Dizionario Bustocco - Italiano

by www.bustocco.com
Con l'ausilio preziosissimo di Angelo Crespi
Istruzioni: La parola in Bustocco viene riportata in caratteri, per così dire, Italiani, e seguita dall'indicazione dell'accento tonico (à= "a aperta - es: vànga"; ò="o aperta - es: còllo"; é="e chiusa - es: véro"; è= "e aperta - es: cèlla; e così via)

=

Pa á = Padre, papà
Paadisu í = Paradiso.
Paadui ú = Apparatore.
Paapetu é = Parapetto.
Paceca è = Fanghiglia.
Pachetu é = Pacchetto.
Pacia á = Mangiare con gusto, abbuffarsi.
Paciaa áa = Mangiata, abbuffata.
Pacialaci là = Fiori delle robinie.
Paciara = Fanghiglia.
Paciareta è = Fanghiglia di neve sciolta
Paciarotu ó = Cibo di poco valore. Intruglio alimentare
Paciaui ú = Approfittatore
Paciaven é = Beone
Pacificu cí = Pacifico.
Pacion ó = Mangione.
Pacis = Pace, pazienza (interiezione)
Paciugu ciü = Poltiglia.
Paciughentu ciü = Ridotto a poltiglia. 2) Appiccicoso
Paciuta tá = Mangiare di buona lena
Padela è = 1) Padella. 2) Macchia
Padelotu = Padellotto
Padela à = Macchiare
Padelaa áa = 1) Padellata. 2) Fig.: richiesta di fidanzamento respinta.
Padraba bá = Viziato, uno che si fa servire
Padren é = Padrino.
Padron ó = Padrone
Paduana duá = Padovana (gallina).
Pae é = Sembrare, parere
Paegia giá = Preparare, apparecchiare.
Paenti é = Parenti
Paeta é = Colino, scolarola.
Paeti é = Costole.
Paga gá = Pagare
Pagamentu é = Per di più, neanche farlo apposta. Usatissimo
Pagan án = Pagano. Senza fede.
Pagn á = 1) Panni 2) Vestiti, abiti.
Pagrandi à = Nonno
Pagu = Compenso. Da usare come: in pagu = in compenso.
Pagua ü = Paura.
Paguen üé = Piccolinoo. Usato a Sacconago.
Pai á = Pari, paia
Paia pá = Paglia.
Paiasciu iá = Pagliaccio.
Paieta é = Cappello a paglietta.
Paigi í = Parecchi.
Painagu ná = Curiosone.
Paio ö = Paiolo
Paion ó = Paglione, cumulo di paglia.
Paisan sá = Contadino, agricoltore
Paisanotu ó = Zoticone, rustico
Pala = Pala. Si intende strumento largo e piatto, da non confondere con Baén (badile)
Palanchen è = Leva di ferro a base triangolare.
Palancon ó = Grossa palanca, ossia un tipo di moneta di un tempo (palanca)
Palandrana drá = Palandrana. Abito o soprabito sgraziato.
Palaton ó = Ficcanaso, invadente.
Palche é = Parquet. Pavimento in legno. Anche parche é.
Palmerina = Bici da corsa.
Palpaa áa = Palpata, toccata. Sia sostantivo che aggettivo
Palpe é = Sost.: Casta
Palpea é = Palpebra. A Sacconago: parpea é.
Palpignana gná = Flanella.
Palpio ö = Sacchettino (usato per nascondere il denaro addosso)
Palta pá = Palta, fango.
Palto ó = Cappotto. Arcaico: pantu ú.
Palton = Paltone.
Paltrea é = Credenza (usata per attrezzi di cucina quotidiani)
Pampaluga ü = Donna alta e magra.
Pan = Pane. Arcaico: Pèn
Pan á = Panno.
Panascianà = Tela usata per coprire la ghiacciaia usata per conservare gli alimenti
Panaton ó = Panettone.
Panca Pà = Panca, panchina
Pancucu cücu = Acetosella.
