Dizionario Bustocco - Italiano

by www.bustocco.com
Con l'ausilio preziosissimo di Angelo Crespi
Istruzioni: La parola in Bustocco viene riportata in caratteri, per così dire, Italiani, e seguita dall'indicazione dell'accento tonico (à= "a aperta - es: vànga"; ò="o aperta - es: còllo"; é="e chiusa - es: véro"; è= "e aperta - es: cèlla; e così via)

=

M’a sa sia í Ma-sa-sia = Come si sia. Comechessia, In qualche modo.
M’al = Come, seguito dal verbo. Per esteso sarebbe “Cuma al” seguito dal verbo. Cuma al é (com’è). Contratta: ‘m’ al
Ma = 1) A me. 2) Mi. Rispettivamente dativo e accusativo del pronome personale “io”.
Ma á = Male Magrupu grü: difterite.
Ma sta tá = letteralmente: mi stare a…
Maa aá = Malato.
Maaa aáa = Malata.
Maadi í = Maledire.
Maagon ó = Melgone. Granoturco. Anche meagon ó e miagon ó
Maai aá = ammalati,-i.
Maassi aá = 1) Ammalarsi. 2) L’ha da maássi: deve partorire
Maatia í = Malattia. Maatía tacatrícia: malattia contagiosa.
Maaviglia ví = Meraviglia. A Borsano: meravíglia ví.
Maca,-chi = Castagna,-e, secche. Con le mache si faceva il macu (v.)
Macacu cá = Balordo.
Macagna gná = Sbrecciato
Macalo ö = Usato nel detto: a macalö che significa gratis. Vd anche: macu
Macaron ó = Cerca rogne, persona che si diverte a dar fastidio
Machineta è = 1) Macchinetta, 2) Roccatrice di tessitura
Macinatu = Tassa sulla farina macinata (di manzoniana memoria)
Macu = 1) Castagne secche 2) Zuppa di castagne 3) A Macu = a sbafo, senza pagare
Macuben é = Tabacco da annusare.
Madaia dá = Medaglia.
Madega á = 1) Medicare 2) Accordare, accordarsi, rappacificare
Madegozzu ó = Impiastro, unguento.
Madon ò = Immagini sacre, principalmente della madonna, diffuse nelle corti e nelle cascine
Madona ò = Madonna. Madòna du Aütu: Madonna dell’Aiuto protettrice dei bustocchi.
Madrizza í = 1) Capriccio 2) Desiderio esagerato 3) Voglie (e nausee) delle donne in gravidanza
Maena è,-aèn = Amarena,-e.
Maenca cá: = Soffiare del vento
Maencu é = Vento che preannuncia il temporale. Maestrale. Vento infido.
Maestra á = Insegnare. Ammaestrare.
Maestra è = Maestra
Maestru,-ra = Maestro,-a. Usato anche maestar (è).
Mafugon á..ó: = 1)      Codardia, desiderio di fuga nelle difficoltà; 2) Desiderio sessuale moto intenso
Magagna gá = Crear guai
Magara gá = Magari (neologismo moderno)
Magatel è = 1) Burattino sia come sostantivo che come aggettivo riferito a persona
Magengu é = Fieno di maggio.
Magenta = La città di Magenta.
Magiustra = Fragola. A Sacconago: maustra. A Borsano maostra.
Magiustrina = “Maggiostrina”, ossia cappello di paglia a tesa larga
Magna ná = 1) Mangiare voracemente 2) Rubacchiare (negli affari pubblici)
Magnan án (a) = Magnano Calderaio. Stagnino.
Magnana gná = Mannaia.
Magolciu ó (o) = Groppo, massa fastidiosa, mal preparata
Magon ó (ò) = Strozza, nodo di pianto, dispiacere
Magrascena è = Magro, ma per avarizia
Magrupu grü = Difterite
Magu á = Mago.
