Primo giorno di scuola - di Angelo Crespi - Bustocco

Milancncinquanta... u cumenci and a sca



In dul milancncinquanta, quandu
in di sci Tumaseu, u cumenci and,
a seam 'na brgia da filiti,
tci cont'ul ul scuss negar
e ul coletu biancu inamid
e ognadgn, anca i pss pisciniti,
i purtean a s cartela senza barbut,
ala a'ndam tci a p, scii e pi
nissogn l'anda cunt'ul scefi.

A rieu a sca vn minuti prima
cha ga sunea a campanla,
non parch a seu tac ai libar,
ai quaderni o a cartela,
ma parch un tcu da stra lu feu
cont'aa me mama, che la laua,
par guadagn ul pan, in via Vnti Setembar
su i machineti dul Cardan
e la dua essi dentar dul cancel
prima cha gha sunea l'ultam sunl
e tci d la ma fea a solita racumandazion,
a gh'a mai un d cont'u 'na rason na:
"ma racumandu fa l'brau e fa pulidu aa scoa".

Par pass sti vn minuti, nogn baliti,
a gighem ai bugeti, o cont'i figiti
e chi gha riea pss buna
al ciapa ul postu, non par setassi sul metu,
ma i so bgi cha ghe li anmo dassa
e sa gighea a 'na speci da "golf" di puaiti
inveci da centraii conti baleti a drueam i sassiti.

Chel cha la disa a maestra a l'a,
par nogn sculari, teme a Sacra Scrita,
a gh'heam sdizin, rispettu,
ma anca un zicu da paga
e sa te fei ul rispundenti, o te fei malamenti
la ta dea 'na sberla senza tanti cumplimenti
e candu a c, tel disei ai to genti,
a gh'a non denonci o risii,
ta disan, intantu cha ta dean 'na sgefa:
"sa tala di, l' parch te le se meritaa"
e 'na cai beata daa curti, che a rason la sentea,
cont'ul c la disea da si e la sentenziea:
"tanti lti i cazzoti i varan tan biscoti,
ma lu disea sempar a me pa mama
e ta sigu, m car balen, cha l' propi vea".

M a purt ul scuss in p ubligai,
ma l' d'obligu veghi tci i visti firmai:
scarpi, zenta, culzon, maieta
p al fa naguta si gh'han a canutiera ruta
e i mdanti cun s a buleta.

Sti fi han ciap tci ul lechtu,
da fasi purta daa mama ul zaintu,
sti mam cha sa cuntentan p da portai
in utumobila fina dananzi aa sca,
anca si gh'han i fi vlti e bei grassi
i vuaisan purtai in spaleta fina in classi
e dopu caezzi e basiti chi finissan p
i racumandazion in sempar chei:
"mangia a turtina e bei ttu ul bugeten
dul succo di frutta e ma raccumandu
ogni a fami sa ma la va,
ciamami cunt'ul telefunen".

E se a maestra (vuna di tri)
la sa permetti da d, a un cai scularu:
"Se propi un cuazon! Ti se un sumaru!",
apriti cielu che burdelei
ga tuca curi i carabiniei
e a sta maestra che in fondu, in fondu,
la vurz duma d a so rason,
ga manca pocu ca lu menan in preson.

I nostar esam da "maturit"
ean chei da quinta elementai
a sa senteam gi grandi, pronti da verdi i ai
e da sgu... in un cai situ a lau,
ma i libretti fina a quatordasan tan fean mia,
ala ta mandean a fa ul garzon in una cai buta:
cervel, prestin, ttu l'a bon basta f un cai mist.
Candu ta fean i libreti ti se sentei gi 'n om,
anca se a quindasaa cha sa ciapea, l'ea liga, liga,
ma la ta fea senti (anca sa l'ea non vea) impurtanti
e sa sugnea da tru un bel lau, di telar dient sistnti.