Pan da feru è = Attrezzo usato per fare buchi
Pandan dà = Corrispondente, pendant. Evidente francesismo
Panea é = Madia per il pane.
Panel è = Mangime per il bestiame
Panetu = Fazzoletto/bandana
Pani í = Sporchissimo, tale da apparire "appannato"
Panigu í = Panìco
Panpossu ó = 1) Pane raffermo. 2) Fig.: (di persona). Lenta, svogliata, sornione.
Panpunzen é = Ciclamino
Pansceta è = Pancetta di maiale.
Panscia pá = Pancia, ventre
Pantalon ó = 1) Pantalone. Pl. pantaluni ú.2) Fig.: Colui che deve sempre pagare per tutti
Pantea é = Filare di viti.
Pantofula ó = Pantofola. Pl. pantoful ó.
Pantu ù = Cappotto. Vd.: palto ó
Panzaniga zá = 1) Racconto (in genere umoristico), favola. 2) Fandonia.
Paoa ö = Puerpera.
Paola ó = Parola. Sia nel senso stretto che nel senso di rispetto degli impegni (esser di parola)
Papa Pá = 1) Pappa dei bambini. 2) Il Papa.
Papatasi tá = 1) Pappatacio. 2) Fig.: Astuto, silenzioso ma efficace
Papen é = Il più anziano della corte. Da non confondere col Regiù
Papiti pí = 1) Soldati del Papa 2) Fig.: Volontari della Chiesa sempre appresso a preti e vescovi
Papuzu ú = Scarpone
Par = 1) Prep.: per 2) Verbo sembrare, III persona singolare presente: pare, sembra 3) Paia
Parascioi ö = Brividi di freddo.
Parche é = 1) Perché. 2) Parquet.
Parcontra ó = Contro. Di rimpetto, di fronte.
Parcua üá = Procurare.
Pardi à = Perdere. Part: Párzu
Pardisu! í = Interiezione (sarebbe: Per Dio !)
Pardón = Scusate. Permesso
Parduna ná = Perdonare. ! Scusate, permesso.
Parfina í = Perfino. In Mommina: par fena. Anche oggi qualche anziano usa questa forma.
Parla lá = Parlare.
Parlamentu é = Discorsoo colloquio interminabile.
Parniga gá (à) = Variegato, macchiettato (come l’uovo della pernice).
Paro ö = Imbozzimatore. Detto anche: paror ö.
Parpaia pá = 1) Farfalla. 2) Nodo a farfalla
Parpaioa ö = Antica monetina del valore di 10 quattrini milanesi.
Parsona ò = Persona.
Parsuadi suá = Persuadere.
Parsuasu ásu = Cornuto (conscio del proprio stato)
Partendi é = Pretendere.
Partentamenti mé = Tieni bene a mente !
Parti = Parte.
Parti í (ì) = 1) Partire. 2) Part.pass: Partito. 3) Sost.: Partito politico
Particula í = Ostia consacrata.
Particulai lá = Coltivatore diretto, proprietario del campo che lavora
Partipizzi pí = Perdizione
Partuca cá = Spettare, toccare (nel senso di avere in sorte)
Paruscia ü = Cinciallegra.
Parzipita tá = Precipitare, tribolare
Pasaea é = Voliera per uccelli
Pascenza é = Pazienza.
Pasche é = Sagrato
Pascheta è = Epifania
Pasi á = Pace.
Pasina ná = Rabbonire.
Pasmu á = Affanno
Pasqueta è = Epifania
Passa sá = 1) Passare. 2) Guarire
Passaatu aá = Cacciatore di uccelli con le reti.
Passadua ú = Passatoia.
Passadua ü = Incorsatura del pettine del telaio.
Passaea é = Voliera
Passaen é = Passerotto. Fig.: Bel bambino
Passaotu ó = Passero.
Passiga gá = Affrettarsi, lavorare o camminare di buona lena
Passion ó = Passione.
