Santa Croce - di Maria Giovanna Basaglia - Poesia Bustocca

Santa Crusi

VII Concorso di Poesia Bustocca II Premio
DallAlmanacco Famiglia Bustocca 1971 1972

Ul venerd santu, in via Santa Crsi
sa sa a i m tempi chin nnca pou insc indr,
vid una fia da banchiti
che al lm incrtu da tanti canditi
i vendan caraml, crucnti e bambulti,
balni, turni e pou gisiti,
e a sa, in sl tardu, dpu ul lau
gha pasa una clca da gnti
innnzi e indr
cha nda in chla Gsa
a bas dul Signui i d p;
apna sa puda a infilsi dntu
pa a prta da a gesa Santa Crusi
e ti prui sbitu n sgumntu
un p pa a lsi, quasi smrta,
un p pa i quadar negar e i piti
chi quatan quasi tti i mi.
In fondu, sl palcon du altai
un gran Signui la l distend
mortu e pat sutun vl risci
e una Madona tta dulura,
seta a i p dun gran crusn,
la gha na man stenda, dispea
e chella la tegna strncia sl coui
trapas di spdi di stt duli.
Che straziu! Che impressin! e che sgumntu!
Pou, cndu sa l atcu al gran palcon
a ma mama la ma ciapa suti ascl
e la ma slungha, ps cha la puda
par bas i pe dul statn.
Ala, ma ciapa, dentin dul coui
qusi un strengimntu,
ma gna a pel doca
e cuntun ougiu a a Madna vult
a cerchu ul p da bas.
Sun pasa un cj d f,
un po par casu, e un po par curius,
in chla stra un po mia mal cunscia,
n du chandu tanti an pas.
A gsta, da foua la gh anm,
gha mnca dum l tciu;
a prta l sbara cunti lgn;
ghan di dentu cul picn
par fa spziu e ria in dul rin.
casci i ougi un po da dntu
tra i fesi da lgn du sbaramntu:
l cume vsi dpu un teremtu,
palni, travi, sassi e quadri,
na fria da rabia gh gig dentu,
la fi da chla gsa quasi un rabl.
Oh! a m Madona di st duli!
Oh! ul m Signi tt grsu e smrtu,
ma lhan cunscia chla bla c
cha racuglia i nstar funzion.
Ul stsu strengimntu, l sts sgumentu
mha ciap ul coui, mha la strasci
prpi m ala, tanti an fa!
Ma dasa, al voltu, drizi s i mi
al scuertu, a guard versul cil
m sa vdi pulidu tti piti,
chi tai ch mai pud vid
parch an tropu dentral scu.
Hin bi, culuri, disegni cun arte
dun crtu intendimentu,
e vghi bt gi ul tciu chi u quarta,
i a fi presiusi, qusi un munmntu;
sta pa gsta in distrzin
m al pai cha la ma disi:
Ti vdi, in tra misa, amarzi e delsin,
ma al vltu smpar, smpar te a guard,
ti truar ul ciel ttu seren
e na visin da Snti culuri
festnti, giulivi e gibilnti
che mo, in sta val chi, tta sca
ti vedi non, quartaa ma l da tant brta.


Il venerd santo, in via Santa Croce
si usava ai miei tempi che non sono poi cos indietro,
vedere un fila di bancarelle
che al lume incerto di tante candeline
vendevano caramelle, croccanti e bamboline,
palloni, torroni e poi caramelle di liquirizia,
e alla sera, sul tardi, dopo il lavoro
passava una calca di gente
avanti e indietro
che andava in quella Chiesa
a baciare del Signore i due piedi;
appena si poteva infilarsi dentro
per la porta della chiesa Santa Croce
provavi subito uno sgomento
un po per la luce, quasi pallida,
un po per i quadri neri e le pitture
che coprivano quasi tutti i muri.
In fondo, sul palco dellaltare
un grande Signore era l disteso
morto e patito sotto un velo spiegazzato
e una Madonna tutta addolorata,
seduta ai piedi di una grande croce,
aveva una mano stesa, disperata
e quellaltra teneva stretta al suo cuore
trapassato dalle spade dei sette dolori.
Che strazio! Che impressione! e che sgomento!
Poi, quando ero li vicino al grande palco
la mia mamma mi prendeva sotto le ascelle
e mi allungava, pi che poteva
per baciare i piedi della grande statua.
allora, mi prendeva, dentro il cuore
quasi uno stringimento,
mi veniva la pelle doca
e con un occhio voltato alla Madonna
cercavo il piede da baciare.
Sono passata qualche giorno fa,
un po per caso, e un po per curiosit,
in quella strada mica male conciata,
dove andavo tanti anni fa.
La chiesetta, fuori c ancora,
le manca solo il tetto;
la porta e sbarrata con dei legni;
le hanno dato dentro col piccone
per fare spazio e aria nel rione.
O cacciato gli occhi un po dentro
tra le fessure dei legni dello sbarramento:
come essere dopo un terremoto,
pali, travi, sassi e mattoni,
una furia di rabbia ha giocato dentro,
ha fatto di quella chiesa quasi una confusione.
Oh! mia Madonna dei sette dolori!
Oh! il mio Signore tutto grigio e smorto,
come lanno conciata quella bella casa
che raccoglieva le nostre funzioni.
Lo stesso stringimento, lo stesso sgomento
mi ha preso il cuore, me lha stracciato
proprio come allora, tanti anni fa!
Ma sopra, in alto, diritti sui muri
allo scoperto, a guardare verso il cielo
adesso si vedono bene tutte le pitture,
quelle che non ho mai potuto vedere
perch erano troppo allo scuro.
Sono belli, colorati, disegnati con arte
di un certo intendimento,
e avergli buttato gi il tetto che li copriva,
li hanno fatti preziosi, quasi un monumento;
questa povera chiesetta in distruzione
mi pare che mi dica:
Vedi, in terra miseria, amarezze e delusioni,
ma in alto sempre, sempre devi guardare,
troverai il cielo tutto sereno
e una visione di Santi colorati
festanti, giulivi e giubilanti
che adesso, in questa valle, tutta scura
non li vedi, coperta com da tanta bruttura.


Maria Giovanna Basaglia


Altre composizioni di Maria Giovanna Basaglia