Dizionario Bustocco - Italiano

by www.bustocco.com
Con l'ausilio preziosissimo di Angelo Crespi
Istruzioni: La parola in Bustocco viene riportata in caratteri, per così dire, Italiani, e seguita dall'indicazione dell'accento tonico (à= "a aperta - es: vànga"; ò="o aperta - es: còllo"; é="e chiusa - es: véro"; è= "e aperta - es: cèlla; e così via)

=

Ga = Ci, vi. Usatissimo abbinato al verbo essere e avere, S’a ti g’hé? cos’hai? A gh’è: c’è A ti g’hé: hai. Mó, s’a gh’è? adesso cosa c’è?
Gaba á = 1) Tagliare, potare i rami delle piante fino al tronco. 2) Decapitare
Gabassu á = Strumento di legno quadrangolare usato per preparare l'impasto di calcina.
Gabela è = 1) Gabella, imposta 2) Fig.: persona da tener lontana
Gabela á = Far credere, frodare, imbrogliare
Gabiotu ó = Piccolo riparo realizzato inmodo spiccio per ritirare attrezzi
Gabula gá,-bul = Imbroglio,-i intrigo.
Gaetana tá = Borsa a soffietto.
Gagen é = 1) Persona con occhi dal colore diverso fra loro 2) Furbo (ögiu gagén).
Gagia gá = Gazza.
Gagiotu ó = 1) Credulone, boccalone. 2) Ingenuo, inesperto.
Gaia gá = Strumento (tipo piccone) per tagliare la legna o piante, da una parte a punta incurvata (a pèna) dall’altra a punta piatta.
Gaina í (ì) = 1) Gallina. 2 Fig.: Sbornia.
Gaináscia: = Donna grassa, dai movimenti goffi
Gainátu = Ubriacone
Gaiofa ò = Piccola bisaccia che le donne povere portavano sotto il grembiule
Galaa aá = Gallarate.
Galantom ó = Galantuomo,-mini. Indeclinabile
Galavron ó = Calabrone,-i Vd. calavrón
Galbe é = Rigogolo. È un uccello dalle piume gialle.
Galescu è = Simile al gallo
Galeta è,-ti = Baco da Seta. Vd. Bügatu
Galetu è,-ti = 1) Galletto,-i. 2) Fig.: uno che tenta di imporsi
Galiti lí = Solletico. Solo plurale
Galletti = Nastrini.
Galofar ó = Garofano.
Galuga ü = Maggiolino. È di due tipi: A) Galüga sgalísa: con il manto bruno. (a Borsano anche: grizèl). B) Galüga murnéa: picchiettato di bianco, da sembrare infarinato come il murné, il mugnaio.
Galupu lü = 1) Sciocco, insensato. 2) Galoppino sfruttato 3) Pirla
Gamba gá,-bi = Gamba,-e. Vd: ghiámba.
Gambar gá = Gambero.
Gambioa ö = Sgambetto
Gamela è = 1) Gavetta. 2) Gamella.
Ganassa ná,-ssi = Mascella,-e.
Ganasson ó = 1) Mangione 2) Millantatore, che si vanta
Gandioa ö = Ciliegia selvatica.
Gandion ó = 1) Gonfiore delle ghiandole, in particolare le salivari 2) Orecchioni.
Ganga = Pozzo nero arcidenso.
Ganivel è, -èi = Biricchino,-i.
Gaon ó, -úni = Coscia,-e. Dininutivo:gaunén, gauníti.
Garascia rá,sci = 1) Radice,-i delle piante 2) Coscia grossa
Garascio ö = Funghi chiodini.
Garascioa ö = Donna dalle gambe sottili.
Garavagna vá = Sequenza di tribolazioni Vd. anche Cavadagna
Garbu = Frutto acerbo che lega in bocca.
Garbui ü = Intrigo, pasticcio. Anche grabui ü.
Garen é,-ríti. = Garretto,-i.
Garibulden é = Grimaldello.
Garlanda lá,-i = Ghirlanda,-e.
Garliti lí (i) = Capannelli di gente.
Garon ó –uni = Coscia, -e.
Garotula ó,-tul = Carota,-e. Usati anche: Garoti e garota ó.
Garza zá = Garzare. Vd. füstágn.
Garzadüa = Operazione tessile della garzatura.
Garzon ó = Garzone. Sgarzunel è: principiante.
Gassu = Gas.
Gata gá = Gatta.
Gata da fögu = Bruco dei cavoli.
Gate è = Gattarola (finetrella nella porta usata per lasciare passare i gatti).
Gatel è = Fermaglio in ferro nel quale si infilava la stanghetta per chiudere le imposte.
