Ul Nasu - di Luigi Caldiroli - poesia dialettale in Bustocco

Ul nasu


A t’è tegnil taquála ch'al tùca,
paunázu, rincagnà, a ufèla, fèn,
fèi a sciguèta, fèi cha pissa in buca
e cuntentás' da chèl ánca a rampén.

Lamentas’ dumà non sa l'è vistúsu,
parché l'è bèl da' idé che, mia par cásu,
un fürbu, un sapientón, un maliziüsu
al ga tacá da sòlitu un bèl násu.

D'altróndi ciápa ul Dánti e'I Cicerón
par citá génti ritegnüa perfèta,
a gh’án vü tüti in fóndu un gran peáon

e sempr'ho sentü dì che un bèl camén
in d'una cá che apèna sa rispèta,
l'è chèl cha piási tántu e ga va bén.
Te lo devi tenere tale e quale come ti tocca
paonazzo, appiattito, a focaccia, fine,
fatto a cipollina, fatto che piscia in bocca
e accontentati anche di quello a rampino.

E nemmeno lamentati se è vistoso,
perchè è bello da vedere che, mica per caso,
a un furbone, un sapientone, un malizioso
tocca di solito un bel naso.

D'altronde, prendi un Dante, un Cicerone,
per citare gente ritenuta perfetta,
hanno avuto tutti in fondo un gran peperone

e sempre ho sentito dire che un bel camino,
in una casa che appena si rispetti,
è ciò che tanto piace e che va bene.


Altre composizioni di Luigi Caldiroli