Senza paól

A gh'éu una sèrva in cá
fin da chandu a som nassü
'l ha ma sempar cuntentá
fin chandu 'l ha pudü.

'L éa bèla, da piscinén,
la ma curéa dré,
la ma tegnéa un mé brascén,
par pudé tegnìmi in pé.

La purtéa a mé cartèla,
un tocu, in sü a stráa
e a la ma diséa: "Stèla,
a lezión a te 'l é imparáa ?".

A ma vultéu indré,
cunt'áa man a lu salüdéu,
'l éa cunténta, a la diséa, ché
la ma idéa sa suridéu.
Pian pian a gnéu grandi,
e lé, da parti, 'l éa lì,
la féa pochi dumandi,
a la sa féa par trì.

Gh'é gnü pö u etá,
ch'a te cerchi cumpagnía,
"Mama, s'hu da fá"
gh'a lu féi vidé, 'l ha benedía.

Ul tempu al é passá,
'l ha gh'éa i caéi bianchi,
ma 'l ha vurzü cüá
dü naudi giá sü i banchi.

Un dì 'la m'ha ciamá,
a gha lu féa pü,
"T'el sé, megn hu d'andá...",
m' ha guardá .... e l'hu üsta pü

Avevo una serva in casa,
fin da quando sono nato,
mi ha sempre accontentato,
fino a quando ha potuto.

Era bella, da piccolo,
mi rincorreva,
mi teneva il braccino,
per tenermi in piedi.

Portava la mia cartella,
un pezzo, sulla strada,
e mi diceva "Stella,
hai imparato la lezione?".

Mi voltavo,
con la mano la salutavo
era contenta, diceva, perchè
mi vedeva se sorridevo.

Pian piano diventavo grande,
e lei, di fianco, era lì,
faceva poche domande,
e si prodigava per tre.

E' arrivata poi l'età
in cui cerchi compagnia,
"Mamma cosa devo fare"
gliela ho fatta conoscere, l'ha benedetta.

Il tempo è passato,
aveva i capelli bianchi,
ma ha voluto curare
due nipoti già sui banchi di scuola.

Un giorno mi a chiamato,
non ce la faceva più,
"Lo sai, io devo andare....",
mi ha guardato ... non l'ho vista più.


Altre composizioni di Mario Candiani