Gatèl o ángiol = Mensola che si poneva per sostegno sotto gli estremi delle travi infisse nel muro
Gaton ó = 1) Grosso gatto. 2) Uomo svelto intraprendente e lungimirante. 3) A gaton: a carponi
Gatu á,-i = Gatto,-i Vd. minen é, miscen é.
Gatuna ná = Andare a gattoni.
Gaul á = A sacconago: è la porticina di legno che sbarra l'ingresso al campo o giardino. Vd. Scupel
Gea á = 1) Verbo: Gelare 2) aggettivo: gelato.
Gea é = Ghiaia.
Gelusia í, -íi = 1) Persiana,-e delle finestre. 2) Gelosia.
Genoria ó = Gentaglia, maramaglia. Anche Ginoria
Genti = 1)Gente. Anticamente: sgénti e asgénti. 2) Familiari. Genti da cá: i familiari. 3) Stirpe
Geon ó = 1) Gelone. 2) Fig.: persona infreddolita. Plurale: invariato per il sost. Vd. Geùni per agg.
Gerbon ó = Gerbone, zona tra Busto e Olgiate.
Gerletu lè = Piccolo gerlo.
Gerlu è = Gerla.
Germoi ö = Germoglio.
Gesa é = Chiesa. Gisio ö, o zizio ö: cappelle messe agli incroci.
Gesatu é, -a = Bigotto, -a
Gessu è = Gesso.
Gesumen mén, -íti = Lumino,-i fatti con uno stoppino infilato in un dischetto di cartone o di metallo che galleggiava sull’olio in piccoli vasetti di vetro colorato. Usati per le feste di maggio alla Madonna
Getu è = 1) Jet - aereo 2) Macchina per tintura
Geu é = Gelo.
Geuni ú. = Plurale di Geon, usato come aggettivo
Gheba è = Nebbia ghiacciata (A Sacconago). Vd Ghibea.
Gheda é = Ritaglio di stoffa.
Ghel è = Centesimo.
Gherni í = Conservare, custodire.
Gheti è = Ghette, sorta di sovrascarpa usato in passato
Ghezu è = 1) Ramarro. 2) Persona magra.
Ghia ïá = Pungolo. Strumento usato per pulire gli attrezzi agricoli. A Sacconago: gua güá. A Borsano: Ghivá
Ghiamba à = Gamba. Forma arcaica di Gamba (vd.)
Ghiaul á = Spatoline (a Sacconago).
Ghibea è = Nebbia ghiacciata.
Ghighen é = Seggiolino per bambini
Ghignu í = Ghigno.
Ghinaldu á = Avaro e diffidente all’estremo grado
Ghiren é = Striminzito.
Ghiribizzu bí = Ghiribizzo, voglia improvvisa
Ghiringhel è = Uomo di poco conto.
Ghitara tá = 1) Chitarra. 2) Fig.: donna brutta, vestita male.
Gialdon ó = Bilioso, di colore giallo
Gialdu,-a = Giallo,-a.
Giambon ó = Prosciutto.
Giana = Facia da Giana: faccia tosta. Indica cosa da poco
Giandalen é = 1) Nocciolino. 2) Fig.: ragazzo che si dà arie da grande
Gianduia ú, -dul = Nocciola,-e.
Gianeta è = Bastoncino di bambù
Giasciaa áa = Ghiacciata. Si trattava di un trito di ghiaccio che in inverno veniva "condito" con vari tipi di aromi dolci e consumeto a mo' di gelato
Giascea è = Ghiacciaia, fatta con paglia, ghiaccio e sassi in una buca profonda.
Giasciu á = 1) Ghiaccio. Anche giazzu á. 2) A giásciu:: all'improvviso
Giastua ù = Già a quest’ora. Proprio ora, appunto, poco fa. (Anche giustúa).
Gibacu á = Sconclusionato. Chi non conclude mai niente e fa perdere tempo.
Gibigiana = Giochi di luce in movimento. Ad es. la proiezione di luce fatta con lo specchio
Gibile é = Ressa di gente. Baraonda.
Gibul ú = Ammaccatura. Bernoccolo. A Borsano biso ö.
Gibula á = 1) Verbo: Ammaccare,-ato. 2) Agg: Ammaccato
Gibulotu ò = Tuta da lavoro (detta anche tòni)
Giche é = Giacca. Anche sgeche é.
Gile é = Panciotto, gilet
Giloca = Sciocca, sbadata, troppo allegra
Gilocu ó = Testa balzana. Sconsiderato. Scriteriato. Balzano.
Gimbarda = Carrello di legno con le sponde laterali.
Ginginassi á (asi) = Gingillarsi.
Ginogiu ö,-gi = Ginocchio,-i.