Magu ù = 1) Antico Mago che usciva quando era buio a far razzia di bambini per cucinarseli in padella 2) Mago moderno che calcola di notte come imbrogliare la gente di giorno (figurato)
Maguna ná = Singhiozzare. Avere voglia di piangere
Magutu gü = Manovale edile.
Maia ïá = 1 Sposato, maritato 2) Mal maïá: separato
Maia áia = Maglia.
Maieta è = Maglietta.
Mainu í = Lestofante. Brigante.
Maista tá = 1) Immagine sacra 2)Stoffa per l’esposizione del Santissimo.
Maistar í = Muratore. Maestro muratore. Usato anche: Canmastar má: capomastro.
Maistar í = Capomastro
Maistrá = Ammaestrare
Malamenti é = Lestofante, persona senza scrupoli, poco di buono
Malanda dá = 1) V.: Malandare. 2) Agg.: Malandato, in cattive condizioni
Malatia ì = Malattia. Malatìa tacatricia: malattia contagiosa.
Malatricia trí = Malaticcia.
Malavia iá = Maleducato.
Malba = 1) Malva 2) escrescenza verde che affiora nell’acqua stagnante.
Malcapazu = 1) Irragionevole, aggressivo. 2) Malcapace, incapace
Malefizia ziá = Maledetto, dominato dagli spiriti maligni. Antico: malafizia á.
Maletu è = Malloppo
Malguen é = Equivoco, non chiaro
Malmustusu stù = Asociale, scorbutico
Malnatu ná = Ribelle
Malua ú = Rovina, malora
Mama = Mamma.
Mamadregna è = Matrigna
Mamagranda (grà) = Nonna
Mamalucu ü = Chi non impara dai propri errori
Man = Mano.
Manaesci è = Argomenti espressi con gesticolazioni
Manaesciu è (e) = Manesco, manereccio, si dice di uno che ragiona usando le mani
Manarola ö = Zuppa di farina gialla latte cagliato e vino
Manazzen è, -iti = 1) Guanti senza dita 2) Manicotto da avambraccio usato una volta dagli impiegati.
Manca cá = 1) Mancare,-ato 2) Morire (eufemismo)
Mancamentu é = Collasso. Svenimento, perdita di forze.
Mancu = 1) Neanche 2) Meno
Manda dá = Mandare,-ato.
Manecrístu í = Confetto fatto di solo zucchero
Manegia giá = Maneggiare.
Manegion ó = Maneggione, intrallazzatore.
Manelen lé = Maniglia del telaio usata per lanciare la navetta.
Maneta è = Maniglia. Manetta.
Mangan má = Mangano.
Mangia giá (à) = 1 V.: Mangiare; 2) agg.: mangiato
mangiacapara pá = Inaffidabile
Mangiadua ú = Mangiatoia, greppia. Mangiadúa cont’aa rasteléa: mangiatoia con la rastrelliera per il fieno. Ul Bambén a l’è nassü ind’una mangiadúa: il Bambino è nato in una mangiatoia.
Mangiadui ú (u) = Mangiatore, mangione.
mangiaspua ü. = Mangiasaliva. Avaro che, per non spendere, mangia la propria saliva.
Manifatua ü = Maniffattura.
Manigoldu ó = Canaglia, manigoldo
Manigu á = Manico.
Manscion ó, uni = Gemelli per i polsini della camicia.
Manteca cá = Mantecato.
Mantegni í = Mantenere. Antico: mantigni gní.
Manten é = Tovagliolo.
Manzen é = Mancino (anche: Smanzén)
manzo ö, = Manzo, anche in senso figurato: grasso oppure dai modi bruschi
Manzu á = Manzo.
Maossu ó = 1) Aggiunta 2)Percentuale
Maragnau áu = È il babau delle favole.
Maranghinatu ná = 1) Collezionista di marenghi d’oro 2) Ricco (pieno di marenghi).
