La preghiera del poveretto - di Enrico Crespi

A preghéa dul puaètu

Non te frangant labores, nec tribulationes te dejiciamt;
sed mea promissio te roboret et consoletur.

(De Imit. Christi, L. 3, c. 47).

A l’é ‘na vita grama a mia, Signui,
dumà da lacrim, fam e privazion;
‘na vita d’ingiüstizi e umiliazion.
Püi, o Signui, a invidiu non chi sciui,

a ta dumandu non richezi e unui,
non stima e gloria, non sudisfazion :...
ma, anca se pôu, fa cha sia unestu e bón,
che rasegnà a supurta i me’ dului

e che, sü ‘l me’ calvari, a port’ an-men,
cumpagn da Ti, a me’ crusi... Fa che ul mâ
abia da ricambial sempar cu ‘l ben;

che i me’ speranzi i vagan non perdù,
e al to’ puaètu ga sia non negà
chel premi alman cha t’é prumes lasù.


È una vita grama la mia , Signore,
solo di lacrime, fame e privazioni;
una vita di ingiustizie e umiliazioni.
Eppure, o Signore, non invidio quelli ricchi,

ti domando non ricchezze e onori,
non stima e gloria, non soddisfazioni :...
ma, anche se povero, fa che sia onesto e buono,
che rassegnato a sopportare i miei dolori

e che, sul mio calvario, porto anch’io,
uguale a Te, la mia croce... Fa che il male
abbia a ricambiarlo sempre col bene;

che le mie speranze non vadano perdute,
e al tuo povero non le sia negato
quel premio almeno che hai promesso lassù.


da: “In cerca pa’ i straj dul mondu” - Enrico Crespi 1961


Altre composizioni di Enrico Crespi