Dizionario Bustocco - Italiano

by www.bustocco.com
Con l'ausilio preziosissimo di Angelo Crespi
Istruzioni: La parola in Bustocco viene riportata in caratteri, per così dire, Italiani, e seguita dall'indicazione dell'accento tonico (à= "a aperta - es: vànga"; ò="o aperta - es: còllo"; é="e chiusa - es: véro"; è= "e aperta - es: cèlla; e così via)

=

Naguta ù = Niente. Nulla.
Naigiu í = Moccio. Secrezione che cola dal naso. Si sente anche dire, con inversione vocalica: Niagiu
Naigiatu giá = Letteralmente: moccioso.Il significato però non allude solo ai bambini, a a persone che perdono il Niagiu e dunque in genere in tono dispregiativo.
Nan e nanca = Vd. Nanca.
Nanca = Neanche, nemmeno.
Nancamo ó = Non ancora. Neanche ora.
Nanmo ó e = V. Nancamo
Naranzu = Arancio, arancia. Fig.: ingenuo.
Nasa sá = Annusare, fiutare.
Nassi á = Nascere.
Nasta = Fiuto
Nason ó = Nasone. Inteso generalmente come persona che ha naso grosso
Nasu = Naso
Naudu aú, -da = Nipote.
Navascia = 1) Recipiente, a forma approssimativa di nave, usato per pigiare l'uva. 2) Recipiente usato per trasportare il letame.
Navescia è = Erbaccia.
Nebia è = Nebbia. Vd: scighea é (nebbia fitta e umida), luessa è (nebbia a visibilità zero), caligu í (nebbia da fumo), neghescia ghè (nebbia fitta), bruma ü (nebbia del mattino o della sera in campagna), ghibea é (nebbia freddissima), bruigia uí (nebbia che si trasforma in sorta di pioviggine), nèbia grassa, nebbia mista a pioggia.
Nedruga á = Pulire la pipa. Vd.: nuduga ü..á
Nega á = 1) V.: Annegare 2) agg.: annegato
Negar = Nero. Si dice anche: negru.
Neghezzu = Vento caldo.
Neh? = Interiezione. Sta per: Vero ?
Nemuotu ó = Un tipo di uccello: verdone. Usati anche namuotu ó e lemuotu ó.
Nervíti ví = Nervetti, preparati come antipasti. Più spesso: gnerviti o gnarviti ví.
Nesc = Vd.: Ness
Ness è = Piuttosto. Usato abbinato a 'che'
Netinemen mé = Lett: né io né te. Situazione indefinita, senza costrutto, senza sapore.
Netu è = 1) Privo di denaro o beni. 2) Netto (di peso) 3) Pulito
Niaa áa = Nidiata. Nido.
Niagiatu = Vd. Naigiatu.
Niagion ó = che perde il moccio, piagnucoloso
Niagiti gí: = Frutti del “tasso della morte”. Hanno consistenza simile al moccio.Bacca piuttosto pericolosa perché parzialmente velenosa.
Nilza = 1) Milza. 2) Fig.: berretta sarda. 3) Antico cibo a base di ripieno senza pregio.
Nilzu = Rancido, che puzza di andato a male
Nimal á = 1) Animale. 2) Anticamente, nello specifico: il maiale (meglio però: purscèll e zö).
Nincorgiassi ó = Accorgersi. Vd.: incorgiassi ó, corgiassi ó. Participio: corciu, incorciu.
Nincressi é = Rincrescere. Vd.: incressi é.
Ninegn é = Lettino per bambini.
Ninfernu è = Inferno. Anche: Linfernu
Ningrazia ziá = Ringraziare. Moderno: Ringraziá
Niol ò = Noialtri.
Niscioa ö = Nocciola.
Nisciue è = Noccioleto
Nisciuina í = 1) Nocciolina. 2) Secondo C. Azimnonti: donnola
Nissogn ö = Nessuno.
Niula í = Nuvola. Vd.: nuu üu; pl.: nui ü.
Niula ú = Midollo.
Nivel è = 1) Abbeveratoio per animali; 2) Lavello del banco dell'osteria; 3) Livello
No ó = No. Ma molto più corretto, con 'o' molto chiusa e trascinata: Non
Noci ó = Notte.
Nogn ö = Noi.
Nom ò = Nome.
Non ó = Non. Vedi nó.
Nona ó = Nonna. Vd.: Mamagranda
Nosi ö = 1) Nuocere. 2) Infastidire
Nou ö = Nuovo.
Nuzenti é = Innocente. Anche nucenti é.
Nuda á = Nuotare.
Nudruga á = 1) Tenere in ordine (pulizia). 2) Allevare i vitelli.
Nuel è = Novello.
Nuela è = 1) Novella. 2) Orto appena messo a dimora.
Nuena è = Novena.
Nuetu è = 1) Pezzetto 2) Pariferia del paese
Numar ü = Numero. Numeri.
Nusu ú = Noce.
Nuu üu = 1) Nuvola. 2) Nuvoloso. Vd.: niula í.
Nuula üu = Nuvola
Nuusela üu..è = Navetta del telaio.