Passon ó = Grosso tronco usato per venir affondato nel terreno
Passu = 1) Passo. 2) Appassito 3) Ubriaco
Paste é = 1) Pastaio 2) Pandemonio, disordine.
Pastizza zá = Pasticciare.
Pastoca ó = Piatto a base di fagioli
Pastocu ó = Mortaio in legno da cucina.
Paston ó = Mangime per maiali e per i polli.
Pastran àn = Pastrano, mantellaccio.
Pastrugn ü = Miscuglio, intruglio, pasticcio.
Pastrugna ü..á = 1) Pasticciare. 2) Toccare dove non si deve
Pastua ü = Pastura.
Pastui ú, = Pastore
Pata = 1) Parità 2) Apertura anteriore dei pantaloni
Patacon ó = Patacca, oggetto di scarso valore.
Patafiaa áa = Discorso insulso, pettegolo o polemico.
Patan tá = Sempliciotto
Pataoncia ó = Finto povero: appare in miseria ma è ricco
Patatuchi = Fantaccini.
Patel è = Panno di tela usato per avvolgere il neonato. Successivamente: pannolino (moderno)
Patela è = Fondo della camicia
Paten é = Piccolino (vezzeggiativo)
Pateri è = Preghiere canoniche, in genere quelle antecedenti il sonno
Patí í = Patire
Patina í = Stoffa usata per evitare le scottature dalle pentole. Anche: stoffa usata per non macchiare il pavimento con scarpe sporche
Paton ó = Fondo dei pantaloni.
Patona ò = 1) salva letto per bimbi (da eventuali pipi notturne) 2) Tendaggio spesso utilizzato al posto delle porte 3) Castagnaccio (dolce di castagne)
Patron ó (ò) = Vd.: Padron
Patusciti üscí = Corredo per bambini.
Patusciu tü = Assorbente per donna.
Paucu paü = 1) Spinaccio selvatico. 2) Abulico.
Paulotu ó (o) = Religioso, attaccatissimo alla Chiesa. Spesso usato con senso non troppo benevolo.
Pe é = 1) Piede 2) Ceppo familiare
Pea á = 1) Pelare, sbucciare 2) Fig.: Portar via denari
Peaa áa = 1) Pelata 2) Grossa spesa mal gestita 3) Gran quantità (di freddo)
Peabrochi ó = Avaro, colui che tiene tutto per sé, specie negli affari
Peacu ü = Libellula (a Sacconago). A Busto: caaogi ö.
Peaon ó = Peperone. Pl. Peauni ú e peaon ó.
Peascia eà = Tipo di erba infestante, marzolina
Peca á = 1) V.: Peccare 2) Sost.: Peccato
Peca é = 1) Difetto. 2) Astio.
Pecen pé = Pettine
Pecena á = Pettinare. Anche figurato: dare una lezione o una fregatura
Pecenadua ú = Pettinatrice, parrucchiera
Pecenu ù = Aggiusta pettini
Peciu é = Mammella (in genere riferito ad animali)
Pedagn á = Sottana, gonna
Pedana dà = Impronta, orma.
Pedar = Pietro
Pedarsen sé = 1) Prezzemolo. 2) Fig.: Adolescente. A Sacconago: Predensén
Pedela dè = Zoppo
Pedigu è = Pedante, pignolo.
Pedina í = Furbo, calcolatore, intraprendente, introdotto.
Pedoca ó = Lento, meticoloso.
Pedulzi ú = Piedipiatti
Pegiu é = Peggio. Anche pesgiu é.
Pegn è = Pegno.
Pegnaa áa = Colpo, pugno, botta.
Pel è = Pelle
Pelanda lá = Donnaccia, svogliata
Pelandron ó = 1) Alto e sgraziato 2) Perditempo.
Pelegren én = 1) Pellegrino. Arcaico: piligren è. 2) Fig.: Che vale poco
Peluga ü = Corteccia del gelso.
Pelucu lü = Fiocco dei pioppi.
