Dizionario Bustocco - Italiano

by www.bustocco.com
Con l'ausilio preziosissimo di Angelo Crespi
Istruzioni: La parola in Bustocco viene riportata in caratteri, per così dire, Italiani, e seguita dall'indicazione dell'accento tonico (à= "a aperta - es: vànga"; ò="o aperta - es: còllo"; é="e chiusa - es: véro"; è= "e aperta - es: cèlla; e così via)

=

U = Il (articolo, usato davanti a vocale. Davanti a consonante e: ul)
U Ü = Voi. Anche vü. va lá, ü!: usato dai carrettieri per far muovere il cavallo.
Ua = Ora.
Uadel è = Orlo. Sfintere (a Borsano).
Uamai ái = Ormai.
Uascia uá = Ora abbondante …
Uazion ó = Orazione. Preghiere religiose. Plurale uaziuni ziú.
Ubiaa áa, -ái = 1) Ostia. 2) Fetta sottile.
Ubliga á = Obbligare, ato.
Ucelina í = Petrolio da illuminazione
Ucemia ì = Leucemia.
Ucermonica ó = Fisarmonica.
Ucheta è = 1) Ochetta. 2) Fig: donna ‘leggera’.
Ucon ó = Maschio dell’oca, anche in senso figurato
Udui ú = Odore.
Ue é = Volere. Anche: vue é.
Uegia è, = Orecchio.
Uegiatu á = Persona con grandi orecchie. Fig.: persona senza intelletto.
Uei! è = Ue! é Ui! interiezioni frequentissime. Uèi, lü!: ehi, signore!
Uessi è = Volersi. Vorrei. Vorresti. Vorrebbe.
Ueta è = Ora scarsa. Oretta.
Uevas é = Orefice.
Ufela è = Dolce tipo sfoglia.
Ufele lé = Pasticcere.
Uffa = Uffa. Interiezione (a intendere una scocciatura)
Uficial à = Ufficiale, -i.
Ufizzi = Ufficio religioso, suffragio.
Ufu Ù = A ùfu: a sbafo.
Uga ü = Uva.
Ugen é = Occhiolino.
Ugheta ü..è = Ribes.
Ugia á = Occhiali.
Ugiaa àa = Occhiata.
Ugio ö = Occhiello, asola.
Ugiona ò = 1) Curiosona. 2) Donna dagli occhi grandi (anche al maschile: Ugiòn)
Uia á = Vuotare. Anche: vuia á.
Ul = Il (articolo. Usato davanti a consonante. Davanti a vocale diventa: u).
Ula = 1) Ampolla. 2) Olla.
Ulantea é = Volentieri.
Ulen é = 1) Oliatore col becco lungo 2) Piccola ampolla.
Ulpa = Volpe. Oggi anche: Ulpi
Ultam ü = Ultimo.
Ultra = 1) Oltre. 2) Fuori.
Umbrela è = Ombrello. Anche: lumbrela è.
umbrelatu á = Ombrellaio. a Borsano umbralatu lá.
Umetu è = 1) Ometto. 2) Gruccia appendi abiti.
Una = Una. Si pronuncia quasi sempre ‘na.
Undana dá = Fila di erba ammucchiata per essiccare.
Uniscia ní = Ontano.
Urbiso ö = Apertura rotonda con inferriata.
Urca! = Orca! Perbacco!
Urcel è, -cí = Uccello, -i. Anche usel üsèl,-èi,
Urcelasciu á = Uccellaccio. Menagramo. A Borsano: urcialasciu lá
Urcelatu á = Allevatore di uccelli.
Urden è = Interiora delle bestie.
Urdena á = 1) Mettere a posto 2) Levare le interiora ad una bestia
Urdi í = Ordire.
Urdinai á = Ordinario. Senza pregio. A Borsano: urdinari á.
Urdiua úa = Orditrice.
Urevas é = Orefice.
Urgneti è = Occhiali a stringinaso a mezza lente.
Urniga á = Sentire gli stimoli della fame.
Ursu = Orso.
Ursu balènu = Ipopotamo.
Urzo ö = 1) Orzaiolo. 2) Orciolo. 3) Testicolo.
Usa á = 1) Osare. 2) Gridare (V. Vusa á). La ‘s’ ha pronuncia marcata per ‘osare’ e più sibilante per ‘gridare’.
Usa üsá = Usare. Meglio: druá.
Usa ü = Come. A üsa chèl lì: come quello li. Usato come termine di raffronto.
Usciu üs = Uscio.
Usel üsèl = Uccello. urcel è. üselen: uccellino a Sacconago e Borsano: usalen ü..é.
Uselatu èlà = Allevatore di uccelli da richiamo.
Usi = Voce.
Usma üsmá = Odorare. Usmare. 2) fig.: scrutare le intenzioni.
Usmaen ü..é = Rosmarino.
Uspeda á = Ospedale.
Ussetu è = Strumento usato dai bracconieri come richiamo del maschio della quaglia.
Ustaia í = Osteria, -e.
Ustrugotu ó = Ostrogoto. Al parla ustrugótu: parla in modo incomprensibile.
Ustu üstu = Visto.
Utassi ü = Aiutarsi.
Utumana má = Ottomana, divano.
Utumobil ó = Automobile.
Utustraa áa = Autostrada.
Uua uüa = Polvere delle fibre tessili che cadono sotto il telaio. Lanuggine.