Dizionario Bustocco - Italiano

by www.bustocco.com
Con l'ausilio preziosissimo di Angelo Crespi
Istruzioni: La parola in Bustocco viene riportata in caratteri, per così dire, Italiani, e seguita dall'indicazione dell'accento tonico (à= "a aperta - es: vànga"; ò="o aperta - es: còllo"; é="e chiusa - es: véro"; è= "e aperta - es: cèlla; e così via)

=

(Al) limiga mí: = Cibo che si appiccica al palato
L’e é = È. In genere preceduto dalla particella a A l’è scüu: è buio
Laa aá = Lavare. A Borsano lava vá.
Laanden é = Lavandino.
Laansci í = La. In quel luogo. Vedi insci í. A Borsano lalansci í.
Labar = Labbro. Indeclinabile al plurale: I labar= le labbra. Vd. musela üsè
Lacemeu éu = Lattemiele. Latte e miele.
Lacetu é = 1) Siero d’avanzo nella produzione del burro. Usato come purgante 2) animella.
Laci á (a) = Latte
Lacion ó = È il primo latte della mucca.
Laciotu ó,-a (ò) = 1) ingenuo, bonaccione. 2) Dispr.: stupidotto
Laciuga ü = Lattuga. Vd liciuga ú.
Lacrima lá = Lacrima. Pl.: lacrim á. Meglio però usare: gutón di ögi. A Borsano: lagrima
Ladar lá = Ladro
Ladru = Ladro. Spesso: ladron ó. Pl.; ladar.
Ladrunesciu é = Ruberia di poco conto
Lagu = Lago
Lalansci ì = Proprio là. Vedi anche lilinscì e chichinscì, lì
Lambirsi brì = Fibre o tessuti consumati
Lampion ó = 1) Lampione. 2) Spilungone. Pl. lampiuni ú
Lana = Lana.
Landanea é = Capigliatura. A Sacconago: cai í
Landanon ó = Fannullone, disutile.
Langeu é = Leggero (arcaico) Oggi è più usato: lingeu é
Lanon ó = Poltrone. (Uno che ama fare lana, ossia star sempre seduto).
Lantecristu = 1) Anticristo. 2) Uomo intrattabile e incorreggibile, che non riconosce i suoi torti.
Lantefulca = Soggetto da forca.
Lantenatu = Persona di grande esperienza: par che sia al mondo da secoli
Lanterna = 1) Lanterna. 2) Cappello dei carabinieri.
Lantigela è = Neo, lentiggine.
Lantigia- i = Lenticchia.
Lanzo ö = Lenzuolo. Vedi anche dubia ù
Lapa = Parlantina.
Lapagia iá = Parlare a vanvera o a sproposito.
Lapagion ó,-na = Uno-a che parla credendo di saper tutto. Plurale: Lapagiúni. Anche: slapagion ó
Lapas = Matita. V. Lapis. A Sacconago: apisi
Lapen è = Pelliccia di coniglio.
Lapeta è = 1) Linguacciuta. 2) Saputella. Anche slapeta è
Lapis = Matita
Lardu = Lardo.
Larghigia = 1) Liberalità 2) Slargo di strada. 3) Larghezza 4) Possibilità di allargarsi
Lascio ö:. = Laccio per prendere i passeri
Lasciu = Laccio.
Lassa sá = 1) Lasciare, 2) permettere. 3) Lasciare in eredità.
Late é = Lattaio.
Lau ù = 1) disgraziato, nel senso di sfortunato “por laù” 2) Giocattolo 3) Bambinello.
Laua uá (à) = 1) V. Lavorare. 2) Sost: Lavoro
Lauadui úi = Lavoratore.
Laura = Attrezzo a muro per misurare le pezze.
Laurnen é ,-íti = Piccolo alamaro,-i Meglio: cavedon ó .
Lazu = Legaccio. Diminutivo lazioeu.
Lazza zá = Allacciare.
Lazzafessi è = fermaglio di metallo per camicette
Le é = Lei
Lecarda cá = Portamestoli. A Borsano e Sacconago: lacarda
Lecardon ò = Goloso raffinato. Ghiottone
Lechetu chè = Cattiva abitudine, vizietto
Leciu é = Letto. Pl.: leci é. Cascina dei Poveri e Sacconago líci.
Leciuga ü = Lattuga
Leden én (en~) = 1) Morbido. 2) Scorrevole 3) agevole, facile
Ledigu è = Sporco, unto, grasso,
Lefu è = can da lèfu = perbacco.
