Dizionario Bustocco - Italiano

by www.bustocco.com
Con l'ausilio preziosissimo di Angelo Crespi
Istruzioni: La parola in Bustocco viene riportata in caratteri, per così dire, Italiani, e seguita dall'indicazione dell'accento tonico (à= "a aperta - es: vànga"; ò="o aperta - es: còllo"; é="e chiusa - es: véro"; è= "e aperta - es: cèlla; e così via)

=

Ta = Ti. Ta disu mén?: usatissimo modo di dire che significa “ma dico io?! ma si può?!”.
Taa, tal, tai = Usati nell’espressione: taa chi í, tal chi í, tai chi í, la á ecc.:
eccola, eccolo, eccoli qui, eccoli lá ecc. =
Tabaca cá = Sgusciare via per non compromettersi. Sfuggire.
Tabache é = Tabaccaio.
Tabacu á: = Tabacco.
Tabaru bá = Tabarro, mantello.
Tabi = Bucce fresche dei piselli. Quelle secche erano gli sgurbi.
Taca cá = Attaccare. Aggiungere. Cominciare. Tacá föa: affiggere.
Tacabrega é = Attaccabrighe.
Tacabuton ó = Attaccabottoni, persona logorroica.
Tacapagn pá = Attaccapanni. Fig.: persona magrissima
Tacassi = Attaccarsi.
Taca-su ü = Avaro. Vd. anche: piugiatu á.
Ta chi í = Guarda, ecco qui. Vedi taa.
Tacuen é = Taccuino.
Taculon ó = Zoccoloni grezzi, usati per lavori di stalla
Taela è = Aborto. E. Crespi da: un uovo incompiuto di gallina senza guscio.
Tafanari ná = Sedere grosso.
Tafiaa áa = Effluvio maleodorante. Vedi tofa ó.
Tagascia gá = Fiocine
Tai á = Taglio.
Taia iá = V.: Tagliare; Agg: furbo,
Taiapiogi ö = Tagliapidocchi. Pignolissimo.
Talbua uá = Intorbidire.. Rimescolare Anche: intalbua uá e tolbua á.
Talbuamentu é = Brontolio soffocato e compresso. Spesso riferito al ventre
Talian án = Italiano. In genere è dispregiativo
Talon ó = Pezzo di grana, di lardo, di pancetta.
Tambarlan lá = Ignorante e lazzarone.
Tamberla è = Ignorantone.
Tampesta è = Tempesta
Tampina ná = Seguire per controllare, per scoprire ecc.
Tana! = Esclamazione di consenso, che significa: non c’è che dire; è giusto, è naturale, è logico.
Tanci = Tanti. Attualmente si sente: Tanti
Tandocu ó = Persona abulica e insignificante.
Tanfugna gná = Rovistare.
Tantu = Tanto.
Tantugna gná = Brontolare.
Tantugnon ó = Brontolone.
Tapa = Duro di comprendonio. Gonzo.
Tapaela è = 1) Tapparella. 2) Zoccoletta.
Tapascia iá = Camminare solleciti.
Tape é = Tappeto.
Tapela è = 1) Assicella del tagliere. 2) Pettegola. Anche al maschile: pettegolo, chiacchierone.
Tapela lá = Tagliuzzare.
Tapezze zé = Tappezziere.
Tapon ó = Talpa. In senso fig. duro di comprendonio, sordo. Vedi tapa.
Taquala ála = Tal quale. Taquála ch’a l’è: così com’è.
Tara = Tara.
Tardi = Tardi.
Tardia iá = Ritardare.
Tardion ó = Tiratardi. Ritardatario.
Tardiu ï = Tardivo.
Tarel è = Randello.
Taren é = Terreno coltivo.
Tarlisu í = Traliccio. (cioè a tre licci), tela per materassi. Maschera del Carnevale di Busto.
Tarlucu lü = Duro di comprendonio. Uomo che non à discernimento.
Tarneta è = Guarnizione di pizzo che orlava il collo del vestito da donna.