Maranguala á = 1) Mal messo 2) Cagionevole di saulute, malato
Maraschen é = Maraschino.
Marasciall = Coltello a serramanico.
Marca á = 1) V.: Marcare, scrivere, segnare 2) Agg.: segnato, eccessivo
Marchianti àn = Mercante. Antico: marchenti.
Marcianti = Girovago
Marela è = Bastone grosso.
Marelaa áa (a): = Bastonata. Èssi in marèla: essere in castigo.
Marfísa í = Donna molto truccata.
Margasciu gá = Fusto del granoturco. Più usato però: scaron ó.
Margnifu í = Astuto, dal fiuto fine.
Marinfiaa áa = Santarellina (figurato)
Marluzzentu ü..é = Puzzolente (come il merluzzo guasto)
Marluzzu lü = Merluzzo.
Marmelaa áa = Marmellata.
Marmua á = Mormorare. Sparlare.
Marmuen è = Marmista
Marmul á = Marmo.
Marna = Contenitore per il carbone
Marneta é = Recipiente usato per impastare il pane in casa
Marnon ó = Carro a due ruote ribaltabile a sponde alte, utilizzato per il trasporto del carbone.
Marocu ó = Rozzo
Maroia ó = Scorie del carbone.
Marona á = Venir scoperti. Anche Maruná
Marsci í = Marcire,-ito.
Marscion ó (ò) = Tisico, malsano
Marsciu, -sci = Marcio.
Marsinen é = Giacchettino usato dalle donne, marsina,
Martalotu ó = Stupidotto, ingenuo
Martel è = Martello.
Marteletu lè = Mortella delle siepi.
Martenpiscu ú = Martin pescatore.
Martufu tü = 1) Indolente. 2) Smidollato
Marturel è = Scoiattolo.
Maruca cá = Malconcio Vd.: marucheta è.
Marucheta è (e) = Piccola mucca di poca prezzo, ma che rende molto.
Maruna ná = Venir scoperti
Marzio ïö = Marzolino, ossia un po’ pazzo come il mese di marzo.
Mascaza zá = Mescolare, smazzare le carte da gioco.
Masciu = Maschio.
Mascra = Maschera. Al plurale fa mascri o màscui.
Masea eá = 1) Inzuppato, fradicio 2) Macerato
Masea éa = Massaia. Moglie.
Masen é = Punta del vomere.
Masna ná = 1) Macinare 2) Fig.: picchiare qualcuno
Masnaa áa = Macinata (di botte a qualcuno)
Masnen é = Macinino.
Masocu ó = Minestra cotta male o troppo macerata. A Sacconago masotu ó.
Masse é = Massaro.
Massea é = Massaia. Moglie. (Vd.: masea)
Massel è = 1) Raccordo tra due dislivelli di terreno 2) Anche l’arnese che aiutava l’aratro ad entrare nel terreno..
Massu ú = Catino di rame. A Borsano: masso ó.
Massuta tá = Inzuppato.
Mastransciu trá = Male in gamba. Non usato a Sacconago.
Mataa áa = Mattata.
Mataona ò = Pazzerella. Fuori di testa.
Mateazzu teá = Materasso. A Borsano:materazzu rá. A Cascina dei Poveri: mateazzi teá
Matine é = Copricorsetto.
Matoca ó = 1) Caglio. Specie di ricotta fatta con il primo latte della mucca che ha partorito. 2) Latte spurio nelle puerpere, causa dell’ingorgo mammario. 3) Un po matta
Matocu ó = Pazzerello Un po’ matto.
Matu = Matto.
Mau á (a) = Amaro.
Mauanza ü = Maturazione
Maulana lá = Bambola di pezza. Vd.: pupoa ò.
Mausse é (s) = Sensale, Mediatore per la compravendita del bestiame, o di immobili.
Mauu üu = Maturo.
Mazza zá = Ammazzare.
Mazzacavai vá = Macellaio di carne equina.
