Ricette di cucina bustocca


Ul figasciö (Letto da Ginetto Grilli)
Süpa da oli
Ul marlüzzu dáa cassina di poi
Pulti, fasö e verzi
Ul lessu
I pulpétti
Tradizioni culinarie del giorno della Giöbia
Verze alla cappuccina
Stüá in cónscia
Brusciti (secondo Carlo Azimonti)
Brusciti (secondo il "Magistero dei Brusciti")
Brusciti (secondo Ernesto Bottigelli)
Brusciti (versione commentata)
Cazoeula (secondo la tradizione Milanese)
Cazöa (secondo C. Azimonti)
Ul legua (la lepre)
Giülèpu
Risotu da muì pü
Risotu cunt a lüganiga
Consigli per un buon risotto
Minestra e Minestrone
La Rustisciana (Secondo Carlo Azimonti)
Pasta e fasö
Risu, züca e laci

 La cucina bustocca: Pasta e fasö
Pasta e fasö

A gha vör i fasö burloti sechi, da meti a bagn tüta noci; pondatera bianchi, panscéta quadra stagiunà. A sa schìscia pulidu i pondatera lessi, e anca un po da fasö par fa na pultiglia spessa. Sa fa büi in acua e pocu sa. Dentu a pasta a didà, mèi tegnila un po spessa. Un chaivögn al dröa anca ul bröu lingéu inveci du acua, parché al vanza püse sauì.

Si usano i borlotti secchi da mettere a bagno tutta la notte precedente: patate bianche, pancetta quadra ben stagionata. Si schiacciano bene le patate lessate e anche un po di fagioli in modo da fare una poltiglia spessa. Si fa bollire l'acqua con poco sale. Dentro la pasta a ditali, meglio tenerla piuttosto spessa. Qualcuno adopera il brodo leggere invece dell'acqua perché è più saporito.


Altre ricette