Tartaia á = Tartagliare. Balbettare
Tartassaa áa = Tartassata.
Tase é = Tacere.
Tasi = Tasse, imposte che si pagano all’erario ed al comune.
Taul = Tavolo. Tavole. A Sacconago tau.
Tauleñ = Tavolino.
Tavan ván = Tafano.
Tavela è = Mattone forato sottile. C’erano dunque i medon ó, i quadrei è e i tavei è.
Tavelon ó = Erano le pietre rettangolari che lastricavano via Milano, via Mameli ecc.
Tazza = Grosso bicchiere con il manico.
Tazza zá = Bere smodatamente.
Tazzina = Scodella per il latte. A Sacconago tazzena è Tazzinen é: scodellino per il vino.
Teatar eà = Teatro .
Teciu é = Tetto. Metas’ a téciu: sistemarsi, mettersi a posto.
Tegascia gá, -i = Fiocine. Buccia, -ce dell’acino dell’uva. A Sacconago: tagasci á.
Tegna è = 1) Avarizia. 2) Tigna.
Tegnamenti = Ramanzina. Letteralmente: tenere a mente.
Tegni í = Tenere. Trattenere
Tegnoa ö = Pipistrello Anche: tignoa ö. A Borsano: taragnöa.
Tegnon ó, -úni = Avaro, -i. Tignoso.
Telon, ó –úni = Debito, -i. Assegno, assegni.
Tema è = Timore. Motivo. Par tèma da: per timore di.
Teme tè = Come. A Sacconago: tame.
Tempu = Tempo. Che tempi!: che tempi. Catitempu é: tempo cattivo, piovoso, umido.
Tempui ì = In anticipo. Primaticcio
Tempual á = Temporale. A Borsano: tempural á. A Sacconago: tampual á.
Tenaia ná = Tenaglia. A Sacconago: tanaia ná.
Tenciu ú = Tintore.
Tenciu = Tinto. M’a sé ténciu?!: come sei sporco?
Tenciuia í = Tintoria.
Tendaghadre té..é = Sorveglianza assidua. Amorosa cura
Teneru tè = Tenero. A gh’è dul tèneru: c’è del tenero.
Tengi = Tingere.
Tenta á = Tentare. A Cascina dei Poveri: tanta ..tá.
Teoligu = Teologo, cioè uno che parla forbito.
Tepa è = Muschio. E. Crespi da: borracina - muschio – pianta erbacea, minuta, parassita.
Tera è = Terra. Cà, tèra e bésti in có: casa, terreni e bestie in testa.
Teradigu = Plateatico. Tributo che si paga per occupazione temporanea di spazio pubblico.
Teratoi ò = Territorio, limite di confine. A Sacconago e Cascina dei Poveri: taratoi ò.
Teribal í = Terribile.
Terízzia rí = Itterizia.
Terman = Pietra per segnare i limiti nei campi.
Terzio ö = Terzo taglio del trifoglio, o del fieno.
Terzu è = Terzo Circuire una persona per indurla a fare una determinata cosa.
Tessara è = Giornale antichissimo di contabilità. Vale anche come: documento di prova.
Tessi è = Tessere.
Tessidua ú = Tessitrice.
Tessidua ü = Tessitura.
Tessu ü = Tessuto.
Testana stá = Inizio pezza dei tessuti.
Testen sté = Intestino, -ini. Testen èn da deuntu. Visceri dell’uomo
Teta è = Mammella. Poppa. Plurale teti.
Teta á = Poppare. Succhiare la mammella. Fig: guadagnare, approfittare
Tetio ö = Tettarella.
Teton ó = Si dice al bambino che tiene sempre il dito in bocca.
Tevidu é = Tiepido. A Sacconago: tedu é.
T’ha = Hai da T’he a tiá man?!: certo, è evidente, senza dubbio?!
Ti = Tu. A ti se ti?: sei tu?
Tia á = Tirare.
Tia í = Tela.
Tiaboti ò = Tiraschiaffi. Tiracazzotti.
Tiasochi ò = Bambino viziato Che tira continuamente le sottane della mamma.