Gioa ò = Strumento di legno per estrarre le castagne dal riccio.
Giobia ö Gioeubia = Fantoccio di stracci che si brucia l’ultimo giovedì di gennaio.
Gionta ó = 1) Attaccatura. 2) Perdita. 3) Sovrappiù. 4) Aggiunta 5) Pezzo d'osso che i macelai regalavano dopo una buona vendita di carne
Giotu ó = Uno che sa le cose e non le dice. Nell’accrescitivo è giutón (v.)
Gipa á = Cucire.
Gipadua ü = Cucitura.
Gipon ó = Grossa maglia di lana:
Gipunen é = Gilet di lana.
Girabachen é = Arcolaio.
Girani á = Geranio.
Girimbela è = Danza in tondo di bambini, girotondo
Girumeta è,-ti = 1) Immagine impressa su quadretti di pasta da pane indurita. Famosi quelli del Sacro Monte di Varese. 2) Collana di castagne secche
Gisu í = Giovanotto che aspira al fidanzamento. Innamorato.Immacolato.
Gita á = Grasso dell’oca misto a quello di maiale o d’asino usato come condimento per la zuppa o minestra.
Giu ú = 1) Sost: Giogo. 2) Agg.: Demoralizzato.
Giu ì = Giro
Giuan à = Giovanni.
Giuanascia ná,-scia = Zitella; scapolo,-i. Al maschile: Giuanasciu.
Giudas ü = Giudice. Sta sü da giüdas: mantenersi riservato. Altero.
Giude üdé = Falso.
Giuentu tü = Gioventù
Giuetu Giù = 1) Giogo 2) Piccolo gioco.
Giuga ügá = 1) Giocare. 2) Starci dentro agevolmente. 3) in meccanica: aver tolleranza fra i pezzi
Giugaton ü..ó,-tòna,-úni = Giocherellone, persona sempre pronta a combinare giochi e scherzi.
Giugu iü = 1) Gioco. 2) Sortilegio
Giuin ú = Giovane,-i.
Giulepaa àa = Giulebbata, mangiata di leccornie
Giulepu è = Giulebbe. Cosa prelibata, leccornia
Giunta á = 1) Attaccare. 2) Aggiungere 3) Rimetterci
Giura ürá = Giurare. Giuru  ü giurentu ü..é! Rafforzativo di giuro.
Giuramentu ü..é = Giuramento. Giüraméntu! Interiezione.
Giurnaa áá = Giornata.
Giurnal á = Giornale.
Giusen üsé, -íti = 1) Caramella,-e di liquirizia. 2) Sterco di capre
Giusentu üsé = Succoso. Gustoso.
Giusparchel ü..è!: = Giusto per quello! E bèh? proprio per quello!
Giusta ü..á = Aggiustare. Giústá i ossi: riposare bene le ossa. Giüstá aa spúsa: accordarsi sulle spese del matrimonio.
Giustaossi ü..ò = Praticone che rimette a posto le slogature e simili
Giustor ü..ö: = aggiustatore.
Giustu ü,-a = Giusto,-a. Proprio, esattamente.
Giusu üsu = Liquirizia.
Giusumen ü..én, = Gelsomino
Giuton ó = 1) Bocciolo. 2) Uno che sa le cose ma non le dice.
Gloia ó = Gloria.
Gna á (o igná) = Via (andar via: andà ignà)
Gnagnera Gná = Malavoglia. Debolzza causata da malessere.
Gnara nà = Persona affetta da gnágneria.
Gnecu è = Abbattuto, triste, malcontento.
Gnervusu vù = Nervoso
Gnetu è = Inetto. Imbelle. Incapace
Gni í = Venire.
Gnifu í = Sost: 1) Nembo. Agg: 2) Di polpa rossa, 3) Rincagnato
Gnocu ó = 1) Grosso bitorzolo, 2) gnocco.
Gnu ü = Venuto. Gnü ultra: venuto fuori.
Gnucu nü = Duro. Testardo. Cocciuto. Poco flessibile
Gnuranton ó = Ignorante. Plurale: -tuni.
Gobu ö, -a,-i = Gobbo,-a,-i.
Godi ò = Godere. Gòdi föa: Finire qualcosa (avanzi, soldi ecc)
Goduria ü = 1) Godimento. 2) Avanzo di cibo.
Gombar ó = 1) Gomito. 2) Raccordo curvo per le tubazioni. Anche: Gùmbar.
Gossa ó = 1) Gioco a rincorrersi. 2) Soprannome: colei che ha il gozzo
Gossu ó = 1) Gozzo. 2) Desiderio.
Gotas = Gotico V. ustrugótu.
