I dì di morti

A som chi incrüsciá
a netá ul portamiculotù.
A sügütu a fregá
e a edu a spuntá, un pó a ölta,
ul gioldu dul lutón.
L’éa tül negru da cinquantán
ma mo al turna a lüsì.
A ma pái che un caidögn
A l’è dré guardá sa fó.
A guardu indré,
ma gh’è lì nissögn.
Anlua a fregu pissé dasi,
ma gh’ho a stessa sensazion
e, sta ölta , a guardu dananzi.
Anlua te séi ti cha te me guardéi!
I ögi dul tó litratu
i fissan i mé e i párlan:
“ Sé dré fami bel? “
Sì, a ta fo barlüsentu.
“ Inscì ma pái da éghi indossu
un vestì nöu “.
Gh’ho dré anca i fiui
par fati pissé bel.
“ A ma piaséssan bianchi “.
In chi, ma te öi ti.
E mo l’è ua ca ta disu un requiem.
“ Balén, te ‘l sé non
che anca i morti i pregan?
I pregan par chi gh’han vuüü ben
candu éan vivi.
E men a pregu par ti:
In nomine Patris
et Filii ……

Sono qui inginocchiato
a pulire il porta lumini.
Continuo a fregare
e vedo comparire, poco per volta,
Il giallo dell’ottone.
Era tutto nero da cinquant’anni,
ma ora torna a brillare.
Mi sembra che qualcuno
sta guardando quello che faccio.
Mi volto,
ma non vedo nessuno.
Allora frego più piano,
ma ho la stessa sensazione
e, questa volta, guardo davanti.
Allora eri tu che mi guardavi!
Gli occhi della tua fotografia
fissano i miei e parlano:
“ Mi stai facendo bello? “
Sì, ti faccio splendente.
“ Così mi pare di avere indossato
un abito nuovo “.
Ho anche i fiori con me
per renderti più bello.
“ Mi piacerebbero bianchi “.
Eccoli qui, come li vuoi tu.
Adesso è ora di recitarti un requiem.
“ Figliolo, non lo sai
che anche i morti pregano?
Pregano per le persone a cui hanno voluto bene
durante la vita.
Ed io prego per te:
nel nome del Padre
del Figlio e…….


Flavio Candiani


Altre composizioni di Flavio Candiani