Elezioni 1948 - di Enrico Crespi - poesia dialettale in Bustocco

I Elezion dul 18 april dul 1948


qui quaerit alta in malum videtur quaerere (Plauto, Pseudolus)
Chand' hu vüstu, a vigilia di elezión,
pendi giù in mez' ai strái chi cartelón,
maseái d'aqua, sbalutái di venti,
tül a cilap, strasciái e sbrindelenti,
sum dumandá
s' al éa ul su cha sponta
che gh'éa sü, o 'l sù cha gha tramonta:
e hu fin pensá ch' al éa 'n brül sègn par chel
cha vuéa vèghi 'n senatu 'l só sgabèl,
e cha 'l es mia di ölti 'n di elezión,
a figüa da fá di cartelón.
Quando ho visto, alla vigilia delle elezioni,
pendere giù in mezzo alle strade quei cartelloni,
inzuppati di acqua, sballotati dai venti,
tutti pezzi stracciati e sbrindellati,
mi son domandato
se era il sole che sorge
quello che era stampato sopra, o il sole che tramonta:
e o persin pensato che era un brutto segno per quello
che voleva avere in senato la sua poltrona,
e che non avesse delle volte nelle elezioni
da far la figura dei cartelloni

Il Simbolo cui fa riferimento l'autore, nelle elezioni del 1948


Enrico Crespi 17 aprile 1948


Altre composizioni di Enrico Crespi