Legitam ì = Legale.
Legitima ì = Quota dell’eredità obbligatoriamente destinata per legge.
Legitimu = Genuino.
Legn è = Legno
Legna è = Legname. Si usa anche legn è.
Legname mé = Falegname.
Legnan = Legnano.
Legraman = Mancia. Vd. muua uü.
Legramanti má = Vd. Legraman (usato a Sacconago)
Legrezza = Soddisfazione, contentezza
Legrio ö = Allegro, gioviale, faceto, capace di diffondere buon umore Si usa anche:ligria ía.
Legriusu úsu = Allegro. Amante dell’allegria. Compagnone.
Legua é = Lepre. Correttamente andrebbe usato con l’rticolo maschile: Ul legua.
Leguaotu ó = Leprotto
Leguatu á = Cacciatore di lepri
Lela è = 1) Sost: Fannullone. 2) Avv.: da poco.
Lemidu é = Che si sfoglia
Len = Lino. Vedi Füstágn.
Lendanon ó = Trasandato, fannullone. Anche: Landanon.
Lenga = Lingua A Borsano lengua..
Lengascia gá = 1) Linguaccia. 2) Fig.: Sboccato, Maldicente. A Sacconago: lingáscia
Lengheta ghé: = linguetta
Lengi é = Leggere. Part. Pass: Lengiu ü o, meglio, Lénciu.
Lepa á = 1) Leccare. 2) Leccato del nome è però più drammatica (vedi pag. 44).
Lepacu ü = Adulatore.
Lepazuchi ü: = Letteralmente: lecca zucche. Ignorante, lavativo, in genere: persona senza dignità né qualità
Lessu é = Lesso. Bollito.
Letani á = 1) Litanie 2) processione A Borsano: Latáni.
Leterascia rá: = Letteraccia.
Letra è = 1) Lettera. 2) Parte principale (dritto) di una moneta o di una medaglia.
Leva á = 1) Sost: lievito 2) V. Allevare 3) V. togliere, levare. A Sacconago per lievito: laá.
Level èl = Ragazzo che si arrangia da solo, ormai cresciutello. Adolescente
Leveren rén = Piccola leva, leverino
Lianda iá = 1) Andazzo, spesso in senso spregiativo 2) Cantilena, tiritera.
Libar í = 1) Sost: Libro 2) Agg: Libero
Liberal á = Schietto, sincero, gentile.
Libidocu ó = Babbeo. A Borsano: lipidocu ó.
Liciuga ù = Lattuga V. Leciuga
Lifrocu ó = 1) Finto tonto. 2) Dissipatore
Liga á = Legare. Ammanettare.
Ligam á (à) = 1) Legaccio. 2) Legame.
Ligasabia sá = Sciocco inconcludente
Lighio ö = Rametto di salice che serve per legare le viti.
Ligna = Linea.
Ligria ía = Allegria. Indica anche un tipo molto allegro.
Liguzzu gü = Ghiottone. A Borsano: luguzzu gü.
Lilinsci í = Li, proprio li. V. lalanscí e chichinscí.
Lilon lilan ó – á = Andamento lento (anche: Lizon Lizan)
Limaga má (a) = Lumaca. Anche lumaga ümá.
Limagon ó = Schifiltoso. Lumagon ü..ó.
Limiga á = Inghiottire con ripugnanza.
Limigozzu ó = 1) Indigesto. Ripugnante
Limitu = Pietra divisoria dei campi, termine
Limon ó = Limone
Limuna á = Baciarsi con passione
Limunzina zí = Effeminato
Linen é = Vizioso
Lingeu é = Leggero
Linghea é = Ringhiera.
Linogiu ö = 1) maschio della lögia, cioè il verro 2) Lazzarone. 3) Fig: Concupiscente, sporcaccione.
Linusa ú = Linosa.
Lisca = Lisca di paglia
Lisca á: = impagliare.
Lisciu = Liccio Pl.: lisci. Filo torto per alzare e abbassare le fila dell’ordito.
Lisciva = Lisciva: cenere sciolta usata bollente per pulire i panni sporchi, A Borsano: lissiva sí
Liscon ó = Persona infida.
Liserta è = 1) Lucertola. 2) Fig: alto e magro
Liserton ó = Pigrone
Lisiti sí = Filacce di cotone,
Lissigno ö = Usignolo (a Sacconago). A Busto russigno ö.
Lissosa ö = Indumento femminile.