Tiass’apressa è = Approccio amoroso.
Tiatardi tà = Tiratardi, perditempo
Tibi = Voce del verbo avere: tu abbia.
Tie é = Telaio. Tessitore.
Tiea é = Tessitrice.
Tieta è = Ordito del tessuto.
Tignoa ö = Pipistrello
Tína í = Tino.
Tinivela è = Trivella.
Tiorba ò = Antico strumento musicale. In senso figurato: pancia vuota.
Tisen é = Ticino.
To ó = Tuo.
To ö = Comprare. Togliere Prendere moglie o qualcos’altro.
Tocu ó = Pezzo.
Tofa ó = Sentore. Olfatto sviluppatissimo, fiuto.
Togu ó = Perfetto.
Toi ö = Togliere. Anche abbreviato: to ö.
Tola ò = Latta. Mená i tòll: scappare via. Facia da tòla: faccia tosta.
Tolbua á = Intorbidire.
Toma ò = Caduta.
Tomasela è = Formaggina di montagna.
Tondu ó = Piatto tondo.
Toni ò = Ingenuo, sprovveduto, poco furbo. Fa nón ul tòni!: non scherzare !
Toniga ó = Tonaca.
Topia ò = Pergolato. Pergola.
Topicu í = Inciampata. Anche tupicu í.
Torciu ó = 1) agg.: Torto, spremuto 2) Sost.: Torchio.
Torgi ó = Torcere.
Torti ò = Rami di gelso che servivano per legare le fascine di legna.
Toru ó = Toro. Più esatto tou ó. Turela è Turel è: torello.
Tossigu ó = Tossico. Veleno. Persona insistente e noiosa.
Tra = Tra. Fra.
Tra á = Da trà: da retta, ascolta. Da á tra á: ascoltare, dar retta.
Tra á = Cavare. Levare. Tirare. Trarre. I significati sono vari a seconda della proposizione.
Trabuchel è = Trabocchetto.
Trabula ülá = Tribolare, -ato. A Borsano: tribula ülá. Trabulei ü: agitazione scompiglio.
Trabulamondu ü..ò = Scocciatore insistente, colui che crea vespai, problemi.
Trabussantu bü = Brevissimo istante.
Tracagnotu ó = Tarchiato, basso ma robusto.
Tracana ná = Tracannare. Bere smodatamente.
Tradizion ó = Tradizione.
Trafigu á = Traffico.
Trafoi ö = Trifoglio.
Tramagen é = Piccolo attrezzo a tre reti di maglia stretta, sovrapposti.
Trameschei éi = Tramestio.
Trana ná = Bere a garganella.
Tranasciu ná = 1) Vino scadente. 2) Fig.: beone.
Tranguti í = Deglutire.
Trani = Vino dozzinale scuro.
Tranvai á = 1) Tram. 2) Pan tranvái: pane dolce con l’uvetta.
Trapaa trá = Trappola.
Trapaen é = 1) Piccola trappola 2) Donna minuta.
Trapaon ó = Trappola per topi grossi.
Trapaina í = Equivale a fuinéa (trappola per passeri) : nel senso di vulva.
Trapananti = Contrabbandiere Anche bambino vivace.
Trasa sá = Sciupare. E. Crespi: sprecare sperperare
Trasanda dá = Trascurato nel vestire.
Trason ó = sciupone.
Travetu è = Travet.
Trau á = Trave. I trai á: le travi.
Tre é = Tre. si usa col femminile Tré donn: tre donne. Meglio: Tri
Tremacua ù = Uccello ballerino. Persona indecisa.
Trezza è. -zi = Treccia, -ce.
Tri í = Tritato.
Tri = Tre. Si usa con il maschile. Hin giá i trí: sono già le tre.
Tria á = Tritare.
Triafoia í..ö = Arnese che tritava le foglie del gelso da dare ai bügati, anche triapaia pá,
Triangul = Triangolo.
Tridu í = Formaggio grattugiato. Trito in genere.
Triduu í = Triduo.
