Dizionario Bustocco - Italiano

by www.bustocco.com
Con l'ausilio preziosissimo di Angelo Crespi
Istruzioni: La parola in Bustocco viene riportata in caratteri, per così dire, Italiani, e seguita dall'indicazione dell'accento tonico (à= "a aperta - es: vànga"; ò="o aperta - es: còllo"; é="e chiusa - es: véro"; è= "e aperta - es: cèlla; e così via)

=

Raa = Rapa. A raa e a faa: la rava e la fava. L’è tème daghi ‘na raa a ‘n bö: è come dare una rapa ad un bue (come dare le perle ai porci).
Raaton ó = Ravizzone. Anche: raeton ó.
Rabambi í = Rimbambito.
Rabaton ó = Ridosso, calura del sole cocente.
Rabel è = Baccano. Disordine. Vd.: birabura ú.
Rabela-su lá sü = Arrangiare, mettere insieme alla meglio.
Rabelotu ó = Confusione.
Rabia rá = Rabbia. Per arrabbiarsi: ciapà rabia
Rabia iá = Arrabbiato
Rabiea é, = Barbabietola. Plurale: Rabiéi.
Rabiezzi è = Attacchi di rabbia, nervosismo.
Rabotu ó = Incompetente, irrazionale nel lavoro. Usato come sostantivo
Rabuca cá = Rabboccare, sistemare le pareti con cemento, pietre e/o pezzi di mattoni.
Rabucu bú = Sbocco della strada.
Rabui ü = Lisciva per il bucato. Vd. Anche: lisciva í.
Rabusel üsè = 1) Spioncino. 2) Botola (in genere: del solaio)
Raburgna gná = Creazione di un’escrescenza dopo una ferita o potatura, su un ramo. (v. borgna).
Rabuta tá = Cavillare.
Rabuta-su á sü = Raffazzonare.
Racasci cà = Gemmatura alla base di piante, radici o verdure tagliate.
Racascia iá = Rispuntare (riferito ai vegetali).
Racula ülá = Rinculare.
Radega á = Occupato, impegnato, assillato.
Radi í = 1) Ridire. 2) Scontare, far pagare
Radisa í = Radice.
Radiseta è = Sorgente.
Radossu ó = Ridosso.
Radrizzu í (iz) = Marachella
Raeton ó = Ravizzone (Da cui si ricavava un olio commestibile)
Rafa fá = Rifare, risistemare (riferito al lavoro a maglia)
Rafuda üdá = Rifiutare.
Rafudu fü = Rifiuto
Ragia iá = 1) Ragliare 2) Fig.: Piangere sguaiatamente
Ragn = Ragno,-i.
Ragnea é = Ragnatela.
Ragiu á = 1) Raggio. 2) Miracolo (cosa eccezionale)
Ragiu ú = Capofamiglia di un tempo. Meglio: regiu ú
Ragnea è, -ìì = Ragnatela, -le.
Ragoi ö = 1) V.:Raccogliere Vd anche: ragua üá. 2) Sost: Raccolto
Ragondu ó = Rotondo. Anche: regondo gó
Ragula ülá = 1) Regolare. 2) Dare il pasto
Ragulassi ü = Regolarsi.
Ragulza zá = Rincalzare le piante con la terra. Anche: regulza á
Ragunden é = Bastone.
Ragurda dá = Ricordare. Anche regurda á.
Ramaa áa = Reticolato. Ramata. Cinta in ferro.
Ramagiu má = 1) Re magio 2) Fig.: comparsa, uomo da poco
Ramasgiu má = Ramaggio: disegno di damascato imitante l’intreccio dei rami.
Ramea é = Lamiera. Oggi spesso: Lamea é
Ramediu é = Cura, medicamento, medicina, rimedio per le malattie.
Ramenaa áa = Ripassata di schiaffi o pugni.
Ramersa sá = Sotterrare vegetali per compostarli come concime.
Rameti é = Rimettere. Perdonare.
Ramiga á = Ruminare.
Ramina í = Gavetta (per il cibo)
Ramissel è = Gomitolo. Anche missel è.
Ramondua ü = Avanzi di cibo, o scarti di lavorazione nella macellazione. Anche: Remundua ü
Ramosa ö = Rameuse, macchina per asciugare e apprettare i tessuti.
Rampa Rà = 1) Salita, scivolo.
Rampega gá = Arrampicarsi. Inerpicarsi.