Peluia = Arruffata.
Peluia = 1) Monellaccia 2) Sgualdrina.
Peluia ú = Peluria
Pemacu á = Macaco.
Pen é = 1) Pino 2) Diminutivo di Giuseppe (Pino) 3) Il più anziano delal Corte (Ul pà Pen)
Pena è = 1) Penna (di uccello) 2) Penna (da scrivere) 3) Pena (far pena) 4) Pena (punizione). 5) Appena
Pena à = Penare
Penagiu = Pennacchio
Pendizzi dí = 1) Impegni, obblighi, ipoteche. 2) Decime, tributi 3) Fastidi, rogne
Penel èl = Pennello.
Pengi é = 1) Pingere, spremere l'uva 2) Dipingere, colorare. 3) Anche: colorarsi
Pensa á = Pensare.
Pentera tè = Piedi nudi, scalzi
Pepatencia té = E' un gioco con le carte.
Pentegite í = Appendicite.
Penten té = Piccola pinta. Anche: Pintén
Per é = Pero. Vd.: Péu
Percuten én = Infiammazione dell’alluce valgo.
Perdabal bál = Insignificante, buono a nulla, perdigiorno
Perdape pé = Cencioso
Perdascie ié = Basso e grasso, tarchiatissimo.
Perde é = Sacca anale del pollo. Si usa anche figurato nel senso di ano.
Perdi è = Perdere. Vd. Pardi
Pernisa í = Pernice. A Sacconago e verso la Verónca: parnisa í.
Persiana siá = Persiana (imposta delle finestre).
Persigu è = Pesco (pianta e frutto)
Persigu è duasu á = Pesca-noce.
Pertega á = Perticare, ossia battere con la pertica.
Pertegon ó = Alto come una pertica.
Pertiga = Pertica. Sia unità di misura che lungo bastone
Pesa é = 1) Pesa 2) Pece.
Pesciaa áa = Pedata, calcio
Pescio ö = Piede, zampa di maiale o di vitello.
Pessatu á = Pescivendolo
Pessu è = Pesce
Pesta á = Pestare
Pesti é = 1) Peste 2) Fig.: marmocchio indisciplinato
Peston ó = Vd.: Piston
Pestunen én = Vd.: Pistunen
Pesu é = Peso
Pessu è = Pesce.
Petan è = Pettine per capelli. Arcaico: pecen pè (v.).
Petascio ö = 1) Erba (Hipocaris radicata) 2) Vezzeggiativo per bimbo. Anche Patascio ö
Petecuana àna = Pettegola
Petenaa áa = 1) Pettinata 2) Sconfitta 3) Spesa onerosa
Petinadua úa = Parrucchiera. Vd. Picinata
Petitu ì = Appetito, voglia.
Petu è = Peto, aria dal ventre
Pètu-da-lú = Fungo vescione (Vescia).
Peu é = 1) Pelo 2) Pero 3) Pepe (A Sacconago)
Peu da tera tè = Topinambur.
Peuchen ü..é = Piantaggine
Peusa ù = 1) Sost: Capigliatura 2) Agg.: Pelosa
Pevar é = Pepe. Vd. Peu
Pevar da có = Forfora
Pezza é = 1) Pezza (di tessuto). 2) Toppa per rimediare ai buchi del tessuto
Pezzo ö = 1) Pezzuola 2) Getto di malta sul muro
Pian á = 1) Piano, adagio 2) Piano (di palazzo)
Piana iá = Campagna piana, terreno.
Pianetu è = 1) Pianeta 2) Oroscopo
Piangi á = Piangere. Arcaico: piengi é.
Pianta á = 1) Piantare. 2) Smettere. Arcaico: Pientá
Pianta Pià = Pianta, albero
Piantaburdel è = Provocatore di litigi.
Piantagrebui ü = Piantagarbugli.
Piantapastizzi ìzzi = Piantaguai
Pianton ó = Piantone, grosso albero
Piase é = Piacere. Anche piese sé.
