Natale in Biafra - di Luigi Caldiroli - poesia dialettale in Bustocco

Preghéa da Natal


Luigi Caldiroli in 'Canto novo', 1968
Digitalizzazione e traduzione di Angelo Crespi
Bambén
dul me cöi incö 'na preghéa
a tì sa válza, sénti.
Lu só,
tüt i fiö inucénti
e pói e sciùi,
diversi da culùi,
hin tó.
Peró,
sta noci benedìa,
sta noci bèla,
férma i tó angiùl,
pìza chèla stèla
luntan in d'una tèra,
dasùa da por camán
cha sa fá guèra.
Al é Natal
e incö
chanti fiö
sü chi por rìi
gha möi da fám, sfinìi!
Hin négar, quatr'ussìti
cuatái dumá da pèl.
In brásciu, i mám, Signùi,
adási i u ninan, müti da dulùi.
Bon pü da piàngi,
stráchi da patì,
i u guárdan a muì.
Bambén,
Ti cha ti pódi,
stághi visén a lui sta noci pia,
smorza un lamentu fiácu d'agunia
e lá
sü chi camán,
sta noci bèla,
ferma i tó àngiul,
pìza chèla stèla.

Bambino,
del mio cuore oggi una preghiera
a Te si alza, senti.
Lo so,
tutti i bambini innocenti
poveri e ricchi,
diversi di colore,
sono Tuoi.
Però,
questa notte benedetta,
questa notte bella,
ferma i tuoi angeli,
accendi quella stella
lontano in una terra,
sopra a delle povere capanne
che si fa la guerra.
E’ Natale
e oggi
quanti bambini
su quelle povere rive
muoiono di fame, sfiniti!
Sono neri, quattro ossicini
coperti oramai di pelle,
in braccio, le mamme, Signore,
adagio li cullano, muti dal dolore.
Non sono buone più di piangere,
stanche di patire,
li guardano a morire.
Bambino,
Tu che puoi,
stagli vicino a loro questa notte pia,
spegni un lamento fiacco d’agonia
è là
su quelle capanne
questa notte bella
ferma i tuoi angeli,
accendi quella stella.



Altre composizioni di Luigi Caldiroli