La Giustizia - di Enrico Crespi - poesia dialettale in Bustocco

A Giüstizia


Tratto da: Na fiamäa e ‘na canzon 1959
A Giüstizia l’è fej a tira e mola,
‘me un’ ucermoniga cha va e cha vegn :
hin però sempr’i strasci cha va a fola,
anzi, sa dis, cha hin lui cha lu mantegn...

L’è teme ‘na ragnéa, bona dumà
da calapià muschiti; ma sa vegn,
par casu, a ibatas dentu ‘n caj muscon,
nu gh’è pù santi anlua cha lu sustegn;
tütu ga va a burdel :... l’è lü ‘l padron,
e a Giustizia... la lasa giù ‘l paton...
La Giustizia è fatta a tira e molla,
come una fisarmonica che va e che viene :
sono però sempre gli stracci che vanno nel mucchio
anzi, si dice che sono loro che lo mantengono...

È come una ragnatela, buona solo
d’acchiappare moschini; ma se viene,
per caso, a imbattersi dentro qualche moscone,
non ci sono più santi allora che la sostiene;
tutto va in disordine :... è lui il padrone,
e la Giustizia... lascia giù i calzoni


Enrico Crespi 1959


Altre composizioni di Enrico Crespi