Piate é = Chincagliere. A Sacconago: piatale é.
Piatu = Piatto.
Piazza iá = 1) Piazza. 2) Calvizie. Arcaico: pièzza.
Pica á = 1) Picchiare. 2) Battere
Picaprei é = Spaccapietre
Picasciochi ó = Picchio.
Piceten tén = 1 Scricciolo. 2) Fig: Piccolino (vezzeggiativo)
Piciarlen é = Pisellino (vezzeggiativo del pene maschile)
Picina á = Pettinare Vedi pecena á.
Picinata ná = Pettinatrice.
Picinatu á = Produttore di pettini, anche per tessitura
Picineta è = Pettinino a denti stretti
Piciu pí = Pivello, ingenuo, sciocco.
Piciurlana lá = Uvaggio dal quale si ricavava un vino leggero, tipo 'strasciapata'
Picon ó = Piccone.
Picondria ó = 1) Cordoglio 2) Spossatezza, fastidio generalizzato
Picu ú = Battente della porta.
Picul ú = Cugno.
Picula í = Porzione di cibo
Pidio ö = 1) Falcetto. 2) Coltello ricurvo per gli innesti
Pídria pí = Muso lungo
Pidrio ö = Imbuto. A Borsano si usa: curnasel è
Pidriotu ó = Grosso imbuto (per travasi voluminosi).
Pien é = Pieno.
Pienta á = Piantare. Smettere. Vedi pianta á.
Pigna í = Mucchio, materiale impignato. Vd. Méda.
Piezza è = Piazza (Vd.: Piazza)
Pignata gná = Pignatta.
Pignio ö = Pinolo.
Pigno ö = 1) Pignolo. 2) Nome di un gioco
Pigota ó = Bambola di stracci. Vd.: pipoa ö.
Pilatu á = Pilato, che si lava le mani.
Piluca ücá = 1) Piluccare, mangiare prendendo un po qua e un po là. 2) Pelare, una piuma la volta
Pimpirimerla è = Pippirimerlo ! Esclamazione canzonatoria
Pinisei è = Residui di filatura.
Pinula í = Pillola.
Pioda ò = 1) Pietra o lastra di granito. 2) Trappola per topi.
Piogiu ö = 1) Pidocchio 2) Tircho, avaro
Piogn ö = Per ciascuno
Pioi ö = Piovere
Pion ó = Piccione, -i. Usato anche: puion üió.
Piona ò = Pialla
Pipaquana = Ipecacuana, sciroppo a base di poligala, benzoato, saliciato e anisato di potassio.
Pipistrel è = Mantellina maschile a mezzo busto. Per 'pipistrello', vd: tegnoa
Pipo ö = A sacconago: Capezzolo
Pipoa ö = Bambola di straccio. Vd.: pigota ó.
Pippilimerlu! = Vd.: Pimpirimerla è
Pirlamucu mú = Trottola spuntata (in senso figurato).
Pirota ó = 1) Mortaio di legno. 2) A Sacconago: pentola in coccio
Piruleta è = Capriola.
Piscinen é = Piccolo. Piccolino.
Piscu ú = Pescatore. Moderno: Pescadùi
Pisocu ó = Sonnolenza.
Pispulen é = Pidocchio dei polli. Anche: piögiu pulén.
Pissa á = Orinare.
Pissagugi ü = Avaro all’ennesima potenza, che trattiene e spande con rincrescimento l’orina a filo d’ago. (Carlo Azimonti)
Pissimpressa è = Frettoloso, impaziente.
Pissio ö = Rubinetto con poca portata
Pissota ò = Salvaletto. Vd.: Patona
Pistola ó = 1) Sciocco, stupidotto. 2) Moderno: Pistola
Piston ó = Bottiglia, bottiglione, contenitore di buona capienza, spesso per vino
Pistunen é = Bottiglietta.
Pisuca á = Sonnecchiare.
