I elezión - di Luigi Caldiroli - poesia dialettale in Bustocco

I elezión



Cándu ga ría ul tempu di elezión,
ma piási andá in giru a curiusá,
sentí chi lu sa lónga, i palatón
che i sán cúsa ga vöi par radrizá

in sü i dü pé guèrnu e parlaméntu,
fa calá tássi, prèzi e guadagná
i uperái chi van a stabliméntu,
senza fadíga, senza tròp‘ lauá.

Che paadísu! Viva sti sapiénti!
A sa da pèrdi ul stámpu di puaíti;
una cücágna sa prumèti a génti
e tüt‘ i dí pulénta cun bruscíti.

Basta vutá cheschí, scartá chèl lá,
stá ténti a chèl chi dísan a i cumízi
par vèghi ul mondu sübitu cambiá
e tiási föa da tüti sti pastízi.

Al è un giüghètu pròpi da fiö;
un sègn al báss, in mèzu opür in scíma;
ti piéghi a schéda, ta l’infílzi e pö
sé bèle che suná pégiu da príma.

Quando arriva il tempo delle elezioni,
mi piace andare in giro a curiosare,
sentire chi la sa lunga, quegli invadenti
che sanno cosa ci vuole per raddrizzare

sui due piedi governo e parlamento,
far calare le tasse, prezzi e guadagnare
gli operai che vanno in fabbrica,
senza fatica, senza lavorare troppo.

Che paradiso ! Viva questi sapienti!
Bisogna perdere lo stampo della povera gente;
una cuccagna si promette alla gente
e tutti i giorni polenta e brusciti.

Basta votare questo, scartare l'altro,
stare attenti a quello che dicono ai comizi
per aver il mondo subito cambiato
e tirarsi fuori da tutti questi pasticci.

E' un giochetto proprio da ragazzi;
una croce in basso, in mezzo oppure in cima;
pieghi la scheda, la infili e poi
sei bello che suonato peggio di prima.

Luigi Caldiroli - Pa i strai da Busti - 1965
adattamento alla grafia unificata di Enrico Candiani




Altre composizioni di Luigi Caldiroli