M l' tutu un esam: medi, maturit, universit,
e cnta a scsa da sigut (o fa mstra) da studi
i cumincin tardu and a lau
ma ul sgn pusse ricurenti,
l' non fa u'auctu o ul dutui,
l' dienta giugadui da balon
o fa a velina daa television.
Nel millenovecentocinquanta, quando
nelle scuole Tommaseo, ho cominciato andare,
eravamo una moltitudine di bambini,
tutti con il grembiule nero
e il colletto bianco inamidato
ed ognuno, anche i pi piccoli,
portava la sua cartella senza borbottare,
allora andavamo tutti a piedi, ricchi e poveri
nessuna andava con l'autista.

Arrivavo a scuola venti minuti prima
che suonasse la campanella,
non perch ero attaccato ai libri,
ai quaderni o alla cartella
ma perch un pezzo di strada lo facevo
con la mia mamma, che lavorava,
per guadagnare il pane, in via Venti Settembre
sulle macchinette del Cardani
e doveva essere dentro del cancello
prima che suonasse l'ultimo fischio
e tutti i giorni mi faceva la solita raccomandazione,
non c'era mai un giorno con una ragione nuova:
"mi raccomando fai il bravo e fai bene a scuola".

Per passare questi venti minuti, noi bambini,
giocavamo alle biglie, o con le figurine
e chi arrivava pi presto
prendeva il posto, non per sedersi sul muretto,
ma i suoi buchi che ci sono ancora sopra
e si giocava a una specie di "golf" dei poveri
invece di centrarli con le palline usavamo dei sassolini.

Quello che diceva la maestra era,
per noi scolari, come la Sacra Scrittura,
avevamo: soggezione, rispetto,
ma anche un pochino di paura
e se eri disobbediente, o facevi male
ti dava una sberla senza tanti complimenti
e quando a casa, lo dicevi ai tuoi genitori,
non c'erano denuncie o liti,
ti dicevano, intanto che ti davano una sberla:
"se te l'ha data, perch te la sei meritata"
e qualche donna del cortile, che la ragione sentiva,
con la testa diceva di si e sentenziava:
"tante volte i cazzotti valgono tanti biscotti,
me lo diceva sempre la mia povera mamma
e ti assicuro, mio caro bambino, che proprio vero".

Adesso a portare il grembiule non sono pi obbligati,
ma d'obbligo avere tutti i vestiti firmati:
scarpe, cintura, calzoni, maglietta
poi non fa niente se hanno la canottiera rotta
e le mutande con su ...delle macchie.

Questi bambini hanno preso tutti l'abitudine,
da farsi portare dalla mamma il zainetto,
queste mamme che non si accontentano pi di portarli
in auto fino davanti alla scuola,
anche se hanno i figli alti e belli grassi
vorrebbero portarli in spalla fino in classe
e dopo carezze e bacini che non finiscono pi
le raccomandazioni sono sempre quelle:
"mangia la tortina e bevi tutto la bottiglietta
del succo di frutta e mi raccomando
ogni ora fammi sapere come va,
chiamami con il telefonino".

E se la maestra (una delle tre)
si permette di dire, a qualche scolaro:
"Sei proprio un testone! Sei un somaro!",
apriti cielo che pandemonio
devono correre i carabinieri
e a questa maestra che in fondo, in fondo,
ha voluto solo dire la sua ragione,
manca poco che la portano in prigione.

I nostri esami di "maturit"
erano quelli di quinta elementare
ci sentivamo gi grandi, pronti da aprire le ali
e di volare... in qualche posto a lavorare,
ma i libretti fino a quattordici anni non te li facevano,
allora ti mandavano a fare il garzone in qualche bottega:
salumiere, panettiere, tutto era buono basta fare qualche mestiere.
Quando ti facevano i libretti ti sentivi gi un uomo,
anche se la quindicina che si prendeva, era leggera, leggera,
ma ti faceva sentire (anche se non era vero) importante,
e si sognava di trovare un bel lavoro, dei telai diventare assistente.

Adesso tutto un esame: medie, maturit, universit,
e con la scusa di continuare (o far finta) di studiare
cominciano tardi andare a lavorare
ma il sogno pi ricorrente,
non fare l'avvocato o il medico,
diventare giocatore di pallone
o far la velina della televisione.


Angelo Crespi (Masn)


Altre composizioni di Angelo Crespi