Pisunantia ná = Inquilino.
Pita í = Chioccia.
Pitana! = Caspita!
Pitanza tá = Pietanza.
Pittima pì = 1) Pittima, persona assillante 2) Spilorcio, usuraio
Pitocu ó = Avaro, spilorcio, che si comporta da povero ma non lo è.
Pitua ü = Pittura. Vernice. Arcaico: piciua ü.
Piudela è = Cubetto di porfido.
Piugiatu á = L'avaro.
Piuisna ìs = Acquerugiola, pioviggine. Al piuísna: piovvigina.
Piuisna á = Piovigginare
Piuscen é = Piccioncino. A Sacconago: puuscen üü. Anche Pïunén
Piva = 1) Cornamusa 2) Musone
Pizza á = 1) Accendere 2) Istigare
Pizzacandii íi = Asta per accendere le candele degli altari.
Pizziga á = Prudere.
Piziga zì- muniga ì = Castigatore, impostore
Pizzigamurson ó = Seccatore
Pizzighen é = Pizzico. Meglio: Presen è o Zichen è
Pizzon ó = 1) Ciuffo 2) Sporgenza irregolare 3) Reliquato
Plusciu lü = Pelouche.
Po ö = Dopo.
Po ó = Poco, po'
Poanima oá = 1) Il defunto 2) Fig.: Poveraccio, sfortunato 3) Fantasma
Pocu ó = Poco
Podisna á = Pomeriggio. Preferibile però: bassua ú.
Polas ò = Pollice. A Sacconago dion ó.
Pom ó = 1) Mela 2) Melo
Pomgrana ná = Melograno. Melagrana.
Pomparii íi = Pompa, esibizione di lusso
Ponta ó = Punta. Attacco di pleurite.
Ponti = 1) Ponte 2) Punti 3) Articoli
Pontu ó = Punto.
Popelen lé = Popeline (tipo di stoffa).
Portasibi sí = Portasubbi.
Portugal à = Arancio. A Sacconago: partugal á.
Poru ó = Poro
Posciandra iá = Piatto fatto di rimasugli o di ritagli di carne.
Posduman á = Dopodomani.
Possu ó = 1) Raffermo. 2) Fiacco
Postu ó = 1) Posto 2) Cliente abituali.
Posu ö = Riposo.
Pota ó = Personaggio popolare. In genere spregiativo
Pou ó = Povero. Anche (ma meno corretto): Poar
Pra á = 1) Spiazzo 2) Prato
Prea è = 1) Pietra, mattone. 2) Basamento del camino
Picaprei è = Scalpellino
Prafondu ó = Vd.: Prefondu
Prafossi ó. = Vd.: Prefossi
Pransepi è = Presepe. A Borsano e Sacconago
Prason ó = Prigione. Vd.: Preson
Precotu ó = Pane mal riuscito.
Predi é = 1) Prete 2) Scaldino per il letto con intelaiatura in legno
Prediga è = Predica.
Preedi eé = Prevedere.
Prefondu ó = 1) sost.: Voragine, profondità 2) Agg.: Profondo
Prefossi ó = Sotterranei, caverne.
Prelatu á = Sapientone.
Premuegn üé = Premuroso
Prensepi sè = Presepe. A Borsano: A Sacconago: pransepiu è.
Prenzipi zí = Principio.
Preostu ó = Prevosto.
Preponi ó = Proporre.
Preponta ó = Trapunta imbottita
Prescim í = Crosta lattea dei bambini.
Presempi é = Per esempio. A Borsano e Sacconago: prasempiu.
Presen sé = Pizzico.
Preson ó = Prigione. Vd.: prason ó
Pressa è = Premura, fretta
Prestine é = Prestinaio.
Prestu é = Presto.
Pretua ü = Pretura (istituzione giudiziaria oggi abolita)
Prezzu é = Prezzo.
Primaea é = Primavera.
Primioa ö = Primipara.
Prinaa áa = Brinata.