Mazzapiogi ö = 1) ostinato, petulante 2) fig.:usato come insulto per significare persona spregevole
Me é = 1) Agg.: mio, miei 2) Sost.: I miei, inteso come parenti, principalmente i genitori
Me é = come
Mea á = Viziato.
Mea é (e) = 1) Miele. 2) Agg.: mia (usato solo abbinato a bene di proprietà (es: Ca méa: casa mia)).
Meagascia gá = Fusto del mais fresco
Meagon ó = Granoturco. Vedi maagon ó.
Meda é = Mucchio . Catasta. Vd. Anche: Mota
Medar é = Modello di carta per il confezionamento degli abiti.
Medon ó = Vedi: meda.
Megn é = Io (pronome personale). molti usano scrivere: Men
Mei è = 1) sost.: Miglio (cereale). 2) Agg.: meglio
Melaa áa = 1) Pelata (riferito alla testa senza capelli) 2) Sberla in testa.
Melegian á = Melanzane.
Melon ó = Melone-i. Melón di ögi: orbita degli occhi.
Melotu ó = Pugno. Vedi melaa áa.
Men é = Io. Vd. megn é.
Mena á = 1) Menare, condurre portare e relativi participi (menato, condotto, portato) 2) Fig: insistere
Menaa áa = Tiritera, menata, logorroicismo, discorso inutile.
Menafregiu frè = Freddoloso.
Menaroa ö = Scroccone, mantenuto
Menarogna ò: = Porta sfortuna, uccello del malaugurio.
Menascalzu = Maniscalco.
Menda á = Rammendare,-ato.
Menscia á = Mescolare,-ato.
Menu è = Meno Antico mancu e mencu.
Menula è = Chiave inglese.
Merca á = Mercato. Antico: marca á
Mercanti = Mercante. Antico: marchianti
Merica é (e) = 1) America. 2) Fig.: cuccagna.
Mericanel èl = 1) Americanello (Vino ottenuto con l’uva americana) 2) Galletto nano americano 3) Spregiativo: terroncello
Merla è = Merla
Merlu è (e) = Merlo.
Messa è = Messa.
Messeda sé = 1) Miscelare 2) Confondere
Metar è = Metro. Anche metru é.
Metazion ó = 1) Razione 2) Limite, misura
Meti è = 1) Mettere 2) Mèti sü: iniziare un’impresa, un mestiere. 3) Mèti giú: allestire, preparare
Mezzacua ú = Mezza acqua. Intendeva la bevanda metà acqua e metà cedrata
Mezzanoci ó = Mezzanotte.
Mezzu è = Mezzo.
Mia í (ì) = Non. il "mica" tipico della parlata lombarda. Rafforzativo della negazione
Miacal iá = Miracolo. Anche Miacul e miacual miá
Miagheta è = Granturco da foraggio
Miagon ó = Melgone, ossia Granoturco. Vedi Maagon ó.
Miagunen é = Granturchino. Melgonino. Variante più piccola del melgone.
Miamal ál = Abbastanza (in quantità). Lett.: mica male.
Micheta è = Pagnotta di forma rotonda, soffiata o piena.
Micoti ó (o): = Pani di frumento o mais del peso di mezza libbra.
Miculotu ó. = Vd. Muculotu. Usato a Sacconago e Borsano
Midisina sí = Medicina.
Migna á = Miagolare.
Milan á = Milano.
Milanöcentuvoltasindre dré . = Tempi remoti Si usa per dire:molto tempo addietro.
Milion ó = Milione. Il pl. corretto è: miliuni ú, anche se è usato milion ó.
Minam í = Minimo.
Minea é = Sberleffo, presa in giro
Minen é = Gatto Vd. anche gata e miscen é.
Minestra á = Servire a tavola.
Minestra è = Minestra. A Sacconago: manastra ná. A Cascina dei Poveri: manestra è
Minighen é = Meneghino. Aveva il senso di scansafatiche, a Busto.
