Solitudine - di Enrico Crespi

Sulitdin



Quotidie morimur, quotidie enim demitur aliqua pars vitae (Seneca, Ep., 24).

Da foua, svaghi e sedzion l a vita
e, ttti d, dum a gud la invita :
anm la scolda a tra ul su e i cului
al fa riviv di fiui;
e sempr anm da stel
al sa traponta, al sa imbrilanta ul ciel...

Chi invci, inturnu a men,
mo che a gran pasi sa visina a fen,
d par d, gh cajcosa cha ga moui
e i ilsion ga svanisi e i sogn dul coui.

Ma sembra che anca ul su la scolda p
i me carni, che i stel n fin perd
ttt ul so incantu, ttt ul so splendui,
e chj sian dum bj pa i oltr i fiui:...
che senza p riciam, par men, la sia,
senza p fascin anca-le a puesia...

Pi, sta me sulitdin a l non
dum rasegnazion,
l non priva da gioj, senza cunforti:...
anca se i canti in dul me coui hin morti,
i me aspirazion, i me penseri
sa sulevan luntan da sti misri;
a i canti dun et cha turna p
ga do cun nustalgia un caru adiu;
i libr a seru-s
e ma rivolgiu a Diu...
Da fuori, svaghi e seduzioni la vita
e, tutti i giorni, solo a godere ti invita :
ancora scalda la terra il sole e i colori
fa rivivere dei fiori;
e sempre ancora di stelle
si trapunta, e si illumina il cielo...

Qui invece, intorno a me,
adesso che a grandi passi si avvicina la fine,
giorno per giorno, c qualche cosa che muore
e le illusioni svaniscono e i sogni nel cuore.

Mi sembra che anche il sole non scalda pi
le mie carni, che le stelle hanno fina perso
tutto il suo incanto, tutto il suo splendore,
e che siano solo belli per gli altri i fiori:...
che senza pi richiamo, per me, sia,
senza pi fascino anche lei la poesia...

Pure, sta mia solitudine non
solo rassegnazione,
non priva di gioie, senza conforti:...
anche se i canti nel mio cuore sono morti,
le mie aspirazioni, i miei pensieri
si sollevano lontano da questi miserie;
ai canti duna et che non torna pi
le do con nostalgia un caro addio;
i libri chiudo
e mi rivolgo a Dio...

tratto da: In cerca pa i straj dul mondu Enrico Crespi 1961
digitalizzazione di: Angelo Crespi


Altre composizioni di Enrico Crespi