Privu í = Uomo senza un soldo.
Proa ö = Prova.
Progu ö = Al fianco. Usato nella forma: da prögu.
Proma ö = Prima.
Prosa ö = Aiuola dell’orto.
Prua á = Provare.
Prucentu é = Procinto (in).
Prudenti é = Prudente.
Pruedi é = 1) Provvedere 2) Approvvigionarsi 3) Far la spesa
Pruerbiu è = Proverbio
Pruina í = Brina.
Pruisoi ò = Provvisorio.
Pruma ü. = Prima. Usato a Sacconago
Prumeti é = Promettere.
Prunosta ò = Influenza. Usato a Borsano.
Prusma ü..á = Sospettare.
Pu ü = Più
Puaetu é = Poveretto, povero
Puanca ü = 1) Pur anche, pure 2) Piuttosto, abbastanza
Puas ü = Pulce. Moderno: püras.
Puasen é = Pulcino,-i. A Sacconago, anche: bilo ö
Pubia ú = Pioppo
Puchetu é = 1) Scarso, insufficiente. 2) Mingherlino
Pucia ú = Bagniffa.
Puciasca üciá = Perbacco
Puda á = Potare. Vd.: gaba á, tagliare lasciando solo il tronco; mucia á, tagliare la parte morente; scima á, tagliare la cima; srai í, sfoltire i rami.
Pude é = Potere.
Puel üè = Giovane, pivello, inesperto
Pufatu á = Malpagatore, chi fa debiti con l’intenzione di non pagarli.
Pugio ö = Balcone, poggiolo.
Pui ü = 1) Pure. 2) Polli.
Puian á = Uccello rapace
Puida üí = Malattia della lingua dei polli. Che püída! Che uomo fastidioso!
Puidi üí = Pepite (infiammazione attorno alle unghie).
Puion ü = Piccione, piccioni
Puisna ü..á = Prudere.
Pula ú = Tacchina.
Pulachi á = Stivaletto a punta tutto allacciato.
Pulastar á = 1) Pollastro. 2) Ingenuo
Pulbra ú = Polvere.
Pule é = Pollaio
Pulenta é = Polenta.
Pulentatu á = Venditore di polenta.
Pulidu í = Bene, in modo accurato, ben fatto
Pulio ö = Pollivendolo.
Pulinea é = Padella ovale di rame per gli arrosti
Pulmon ó = Polmone.
Pulon ó = Tacchino.
Pulpeta é = Polpetta.
Pulpia í = Velo di panna che si forma sul latte bollito.
Pulsu = Polso.
Pulti ú = Piatto antico, molto povero. Sorta di minestra densa composta da diversi alimenti poveri.
Pultrona ò = Poltrona.
Puncia á = Spingere
Puncio ö = Acino,-i.
Punda á = Appoggiare
Pundatera è = Patate. A Sacconago: pundatara tá.
Punta á = 1) Puntare. 2) Pizzicare di guasto (di alimento).
Puntell = 1) Sostegno. 2) Appuntamento galante
Pupola ó = Bambola. Arcaico pipoa ö.
Purga ü = 1) Purga. 2) Preparazione del tessuto prima del candeggio.
Purgatoi ü..ó = Purgatorio.
Pursciel è = Porcello. Maiale.
Purta á = Portare.
Purtaghetu é = 1) Portichetto. 2) Curiosone che si nasconde per origliare
Purton ó = Portone.
Purtugai tügà = Grosse arance.
Pusa á = Compassato.
Pusca ú = Piatto tipico bustocco, a base di pane vecchio, cipolla, aglio, lardo e formaggio.
Pusduman á = Posdomani. Dopodomani.
Pusse ü..é = Di più. Assai. Anche: pisse é
Puste é = Pizzicagnolo.
Pusi = Riposo
Pusu = Vicino, a ripari
Pustostu ütó = Piuttosto.
Puusi üü = Le pulci
Puzza ü = Puzzola.
Puzzu pú = Pozzo.