Minudar ü = Minuto. Femminile: Minudra ü: minuta, piccola.
Minudraia ü.áia = Minutaglia, cianfrusaglie.
Minudren~ = Un po’più piccolo della grossezza naturale.
Minuzzi ü = Frattaglie di pollo o altro animale, generalmente da cortile.
Miscen é = 1) Micio. Micino. Vd. minen é. 2) Fig.: sgorbio
Miscia á = Mescolare. Anche: Mescia á
Miscia ïá = Raggomitolato (come un micio), rattrappito.
Miscji = Raggomitolato. Stremenzito.
Misse é = Suocero.
Missel è = Gomitolo.
Missio ö = Coltellino a serramanico a punta ricurva per lavori domestici.
Missuia ú = Falce messoria. A Sacconago: massuia ú.
Miste é = Mestiere,-i
Mistignaa áa = Malridotta, insudiciata
Mistigu mí = Miscela di liquori.
Mistua ü = Mistura.
Mistuanza ü = Mistura di erbe secche per alimentazione animale.
Misua ü = Misura
Misua üá = Misurare.
Mita á = Metà. Vd. Mito ò
Mito ó = Misura di peso. Equivale a metà dell'altra misura di peso del grano, lo ste é (v.)
Mja = Miglia-
Mo = adesso
Mo ó = Adesso, in questo momento, ora.
Moa ö = 1) Mola per affilare le lame. 2) Macina da mulino.
Moascima ö = 1) Schiuma prodotta dall'acqua turbolenta 2) Fig.: Aggressivo (di persona)
Moassi ö = Muoversi.
Mocul ó = Moccolo.
Mocusciu cü = Residuo dello stoppino di candele bruciato.
Modu ó = Modo. Usato anche: mödu
Moenca è = Aiuto, rinforzo per risolvere un problema. Usato anche: muenca.
Mogiu ò = Mortificato.
Moi ö = Mollo (a- ), ossia a bagno.
Moi ö = Muovere. Participio passato: Mostu ö: mosso.
Moia ö = Molla per governare il fuoco. Plurale: möi: le molle
Moiena á = Fare moine.
Mola ó = Molla.
Molcia ó = Morchia (Impasto di sabbia e calce e acqua ad uso edilizio.
Molta ó = 1) Fango. 2) Malta (per edilizia)
Momina í = Buffonata. Pagliacciata.
Mondu ó = Mondo.
Moniga ó = Monaca, suora.
Monsciui ú = Monsignore.
Monti ó = A monte. Per montagna si usa Muntagn á
Mordi ò = Mordere. Participio: Mordu ü o murdu ü (morso). Vd. Murdiaa áa: morsicata.
Morsa ò = Morsa del fabbro. Più corretto: smorsa ò.
Morsu ò = Morso del cavallo.
Mortu ò = Morto
Mosta ö = Mossa, sollecitazione.
Mostu ö = Mosso.
Mota ò = Mucchio, ammasso.
Mua á = Molare. Affilare.
Mua üá = Murare.
Muanca án = Moltissimo, proprio tanto, davvero.
Muasen é = 1) Morbido 2) Fig.: svogliato nel lavoro.
Mubilia = Mobilio. I mobili.
Muca á = Finire, troncare, tagliar corto.
Mucala! cá (ù) = Smettila!
Mucen é = Pezzettino
Muchetu è = Moccoletto.
Mucia á = 1) Mozzare. 2) Spuntare. 3) Togliere un pezzetto.
Mucichen é = Fazzoletto.
Mucina í = Faccina (simpatica, carina)
Muciu = 1) Mozzicone. 2) Uomo poco virile.
Mucu mú = 1) Spuntato, senza punta. Monco
Muculotu ó = 1) Moccolo, lumino per i morti. 2) Avanzo di candela bruciata.
Mucusciu cü = Smoccolatura.