Lisu,-a = Logoro, liso,-a
Lita = Litta, ossia sabbia fine di fiume
Litratu = Fotografia.
Litta = Famiglia Litta (nobili marchesi).
Livel è = Livello
Livra = Lira. Termine desueto, sostituito con francu,-chi.
Livra á = Di significato incerto. Probailmente: iniziare.
Lizon ó = Pigro, lazzarone, fiacco, fannullone
Loa ó = Pannocchia di granoturco.
Lobia ó = Sottotetto, la parte superiore aperta delle cascine. Per quello chiuso della case vedi: spazzaca cá
Loca ó = Spiga del panico.
Loda ó = Allodola.
Lofa ó = Peto.
Lofia ó. = 1) Roba cattiva 2) Donna poco considerata.
Logia ö = 1) Scrofa. 2) Carne vecchia. 3) Donna di facili costumi.
Logu ö = 1)      Campo coltivato di proprietà. 2) Organi genitali (maschili e femminili).
Lona ö = Luna.
Longu ó,-a = Lungo,-a.
Loo öö = Alt: esclamazione usata dai carrettieri per fermare il cavallo.
Lopa ó = Favilla di ferro incandescente. Vedi la differenza con filapra lá.
Lora á = Profumare. Rallegrare (con il profumo)
Losna ó = Lampo di calore.
Losu ó = Alloro.
Lota ó = Zolla erbosa
Lu = Lo, la (pronome personale in accusativo)
Lu = Lupo
Lu ü = Lui
Luasciu á = 1)      Grosso lupo. 2) Insaziabile
Lucelina = Petrolio.
Lucernai á = Vetrata alta che manda luce dal soffitto.
Luceru Lü = Ulcera.
Lucu = Mesto. Accasciato.
Ludai á = Notaio.
Ludra á = Ululare. Latrare. Gridare per il dolore. A Sacconago: ludra ü..á.
Ludria ü = 1)      Pesce gatto. 2) Vorace
Ludriassi á = Lamentarsi
Ludru = Lamentoso ma furbo. Usato anche ludar. Vedi ludra á
Luessa è = Letteralmente: Lupa. Usato nel senso di nebbia fittissima asciutta, tale da non permettere di vedere a un passo di distanza.
Luganeghen ü..én, -íti = 1) Salamino. 2) Persona inaffidabile
Luganiga ügá = Salsiccia.
Lughea ü..é,-éi (ü.e) = 1) Favilla,-e. 2) Fiocco di neve 3) Granello di polvere
Luguen lügüen = Lucherino.
Lui ú = Loro
Luiti uí = Ceci, lupini.
Lumaniga ümá = Spiegazione.
Lumbrela è, -rèi = Ombrello,-i.
Lumbrelen lé: = 1) Parasole. 2) Ombrellino.
Lumbria í,-ríi (i) = 1) Ombra,-e. 2) Fissazione,-i
Lumbrion ó = Fantasma.
Lumenta á = Lamentare.
Lumentassi á = Lamentarsi.
Lumentu lü = Lumeggiante.
Lumentu lü = Lamento.
Luminea ü..é, -éi = Luminaria,-e.
Lumm ü = Lanterna ad olio.
Luna ü = Luna. Vedi lona ö.
Lunaa áa ) = Ore più calde del pomeriggio d’estate Anche: Nunaa
Lunaa lünáa = Lunazione.
Lunghignon ó = Tiratardi. Inconcludente.
Lurdai á = Sciocchezze. Schifezze.
Lurdaij = Porcherie. Ma anche all’opposto: ghiottonerie
Lurdu = Insulso. Stupido. Noioso. Tarato. Balordo. Cascamorto. Sporco. Ghiottone.
Lurucu rü = 1) Uccello di cattivo augurio 2) Tonto.
Lusanfran rán = Venditore di fumo, ma di statura alta.
Lusí lüsí = Luccicare.
Lusi ü = Luce
Lusio ö = Lucignolo.
Lusioa ü..ö,-öi = Lucciola,-e. V. anche: pizzacu ü.
Lustar ü = Lucido (da scarpe).
Lustra ü..á = Lucidare
Lustru Lü = Lucido
Lustru ü..ú = Lucidatore di mobili.
Lusui ü..ú = Splendore
Lutar ü = Utero
Luton ó = Ottone.
Luucu uü = Allocco (a Borsano). A Busto usato anche uücu.
Luzia üzí = Velo aderente al viso usato dalle donne sposate.
Luzifar üzí (ü.ì) = Lucifero.