’vés’a cá.
Intant’ca la ‘ndéa a cá a ghé gnü un pó da smarizi a pénsaghi a chèl pocu ca gh’éa vanzá da chèla poa dona lá, e par cérca da tiá cá ‘l có, al sé férmá a ‘n ustaia par béi un grapén.
Al va dönt’in’daa ustaia, e al tröa lì trì soci chi cérchéan chèl di cuatar par fa ‘n scupa.
“Ciá, sé riá a témp’è ua”, ga fan, “Sèam giastua dré cércá ‘n soci par fá un véntögn aa scupa d’asa”. “A podu nón”, al fá ul Cicurinu, “A go daföa a mé mama in sül caréton”. “Tana“, i fan i soci, “Tè a lasala lá inscì daparlé da föa, fála gnì dönt’a bei ‘n chéncosa”.
Ciula, candu ul Cicurinu al sé corciu sa l’éa dì, lé gnü cá da có, la nan finì da béi, lé curü da föa, lé saltá sü in sül caréton, a via da presa a cur’a cà.
I trì soci in’indèi daföa anca lui è cand’an vüstu ché ul Cicurinu léa sü daparlü insül caréton, an pénsá ca l’éa pèrz’ul scigui.
Lé da giustu rispétá i morti, ma ‘na cai völta a sa va föa da có è sa fá da chi misté da fá non. Cand’i morti in’indéi da lá a ga öi tègnii a ménti, ma lasai lá.

Giovanni BANDERA - (Cangélén) - Setembar 1992
RISPETTA I DEFUNTI

Nei tempi andati, già nei secoli trascorsi, a Busto si è sempre usato onorare i defunti, e proprio uno studioso, che ha scritto un libro, scrive che il nome di Busto origina dal ricordo della sepoltura, nei pressi di Busto, dei defunti della guerra tra Romani e Galli, nella chiesa di San Giovanni c'èra e c'è ancora qualcosa che ricorda i defunti.
Vero o non vero quello che scrivono gli studiosi i nostri antenati hanno sempre rispettato i defunti.
Dopo la battaglia di Legnano, quella del Barbarossa, (che non è avvenuta a Legnano, ma tra Busto e Borsano), bustocchi e borsanini hanno sepolto tutti i defunti, si della Lega che del Barbarossa. A Borsano anni addietro, ma non troppi, nel giorno di Santo Stefano si celebrava una messa solenne per i defunti, alla quale partecipavano tutti i paesi del circondario.
A Busto ai tempi, il Camposanto era situato dietro l'abside di San Giovanni, e fino a quando non è venuta la peste, era sufficiente a ospitare i defunti, ma con l'arrivo della peste è aumentato velocemente il numero dei defunti così si è aperto il Camposanto dietro San Gregorio, (c'era anche il lazzaretto della peste), poi con il passare degli anni Busto si è estesa e il Camposanto nuovo è stato aperto nei pressi della cascina dei Monti, (Bia) ed è ancora lì.
Sacconago e Borsano che allora erano comuni autonomi, avevano ognuno il loro Camposanto che sembra che fosse situato nei pressi della chiesa, fino la comparsa della peste, e poi spostati in periferia.
Allora i defunti si seppellivano nella terra, e dopo un certo numero di anni venivano esumati, e quelle poche ossa che si fossero conservate veniva sistemate nell'ossario comune.
In seguito è venuta la tendenza di costruire cappelle e monumenti di lusso, ma vi è ancora qualcuno che vuole essere sepolto nella terra, come nei tempi antichi.
È successo, negli anni passati, che un contadino di Busto, Francesco (Cicurinu), al quale era morta la mamma anni prima, si era accordato con il seppellitore perche, quando si sarebbe riesumata la mamma, quei pochi avanzi che fossero rimasti non fossero stati messi nell'ossario ma li avrebbe conservati lui e poi messi nella sua bara, quando fosse defunto.
Ha preparato una piccola cassetta di legno, e quando il seppellitore gli disse che era che venuto il tempo, piano piano è andato al Camposanto con il carretto è senza farsi notare ha nascosto la cassetta sotto i fasci di granoturco che aveva approntato sul carro, e data la voce al cavallo, si è avviato verso casa.
Durante il percorso ha avuto un attimo di smarrimento, al pensiero di quel poco che era rimasto di quella donna, e per cercare di raccapezzarsi, si è fermato ad un'osteria per bere un grappino.
Entrato nell'osteria, s’imbatte in tre amici che aspettavano il quarto per fare una partita a scopa.
“Ecco, sei arrivato a proposito”. gli dicono, “Stavamo giusto cercando il quarto per fare un partita ai ventun'punti a scopa d'asso”. “Non posso “, risponde Francesco, “C’è la mia mamma fuori, sul carretto“. “Caspita”, rispondono gli amici, “Devi lasciarla fuori sola, falla entrare, a bere qualcosa con noi”. Francesco, resosi conto di cosa aveva detto, ha lasciato il bicchiere pieno ed è uscito di corsa, è saltato sul carro, e via di corsa verso casa.
I tre soci sono usciti anche loro dall'osteria, e quando hanno visto che Francesco era solo sul carro, hanno pensato che avesse perso l'orientamento.
È giusto rispettare i defunti, ma qualche volta si esagera nel comportamento e si fanno cose sbagliate. Quando i defunti sono nell'aldilà, bisogna ricordarli ma lasciarli dove sono.

Giovanni Bandera Settembre 1992

(traduzione dello stesso autore)


Altre composizioni di Giovanni Bandera