Muda ü = 1) Tuta (da lavoro) 2) Cambio delle lenzuola.
Mudanti ü = Mutande.
Mudavizzi ü = Cambia vizi.
Mudazion ü..ó = Mutazione, cambiamento.
Mudron ó = Asfalto, catrame. A Borsano budron ó
Muel è = "morello", ossia livido, a seguito di una botta
Muen é = Mulino
Muena è = Murena (neologismo)
Mufu ü = Ammuffito.
Mugiu ü = Mucchio
Mugnaga ná = 1) Albicocca. 2) fig.: malato immaginario 3) Fig.: Persona "molle" e lamentosa
Mugnina = Smorfiosa.
Mui = More di gelso e di siepe.
Mui í = Morire.
Muia á = Mettere a mollo. Inzuppare
Muieta é = Ferro usato dalle donne per arricciare
Muimentu é = Movimento.
Muisna á = Ammollire, ammorbidire
Mul = Mollica.
Mul ü = Mulo.
Mula á = Mollare.
Mulazza lá = 1) Morso del cavallo. 2) fig.: Mascella (anche: ramulazza).
Muleta è = Molletta.
Muleton ó = Mollettone (tessuto garzato).
Mulita í = Arrotino. Anche Muleta è
Mumentu é = Momento.
Munagheti è = Fiordalisi. Anche munaghiti.
Munanca = Non ancora. Anche: munan á .
Mundeghin í = Polpette di carne.
Mundei è = Castagne arrosto.
Muneda = Moneta.
Mungen é = Trottola (a Sacconago). A Busto è: calimon ó.
Muon ó = Gelso.
Muraia ü = 1) Dentatura perfetta e robusta. 2) Lett.: muraglia (Corretto: muaia üá)
Murdiaa áa = Morsicata.
Murdianza = 1) Prurito alle gengive quando escono i denti 2) Voglia incontrollabile.
Murdignon ó = Attrezzo per piegare il ferro.
Murgneta è = Nervosetta e falsa.
Murigio ö = Topolino.
Murne é = Mugnaio.
Murnio ö: = Piccolo mugnaio.
Murson ó = 1) Tutolo della pannocchia 2) Misantropo, solitario
Murtadela è = Mortadella.
Murte é = Pestello, mortaio di pietra.
Murtoi ò = Mortorio.
Murtuossi üò = Moribondo (emana odor di morto)
Musca = Mosca.
Muscardina í = Cerambice muschiato (coleottero parassita dei larici).
Muschioa ö = Contenitori per formaggi
Muscon ó = 1) Moscone. 2) fig.: noioso
Musei è = Avvolgimenti di filo durante la filatura che creava difetti nel tessuto.
Musela üsè = 1) Le labbra. 2) Fig.: musone 3) Parte della vacca da usarsi con le costine di maiale per la cazöla
Muselon ü..ó = 1) Labbrone 2) Musone, imbronciato.
Museluni ü..ú. = Plurale di Müselón. A Sacconago e Cascina dei Poveri:musalon ü..ó.
Muson üsó = Musone. Indica la faccia dell'altro (la propria è: facia)
Mussula sú = Tessuto di mussola.
Mustaciu á = Mostaccio, rimbrotto.
Mustar ù = Mostro
Mustascia iá = Rimproverare aspramente, rimbrottare
Mustra á = 1) Mostrare. 2) Far finta di …
Mustracu cü = 1) Fagiolini bianchi con l’occhio nero. 2) Sgualdrina
Mustrin ì = Mostrine.
Mustru = Mostro.
Mustusa tú = 1) Graziosa. 2) Morbida, succosa.
Mutria ü = Broncio Vd mutrignon ó.
Mutria ü = Musone.
Mutrignon ó = Superbo, altezzoso, tronfio
Muu ü = Muro.
Muua uü = 1) Mancia domenicale 2) Provvigione
Muusa á = Morosare.
Muusu,-a = Moroso,-a.