Carta d’identità,Maria Giovanna Basaglia - poesia dialettale in Bustocco

Carta d’identità


Sun nasua in una cità da pruincia
tra pulvra, fracassi e lauà,
ma al sarà che a me mäma
gnüa chì daa campagna,
i oêugi pien da cului
daa gran val padana
la ma sumenà in dul coêui
a passion d’un gran verdu,
a fam d’una päsi
ca la sa da silenziu
e ul bisoêugn da fiadà
in tra i pian dul furmentu.
Al sarà che son nasua
in dul cöldu du austu,
‘na nöci tuta bleu
e da stell sbarlusenti,
candu sut’a a topia
i godan ul frescu i egenti,
che mèn, da anlua e par sempar
a go ‘na rudia da voêuia da sù,
d’armunia da cului e da verdu,
sbarlusu da stell e fiadù da silenziu.
I me voêui, tuci insema,
hin par mèn, uramai, passion e turmentu;
tème tanti fiuitti cuntenti,
i saltan, i giugan, i rabèlan da dentu.
Sono nata in una città di provincia
tra polvere, fracassi e lavoro,
ma sarà che la mia mamma
arrivata qui dalla campagna,
gli occhi pieni di colori
della grande valle padana
mi ha seminato nel cuore
la passione di un gran verde,
la fame di una pace
che sa di silenzio
e il bisogno di respirare
tra i campi di frumento.
Sarà che sono nata
nel caldo di agosto,
in una notte tutta blu
e di stelle luccicanti,
quando sotto il pergolato
godono il fresco le persone,
che io, da allora e per sempre
ho un rodimento di voglia di sole,
d’armonia, di colori e di verde,
luccichio di stelle e alito di silenzio.
Le mie voglie , tutte assieme,
sono per me, oramai, passione e tormento;
come tanti bambini contenti,
che saltano, che giocano, fanno baccano di dentro.


Altre composizioni di Maria Giovanna Basaglia