UL VEN DA BÜSTI

UL VEN DA BÜSTI

Ai témpi, tanci án fá, in'dul téritoi da Büsti gh'éa tanci vidi, in'di pian gh'éa topii e pantéi d'üga ch'éan 'na maraiglia. I paisan i téndéan dré ulantéa ai vidi, parché si féan u üga bèla, dopu i féan ul ven bón. In primaéa i u ingraséan, i u pudéan é i tiéan i có di vidi ligai cónt'i gurìti da sasu, adré ai burdión tiai in tra i pianti da muón e da pèrsigu, e düghé cha gha caléa i pianti, gh'éa giù i pasón da rugra, da rübina o da càstan, parché inlua gh'éa turn'an'mó i buschi da castan e da rugra. D'astaia i u sapéan e ga tiéan via i giuton di bastardi, e pö, in autögn gh'éa da catá u üga. Candu gh'éa da catá u üga l'éa a fèsta di fiö; a matina bunùa sü in sül carétón, caagn, caagnö, scorbi, brénti é fiö e via al lögu. Grand'é pisciniti, oman, don é fiö, chi cónt'ul pidiö, chi cónt'ul curtèl, chi cónt'a fuasèta, giù a catá, inpienì i caagn, i scorbi e i brénti e sü in'sül carétón, e candu u üga léa cataa tüta, a cá in prèssa. In daa curti o sut'al portigu, ghéa giá paégiá ul brénton; dönt'i fiö, péntèra é sénza culzón, a schisciá u üga. Cand'i fiö éan fèi a prüma schisciaa, é 'l nièl dul mustu al cuménzéa a crèsi, föa i fiö é dönt'i oman. Cand'éan furni da schisciá u üga, i cavéan ul mustu dul brénton e lu météan dönt'a büi in'di buti sénza cuèrciu. Cand'ul mustu l'é finì da büi, dopu 'na cai giurnaa, e ségond'ul coldu ch'al féa, ul vén 'l éa fèi; lu cavéan di buti vèrti e lu météan dönt'in'di vasèi, pa fal pusá fin' San Martén. Dasua di tégasci cha gha vanzéa, gha vuiéan sü 'na cai sidéla d'acua, gha déan 'na trüsáa é pö i u laséan lì a turná büi pian pian, fin'cha sa féa ul vinèl chi beéan al dastaia cand'i 'ndéan a föa. A ghé gnü, a chi témpi lá a malatia di vidi é a fèi mui tüci o scasi é sé salvá dumá 'n'cai pé da clén e da vén da Büsti 'n'an fèi pü. Ghé stèi piéntá, dopu, un pó da méricana, ma in'trá méricana e clén a sa féa dumá ul zacarèl,ul clén, ul méricanél o ul strasciapata. I paisan,ché prüma i féan ul ven par cá sua, con chi cuatar vidi cha ghé vanzá, i féan vua pü a fan asé par'tül'l'an inscì an cuménzá a gnì Büsti a tö ul ven in'di vinati. I ven chi véndéan i vinati éan : scuinzan, trani, mandüria, ven scüi, grosi, gnüchi da mandá giù, chi tachéan al có e ban ai ghiambi.

Candu ghé mortu i só vidi, ul Lüisotu, un paisan cha 'l éa 'n bülu tréméndu, grand'é gròsu 'mé 'n guarnéi, forti mé 'n turèl e c'al lauéa 'mé 'n bö é dré 'l pastu al beéa 'na sideléta da ven, la cuménzá an'lü a béi ul ven di vinati. Bütüá cónt'ul só ven da prüma, ul Lüisotu lé 'ndéi 'nanzi a béi a só sideléta al pastu; i prüm völti la cepá a ciòca, pö das'a'dasi al sé bütüá al ven nöu, pero al séntéa turnu un pó da ulantá nón é ga spungéa un pó ul véntar. A Lüzia, cha l' éa a dòna dul Lüisotu la sé còrcia ché ul só la stéa bén pocu é la cuménzá : " Va' Büsti in'dul dutui, fas vidé, béi pocu", é lü gnücu la 'ndéa 'nanzi a lauá 'mé'n mül, a mangiá 'mé 'n'ursu e a béi 'mé 'n'oca. A Lüzia la pénsa bén da trà'n'pé 'n trapèl in manéa da fá capitá lá ul dutui in'daa cassina, sénza fas'capì cha l' éa la p'al Lüisotu. 'Na sia 'n'tan ché 'l Lüisotu léa dré scená, gha vègn dönt'ul dutui: " 'Nanzi, sciur dutui", al fá ul Lüisotu, "al ga bisôgn 'n' chéncosa ?". "Non", al fà ul dutui, "a paséa da chi, intan'cha gnéu indré daa Faana, é sóm gnü chi a sagiá ul tó ven, cha m'an dì cha 'l é inscì bón". "Tana", al fá ul Lüisotu, "sa lé duma par chèl !, tì Lüzia vòia giù 'n tazinén da ven p'al sciur dutui". Ul dutui an béi un fiá é 'l fá "Ciula lé bòn darbòn, pérò té da stá al pélu, parché chés'chì lé pésanti, é sa t'in béi tròpu, al ta cascia infiamazion é ti é risc'a muì ónz'a ónza". Ul Lüisotu, cha 'l éa capì ul nilzu, al fá: "Sciur dutui c'al ga pénsa nón, c'al staga pür trancuil, mégn a gó prèsa nón da muì". Ul dutui, a séntì chèla sénténza lì, al sé métü dré a ridi, a Lüzia anca lé, 'l Lüisotu, cha 'l ha capì a rasón, 'l ha sbassá a métazion dul ven, insci ghé passá tüc'i fastidi e 'l é scampá fin'vutanta' cénc'an.