Trieta è = Mezzaluna.
Trifuina ína = Trifoglio che cresce tre volte in un anno.
Triga ì = Gruppo di persone fastidiose. ‘Na trìga da fiö: bambini chiassosi.
Trigatoi ò = Uomo lento ed impacciato nei movimenti
Trilia lía = Persona tranquilla, pacifica
Tripe é = 1) Treppiede. 2) Persona lenta a muoversi.
Tripila á = Trepidare. Impazientire. Fremere per l’impazienza.
Trol ó = Troppo.
Tron ó = Tuono. Vedi: scalmana má.
Trossu = Ramo giovane della vite che viene legato al sostegno.
Trotadui ú = Trottatoio. Le due strisce in pietra in mezzo alla rizzáa, dove passavano le carrozze.
Trotapian án = 1) Pacifico e svogliato. 2) Pidocchi
Trua á = Trovare.
Trugu trü = Cilindro di legno a forma tronco conica usato dai rizzardíti
Truna á = Tuonare.
Trusa üsá = Mescolare
Trusaa üsáa = Mescolata
Truscia ü = Agitazione da lavoro. Enrico Crespi da: affanno, ansia nel compiere un dato lavoro.
Truscion ü..ó = Faccendone, sempre occupato in affari.
Trussa ü..á = Urtare Spingere colpendo. E. Crespi Trusa üsà dar colpi di testa, cozzare.
Trussaa ü..áa = Colpo tirato con la testa in direzione dell’avversario.
Truta ü = Trota.
Truta á = Trottare.
Tuaia áia = Tovaglia. Che tuáia!: che furbo.
Tuaian án = Finto tonto. Furbo.
Tubia ù = È il fungo chiamato dal popolino “mazza di tamburo”. Fungo prataiolo.
Tubia í = Tobia; vale per stupido..
Tuca á = Toccare.
Tucascia iá = Toccare, quando non si deve.
Tuci ü = Tutti.
Tucossi ü..ó = Tutto. Vd. Tüscossi
Tucu ú = 1) Intaccato (es. frutto) 2) Bacato (nella testa).
Tuegn üé = Pretenzioso
Tufa á = Fiutare. vedi tofa ò.
Tugnen é, -íti = Soprannome dato agli austriaci, al tempo del Lombardo-Veneto.
Tuisti uí = Porcellini d’India.
Tull ü = Tutto.
Tulbar = Torbido. Vedi tolbua á. Anche: turbu.
Tululu lulú = Allodola pratense.
Tumatas má = Pomodoro. Plurale è: tumatasi, - i tumatas má.
Tunela è = Antonello.
Tunuela ü üè = Trivella. Grosso succhiello per fare i buchi nel legno. A Sacconago: Tunalen ü..én.
Tupiatu á = Era l’addetto alla preparazione e sistemazione dei pergolati di viti (tòpi).
Tupicu í = Vedi topicu í. Inciampo
Tupien è = Piccolo pergolato
Tupion ó = Pergolato esteso.
Turbu tú = Torbido. A Borsano: torbu ò.
Turgiu ü = Torto.
Turmenta è = Vento e neve.
Turna á = Ritornare.
Turnu = Attorno, in giro.
Turta ù = Torta.
Turti í = Tortelli. Oggi si sente anche: turtèi
Tusa ú = 1) Ragazza, 2) Figlia. Plurale: Tusan á.
Tuscanu = Sigaro.
Tuscen é = Falegname intagliatore. Il falegname in genere è: legname é.
Tuscossi ü..ó = Tutto.
Tussa ü = Tosse.
Tüssasnina í = Pertosse.
Tussega á = 1) Intossicare, -ato. 2) Infastidire.
Tussor ò = Uno dei tanti tessuti bustocchi, tinto in filo.
Tutona ütö = Tutt’uno. La stessa cosa.
Tutu tü = Tutto. Una volta: Tuciu tü.
Tutui ütú = Tutore.
Tutula úla = Turutotela, vagabondo che girava per le osterie e per le corti suonando e recitando filastrocche.