Rampen é = Rampino, uncino
Rampinea eá = Attrezzo con attaccati tanti rampini.
Ramulaa áa = Disgelo. Anche remulaa áa.
Ramulazzu = Ravanello bianco.
Ramunta tá = 1) V.: Rimpannucciare. Avvoltolare. 2) Part.: Rimpannucciato. Avvoltolato.
Rana = Rana.
Ranca cá = Afferrare, prendere al volo.
Randeghen én = Pizzicore in gola.
Ranfu á = Intorpidimento (dei muscoli, specie a cusa di cattiva circolazione).
Rangia iá = Accomodare, arrangiare, sistemare. Mettere le cose a posto.
Rangia rà = Ranger, guardia ecologica.
Rangias Rà = Arrangiati !
Rangugna gná = Brontolare. Anche: brangugna á.
Rangugnai ái = Brontolamenti.
Rangutan tán = Grande e imbecille. (Orangotango)
Raniscio ö = Anellone.
Ranscen é = Raschietto a lama triangolare a bordi molati per effettuare piccoli lavori artigianali.
Ransci í = irrancidire.
Ranscion ó = Malato cronico
Ransciu = Rancido.
Ranta = Putrida.
Rantaghen é = Pizzico in gola.
Rantagna gná = Rauco, catarroso. Anche rantegna á.
Rantega gá = Ansare, ansimare
Rantena ná = Angolo morto di un terreno, di una superficie.
Ranza = Falce (per mietere)
Ranza zá = Tagliare o tirare a zero.
Ranzai ái = 1) Tagli di falce. 2) Spiccioli
Ranzatera è = Rasoterra.
Ranzon ó = Persona con conformazione fisica particolare: gambe corte e ad arco, che lo rendono col sedere basso (ossia che 'ranza' il terreno).
Ranzu = Raso, pieno fino all’orlo.
Rapega é = 1) Erpice. 2) Fig.: Donna ossuta e pungente
Rapianta tá = Ripiantare.
Rapotu ó = Rammendo approssimativo.
Raquata tá = 1) Ricoprire. 2) Coprire la femmina di un animale.
Rascata tá = 1) Raccattare. 2) Accantonare, mettere da parte.
Rasenta tá = 1) V.: Risciacquare. 2) Part.:Risciacquato
Rasguarda dá = Aver riguardo
Rasi á = Tralci di vite.
Rason ó = Ragione.
Rasspurscel é = Porcospino, riccio. Vd.: Risspurscell
Raspa Rá = 1) Limatura (di legno). 2) Erba Orcella (usata per tintura porpora).
Raspen é = Raspino. Vd. Randeghén
Raspiu Rá = Spatola per pulire l’aratro. Vd.: ghia ïá.
Raspondi = Rispondere.
Raspusciu pü = 1) Rimasuglio, avanzo. Usato in genere al plurale 2) Fig.: Magro, malandato.
Rassega gá = Segare.
Rassega sé = Sega.
Rassegusciu gü = Segatura.
Rassu ú = Arcobaleno.
Rastagn tá = Foruncolo sanguigno. Anche: ristagn á.
Rastel è = 1) Rastrello. 2) Cancello (che conduceva dalla casa all'orto)
Rasu Rá = 1) Raso (tipo di tessuto). 2) Ubriaco fradicio.
Rasu ú = Rasoio.
Ratatuia ú = Mescolanza. Riferito a insieme di ritagli.
Ratea é = Topaia.
Ratela lá = 1) Brontolare 2) Attaccar briga
Raten én = Letteralmente: topolino. Ma si intende: Bambino (vezzeggiativo)
Ratu = Topo. Si usavano molte varianti: Ratu da curmègna: topo da solaio. Vd. murigio ü e tuisti uí
Ratu tapon ón = Talpa
Raurtisi tí = Luppolo
Raustu aú (u) = 1) Ferragosto 2) Scampagnata di ferragosto
Ravaegn é = Cardellino. A Sacconago: raaen é.
Ravanel è = Ravanello. Anche raanel è.
Ravanga gá = Rivangare (riferito a fatti del passato)
Raversei éi = Rovescio di pioggia con vento forte.
Raverzu = Cavolo rapa.
Ravio ö, -öi = Raviolo,-i.
Ravisciu ví = Morbillo. Arcaico: raisciu aí.
Razza = Razza, stirpe.
Re é = Ré.
Reali á = Antico appellativo per Carabinieri.
Rebufetu fé = Raffica di vento.