Giovanni BANDERA - (Cangélén) - Dicembar 1981
IL VINO DI BUSTO

Ai tempi andati, tanti anni fà, nel territorio di Busto, si coltivavano molte viti; nei campi c'erano pergole e filari di viti bellissimi. I contadini curavano molto le viti, perché se producevano l'uva bella, producevano anche il vino buono. In primavera si concimavano e potavano le viti, si tendevano i rami e si legavano con rametti di salice a fili di ferro tesi tra gli alberi di gelsi e di pesco e dove non c'erano alberi si piantavano pali di quercia, di robinia o di castagno, perchè allora c'erano ancora boschi di castagno e quercia . D'estate si zappava la vigna e si eliminavano i rami non produttivi, (i bastardi), e in autunno si vendemmiava. La vendemmia era la festa dei ragazzi: il mattino presto, si caricava il carro con ceste, cestini, corbe e mastelli, e via, in campagna. Uomini, donne, ragazzi, chi con la piccola roncola, (pidiö), chi con un coltello, chi con la forbice, sotto a cogliere e a riempire ceste, corbe e mastelli e caricarle sul carretto e finita la vendemmia, a casa di corsa . Sotto il portico del cortile era pronto il tino nel quale entravano per primi i ragazzi, scalzi e senza pantaloni, a pigiare l'uva. Dopo che i ragazzi avevano fatto la prima pigiata e il livello del mosto cresceva, fuori i ragazzi e dentro gli uomini a continuare. Finita la pigiatura, si travasava il mosto dalla tina in un botte senza il coperchio, dove avveniva la fermentazione. Dopo qualche giorno, secondo la temperatura del clima il mosto, aveva finito la fermentazione il vino era pronto: lo travasavano in botti chiuse per farlo maturare fino a San Martino. Sopra le vinacce che restavano nella prima botte, versavano qualche secchio d'acqua rimescolavano il tutto e lasciavano fermentare lentamente, fino a che, finita la seconda fermentazione, si era fatto il vinello che i contadini bevevano d'estate, quando lavoravano nei campi. Avvenne, in quei tempi, una malattia delle viti, (filossera??), che le fece morire quasi tutte, e sopravvisse solo qualche ceppo di uva clinton e di vino a Busto non se ne è fatto più. Son state piantate, negli anni successivi, molte viti di varietà americana, ma con uva clinton e uva americana, si producevano solo vinelli leggeri e diuretici. I contadini, che producevano vino per il consumo familiare, con quelle poche viti che erano scampate alla malattia, non ne producevano a sufficienza per tutto l'anno, hanno cominciato a comprare il vino dai vinai di Busto. I vini che vendevano i vinai erano : squinzano, trani, manduria, vini scuri, molto alcoolici, duri da ingoiare, che prendevano alla testa e alle gambe.
Quando sono morte le viti, il Luigione un colosso grosso come un armadio, forte come un torello, che lavorava come un bue e ad ogni pasto beveva un piccolo secchio di vino, ha cominciato pure lui a bere in vino dei vinai. Abituato al vino fatto da lui, ha continuato a bere il vino dei vinai nella stessa quantità di prima. Alle prime bevute, si é un po’ ubriacato, poi piano piano si è abituato al nuovo vino, ma sentiva un po’ di malavoglia e sentiva pungere la pancia. Lucia, la moglie del Luigione, si accorge che il marito non sta proprio bene di salute, e ha cominciato a dire a dirgli : “Vai a Busto a farti visitare dal medico, bevi meno”, ma lui, testardo, continuava a lavorare come un mulo, a mangiare come un orso, e a bere come un'oca .La Lucia ha pensato di far capitare, per caso, il medico nella cascina, senza dirlo al marito. Qualche sera dopo, quando il Luigione era a tavola per la cena entra il medico : “Venga avanti, dottore” dice il Luigione, “Le serve qualcosa ?”. “No”, dice il medico, “passavo di qua, tornando dalla Cascina Favana e sono entrato per assaggiare il tuo vino, che mi dicono che é speciale”. “Caspita”, dice il Luigione, “Se è per quello !, Tù, Lucia, versa una scodellina di vino per i signor dottore”. Il medico sorseggia un po’ di vino e dice : “Caspita, è veramente buono, ma devi stare attento, perchè questo vino è molto alcoolico e se ne bevi molto, ti infiamma il fegato e rischi di ammalarti e morire piano piano”. Luigione, che ha capito la manovra, dice al medico : “Signor dottore, non si preoccupi, stia tranquillo, io no ho premura di morire” . Il medico, a quella sortita, è scoppiato a ridere insieme a Lucia, Luigione, capito il messaggio, ha diminuito la quantita di vino, così sono cessati i suoi disturbi ed è campato fino a ottantacinque anni.

Giovanni Bandera Dicembre 1980


Altre composizioni di Giovanni Bandera