I tredici diavoletti - di Carlo Azimonti - Bustocco

I trèdas diavarìti




L’è cörta, ma – in págu – l’è tütta da ridi. L’hu sentüa cüntá sü dul mé ziu Battistén (Jesüssi par lü s’al gh’á bisögn) che, ultra éssi un gran brav’óm, l’éa anca ‘na gran’ burlètta, sempar alégar, che cand’ i u cuntéa sü, gh’éa da tignìss’ in màn ul ventar dul ridi.
Ma i fiö i duéan fássi capì non ch’i ridéan (e chéstu chi l’éa un sacrifizi, ma da chi gróssi) sü da non al féa mustra da ciapá ràbia e àn cuntéa sü pü. Donca al diséa :
Viòltar i da saé (e mèn lu só, parché un bicéu da vén al ma piási, e sa’ l’é bón, fa nagùtta) che da vén bögna béan non püsé da chèla tál metazión, sü da non si bell’andèi. A rasón l’é chésta chi, cha va dísu mén: in dul nostar ventar gh’é döntu trèdas diavarìtti e in dul nostar có gh’é döntu dùdas cadréghi. Cand’ ti bei un bicéu da vén, un diavarén da chi cha ti gh’é döntu in dul ventar, par lassághi ul postu al vén, al va a setássi giù in vöna da chi cadréghi ch’a ti gh’é döntu in dul có.
Al segóndu bicéu, un oltar diavarén al fá àa stessa funzión. Se pö ti ghe mèsci sü un cái grapén, i diavarìtti i ván sü a trì a trì. Bei, catabéi, i dùdas cadreghi i fán a la svèlta a impienìssi da diavarìtti, fina al cumplèttu.
A sto póntu chi, sa ti disméti da bei, i diavarìtti ch’a gh’é in dul có, in tutt’a postu setái giù, e, pacifighi ‘me ‘n tré lìa, sa métan a cuntá i esémpi in tra da lui, ch’a l’é ‘na belèzza a sta lì a scultái, e inscì ta tègnan vìscur ‘me ‘n legrìö.
Ma sa ta salta a fùta da béan un òltar bicéu, gha va a finì in dul có anca chel di trèdas diavarìtti. E sicümi al tröa mia da postu da setássi giù, al cuménza a fá rabèl e “patapèn – patapón,” giù sgefái da órbu.
Cun tüttu ‘sto bravaléi in dul có, ti ti sé pü sa ti fe, ta gia i ögi, ti ve da chi e da lá e ti baciòchi tenme ‘na campána.
E càndu própi t’in podi pü, par mandá giù sti diavarìtti al só postu, ta tùca trá sù.”
Uh, che ridáa....

È corta, ma - in compenso – è tutta da ridere. L’ho sentita raccontare dal mio zio Battistino (preghiamo per lui se ha bisogno) che, oltre essere un grande bravo uomo, era anche un grande burlone, sempre allegro, che quando le raccontava c’era da tenersi le mani sulla pancia per il ridere.
Ma i bambini non dovevano farsi capire che ridevano ( e questo era un sacrificio, ma di quelli grossi) se no faceva finta di prendere rabbia e non ne raccontava più. Quindi diceva :
“Voi dovete sapere ( e io lo so, perché un bicchiere di vino mi piace, e se è buono non fa niente) che di vino bisogna berne non di più di quella misura, se no siete belli che andati. La ragione è questa qui, che vi dico io : Nel vostro ventre c’è dentro tredici diavoletti e nella nostra testa ci sono dentro dodici sedie. Quando bevi un bicchiere di vino, un diavoletto che hai nel ventre, per lasciargli il posto al vino, si va a sedere in una sedia che hai dentro nella testa.
Al secondo bicchiere, un altro diavoletto fa la stessa funzione. Se poi mischi sopra qualche grappino, i diavoletti vanno sopra a tre a tre. Bere, e bere, le dodici sedie fanno svelto a riempirsi di diavoletti, fino al completo.
A questo punto, se smetti di bere, i diavoletti che hai nella testa, sono tutti a posto seduti, e, pacifici come dei fannulloni, si mettono a raccontare le storie tra di loro, che è una bellezza stare lì ad ascoltare e così ti tengono allegro come un uccellino.
Ma se ti salta la voglia di berne un altro bicchiere, va a finire nella testa anche quello dei tredici diavoletti. E siccome non trova posto per sedersi incomincia a fare confusione e patapen e pataton, giù sberle da orbo.
Con tutto questa tempesta nella testa, tu non sai più cosa fai, ti girano gli occhi, vai di qui e di là e dondoli quanto una campana.
E quando proprio non ne puoi più, per mandare giù questi diavoletti al suo posto, ti tocca vomitare”.
UH, che risata....


"Büstocu", ossia, Carlo Azimonti


Da: 'Chèsta chi, ta li sé', maggio 1932.

Digitalizzazione di Angelo Crespi


Altre composizioni di Carlo Azimonti