Redan é = 1) Redini. 2) Reti.
Redi é = Reti.
Redita á = 1) V.: Ereditare 2) Sost.: Eredità
Reficiu ú = Subaffittante.
Refu è = Filo. Da intendersi filo tessile.
Regal á = Regalo.
Regata gá = Gara.
Regia é = Nastro di metallo per chiudere le casse.
Registar í = Registro.
Regiu ú = Capo famiglia. Vd.: Ragiu
Regondu = Rotondo. In senso figurato: satollo, alticcio.
Regul = Mestruazioni.
Regulza á = 1) Rincalzare una pianta di terriccio 2) Sollevare il pantalone o la veste (per non imbrattarla).
Regunzoa ö = Gorgonzola.
Regurda á = Ricordare. Anche raguarda á
Rela è = Crisi, penuria.
Religion ó = Religione.
Relilotu ó = Mezzo tonto.
Relogiu ó = Orologio.
Remission ó = Compassione. Pietà.
Remula á = Disgelare
Remulaa áa = Vd.: Ramulaa áa
Remundizzi dí = Immondizie
Remundua dü = Vd: Ramundua
Remunta á = Vd.:ramunta á
Requia á = Calmare.
Requis í = Mezzo morto.
Resca é = Lisca di pesce
Reschio ö = Pula del frumento.
Rescundon ó = Sotterfugio. Nascosto. Anche riscundon ó.
Resiga á = Arrischiare. Anche risiga á.
Ressiga é = Sega.
Reussi ü..í = Riuscire. Anche : riessi sí.
Rezzita á = Recitare.
Ri í = 1) Rigagnolo. 2) Rile (torrente omonimo)
Ria í = Striscia (di bosco, di campo). Usato a Borsano.
Ria á = Riale
Ria á = Arrivare.
Riana iá = 1) Rivolo (di pioggia). 2) Alone (da macchia).
Riana ná = Rigato (da intendersi come difetto).
Ribaten é = 1) Rimbalzo. 2) Ripetizione. Arcaico: rabaten é.
Ricalcaa áa = Caduta sul tallone
Riceu ü = Ricevuto. Vd.: Rizéi
Ricou ó = Ricovero (casa di riposo).
Ricreazion ó = 1) sbornia 2) ricreazione (moderno)
Ridaela é = Risata incontenibile.
Ridi Rí = Ridere.
Rifigna á = 1) Repellere. Storcere (il naso, la bocca). 2) Rifilare (qualcosa a qualcuno).
Riguardu á = Riguardo, attenzione. Delicatezza. Anche risguardu á.
Rigul í = Boccino.
Rigula ülá = 1) Regolato. 2) Sazio. Vd.: ragula ülá.
Rigulizzia lí = Liquirizia. A Sacconago: ul ligulízzi.
Rimia á = 1) Rimirare 2) Specchiare
Rimiaa áa = Spioncino
Rimio ö = Speccchio (A Sacconago)
Rimiu ú = Specchio.
Rincagna gná = Appiattito.
Ripicula á = 1) Rafforzare (riferito a opere manuali), correggere, rifinire, sistemare.
Riscia á = Rischiare.
Riscia ïá = 1) V.:Arricciare, arruffare, raggrinzire. 2) Agg.: arricciato, raggrinzito.
Riscion ïó = Fannullone, mollaccione.
Risciossu ïó = Tanfo, puzza insopportabile e nauseabonda. Indice di uno sporco inimmaginabile.
Rísciu rí = Rischio
Risi rí = Riso. Anche: Risu.
Risina sí = Riso per mangime.
Risia ía = Lite, zuffa. Anche: Risiaa áa
Risia á = Litigare.
Risiaa áa = Lite, litigio
Risotu ó = Risotto.
Rispundenti é = Disobbediente, sfacciato, indisciplinato. Indeclinabile
Rissibiaa áa = Difetto di tessuto.
Risspurscel é = Porcospino, riccio. Ma si usa anche: Rasspurscell, e Russpurscell.
Risu = Riso. Vd.: Risi
Ritentiva tí = Intelletto, buon senso, raziocinio.
Ritia ïá = Ritirare.
Riulta á = Rivoltare.
Riversa è = Rovescio, contrario.
Rizei é = Ricevere. Participio passato: Riceu ü (ricevuto).
Rizulen é = 1) Agg.: Ricciolino, riccioluto. 2) Soprannome Bustocco
Rizza á: = Lastricare (con pietre).
