U Ann nöu

Inscí, sénza córgias, an' lü,
u ann vègiu,
una fía da dí brüti e dí bèi,
al é ' ndèi
in svèltu a tacási dadré
a tanti só, morti, fradèi.
E nön, ben o má, sa va sü
a fá un óltar basèl d'una scáa
cha pésa, a vidé
i dí dil setanta, chi nöi,
mé tanti pasái,
fasái
dda frègiu, da fiòca,
d'invèrnu
in giru
sü cá cunt i teci prinái
tra brásci da piànti geái.
Matina cha sténta, cha pèna,
basùa d'un bèl sù da speànza,
preghéa
da cöi
cha piangi na sìa da viulenza, (1)
suspíu da dì nöi,
cha cerca, cha implora, Signúi,
un zicu da pási e d'amúi.


(1)Con riferimenti ai tragici fatti di Milano del 12-XII-69, allorchè alle ore 16:37 nella Banca nazionale dell'Agricoltura di Piazza Fontana, una bomba uccise quattordici persone e ne ferì novanta
Un anno nuovo

Cosi, senza accorgersi, anche lui,
l’anno vecchio,
una fila di giorni brutti e di giorni belli,
è andato
svelto ad attaccarsi dietro
ai tanti suoi fratelli morti.
E noi, bene o male, si va su
a fare un altro gradino di una scala
che pesa, a vedere
i giorni del settanta, quelli nuovi,
come tanti passati,
fasciati
di freddo, di neve,
d’inverno
in giro
sulle case con i tetti brinati,
tra braccia di piante gelate.
Mattina che stenta, che pena,
baciata da un bel sole di speranza
preghiera
di cuore
che piange una sera di violenza,
sospiro di giorni nuovi,
che cerca, che implora, Signore,
un pezzetto di pace e di amore.

Luigi Caldiroli (1916 - 1977)