Grabui ü = 1) Groviglio, inestricabile 2) Pasticcio, situazione complicata (vedi garbui ü) 3) Pienta grabüi: pianta zizzania.
Gradisela è = Peritoneo.
Gram = 1) Gramo, cattivo. Anche grámu. 2) Grammo (di peso)
Gramegna è = Gramigna a stelo basso. A stelo alto è la neghèscia.
Gramm = Grammo (peso).
Grampaa áa = Manciata.
Gran á = Grano.
Grana á = Formaggio grana.
Grandu á = 1) Grande. 2) Uno che si da arie
Grane é = Granaio. Fa grané: accumulare, arricchirsi.
Grapel è = Grappolo.
Grapela è = Testa del chiodo.
Grapen é = Bicchierino di grappa.
Grassa rá = Opulenza.
Grassu á = Grasso.
Grassuscia ü = Grasso (dei cibi)
Grata tá = 1) Grattare. 2) Rubare.
Gratacu ü = Bacca della rosa canina.
Gratasogn ò = Suonatori mediocri
Gratioa ö = Grattarola.
Graton ó = 1) Rimanenza di grasso nell'arrosto di maiale 2) Ladruncolo.
Greca á = Coccolare.
Greca è = Iattanza.
Gregunzola ö = Gorgonzola.
Grem è = Bruciacchiato (di cibo).
Grema á = Abbrustolire
Grengn (é) = Crine animale. 2) Má dul grengn: malattia dei bovini, pustema alle radici delle unghie.
Greu é, -éa = Greve. Pesante. Difficile
Grida ì = Grida, bando. Avviso pubblico.
Grio ö = Gheriglio delle noci.
Grisceta è = Pelleossa.
Grizel è = Uvaspina.
Grizo ö = Succhioni delle viti in particolare e delle piante in genere. Bastardi delle piante.
Gro ò = Tessuto rigido in fibra di seta.
Grogn ó = Grugno. Beffa.
Gronda ó = Gronda. Si dice anche canal à e grundan á.
Grugnen é = Nodino di pane (sulla crosta) o di formaggio. Equivale a nuètu, che è più del pane misto.
Grunda á = Sgocciolare.
Grundan á = 1) Gronde. 2) Rivoli di sudore.
Grundana ána = 1) Gronda. 2) perdita di acqua della gronda
Grupi pì = Annodare.
Grupia ü = Greppia.
Grupidua dú = Annodatrice di subbio.
Grupioi ö = Legacci, filacce (ad es. per legare i vegetali).
Grupu rú = Nodo. Má grúpu: difterite.
Gua ú = 1) Gola. 2) Can dal gúa: carotide. 3) Resca in gua: postumi di astio.
Gua üá = 1) A Sacconago: Spuntone per pulire la punta dell’aratro (vedi raspiu). 2) malattia del frumento (diventa nero).
Gua á = 1) Fossetto di drenaggio attorno ai campi. 2) Gozzo
Guaia áia = Scommessa.
Guaiardu iá (a) = 1) Forte, resistente, robusto, gagliardo
Gualdu á (a) = Tonalità del blu/indaco/cobalto
Gualigu í = 1) Media. 2) Compensazione.
Guarda dà = 1) Guardare. 2) guardato
Guarnei é = Guardaroba.
Guarni í = Imbottire.
Guasciatu iá = Mangione. Goloso. Vedi anche gueta è
Guazza ü = Madrina di battesimo.
Gudasciu = Gozzovigliatore.
Gudu dù = Dilapidatore di patrimoni.
Guersciu è = Guercio. Orbo. Anche sguersciu è.
Gueta è = Golosetto
Gugela ügè = Forcina.
Gugia ü = Ago.
Gugio ü..ö: = Portaaghi.
Gugion ü..ó = Grosso ago per cucire tra loro le testane delle pezze.
Gugnen é = Bambino molto vivace.
Guiti uì = 1) Primi passi dei bambini. 2) Versi dei topi in amore
Gula á = Coppa del maiale.
Gumbar ù = V. Gombar
Gurdisciatu á = Ingordo al di là di ogni limite. (Vedi anche buelón).
Gurdu gú = Abbondante. Oltre misura, copioso, ingordo.
Gurguan á = Scroccone.
Guriti rí = Rametti di salice per annodare le viti ai paletti di sostegno.
Gussu Gü = Guscio.
Gustu Gü = Aroma, sapore, gusto
Guta ú = Goccia.
Guton ó = 1) Goccioloni. 2) Lacrime
Gutu ú = Goccio, sorso.
Guu uü Guui üi = Covati. Preparati.
Guzza ü = Parte del terreno che finisce ad angolo.
Guzzeta ü..è = Pispola.
Guzzu ü = Acuto. Appuntito.