Rizzaa áa = Acciottolato, pavimentazione stradale fatta di ciotoli
Rizzaditi dí = Selciatori
Rizzentu é = Frizzante.
Rizzeta è = Ricetta.
Rizzu í = Sost.: Ricciolo.
Roa ö = 1) Ruota 2) Scroccone
Roba ò = Roba. Anche nel senso di lavori, mestieri
Robu ò = Riferito a persona: originale, intrattabile.
Rocul ó = Roccolo. Capannello (di persone)
Rogna ò = 1) Sfortuna. 2) Recriminazione. 3) Scabbia (o comunque malanno epidermico in genere) 4) Guaio
Rol ó = Adunata sediziosa
Rompi = Rompere.
Rondana ó = Rondine. Plurale. I rondan ó.
Rongia ó = Roggia.
Rosa ö = Rosa.
Rosciu ö = 1) Tralcio di frutti (in genere grappoli d'uva) 2) Groviglio, moltitudine (di cose, di persone)
Rostu ó = 1) Arrosto. 2) Detto di persona: Diffidente, complicato.
Rusti í = Arrostire
Rotu ö = Rutto.
Ruaa áa = Bevuta di vino collettiva dalla medesima scodella
Ruana ána = Solco. Si riferisce al solco impresso dalle ruote sui sentieri o le strade. Vd.: Caegiàa
Ruba á = Rubare.
Rubeten = Robettina, cosettina.
Rubina übí = Robinia. Fiori di robinia: a Sacconago cipiribi bí; a Busto: pacialaci lá
Rubio ö = Piccola cosa.
Ruca = Rocca (per filare).
Rudia üdí = Risentimento, nervosismo.
Rudia á = Innervosire, annoiare.
Rudion òn = Seccatore.
Rudea üdé = 1) Letamaio, fossa del letame. 2) Fig.: Casa decadente
Rudu rü = Letame.
Ruedan é = Roveto, sterpaglie.
Ruedi é = Rovi
Rufa = 1) Forfora. 2) Polvere di legno.
Rufian á = Ruffiano, adulatore
Ruga = Rovere. Anche: rugra ú.
Ruga ügá = 1) Scocciare, infastidire 2) Rovistare, frugare.
Rugaeta è = Roverella
Rugaperde ü.dé = Scocciatore
Rugata ü.tá = Vd.: Ruga ügá
Rugaton ü..ó = Abile cercatore
Rugheta è = 1) Strettoia 2) Vicolo
Rugin ü = Ruggine.
Ruginenti = Scavezzacollo.
Rugnon ó = Rognone, rene dell’animale. Ormone. Ormoni.
Ruina üí = Rovina.
Runfa á = Russare.
Runfadui dúi = Russatore
Rungio ö = Scolo di Acqua
Rusaa áa = Rugiada. Vd.: Druigia üí
Rusai á = Rosario.
Rusca = 1) Forfora. 2) Polvere di farina o formaggio
Rusciaa ü..áa = 1) Acquazzone, scroscio. 2) Moltitudine in movimento
Ruscetu è = Chiffon usato negli abiti femminili eleganti.
Ruscio ü..ö = Bardana.
Ruseti è = Cespo dei papaveri.
Rusgna ü..á = Rosicchiare.
Ruspa ü..á = Raccogliere il rimasuglio di cibo dal fondo del piatto o della pentola.
Ruspeta ü..é = Attrezzo usato per pulire contenitori usati per l'impasto
Russigno ü..ö = Usignolo. A Sacconago: lissigno ö.
Russu = Rosso.
Russum üm = Tuorlo d’uovo.
Russumaa sümáa = Sbattuta di tuorlo d'uovo con zucchero e marsala
Rusti í = Arrostire. Vedi rostu ó.
Rustiga ü..á = Trattar male.
Rustigon ü..ó = Zotico, scortese, non educato
Rustisciana sciá = Piatto tipico bustocco a base di cipolle, lombo e salsiccia.
Rustissu Rü = Soffritto di olio e cipolla
Ruta á = Rompere, stritolare (con i denti).
Rutam à = Rottame
Rutamatu má = Demolitore, raccoglitore di rottami
Rutu = Rotto
Ruza üzá = 1) Pulire sommariamente 2) Urtare.
Ruzassi üzá: = Spintonarsi.
Ruzela è = Carrucola.
Ruzza ú = 1) Ronzino 2) Vecchia baldracca.