Dizionario Bustocco - Italiano

by www.bustocco.com
Con l'ausilio preziosissimo di Angelo Crespi
Istruzioni: La parola in Bustocco viene riportata in caratteri, per così dire, Italiani, e seguita dall'indicazione dell'accento tonico (à= "a aperta - es: vànga"; ò="o aperta - es: còllo"; é="e chiusa - es: véro"; è= "e aperta - es: cèlla; e così via)

=

Va = Ve, a voi. Vai. Al va a spasu - Va via! Allontanati!
Va! = Guarda! Attento! Va’ ‘sa ti fé! Guarda cosa fai
Vaca = Mucca. Ciapá a vaca pa’ i ball: prendere un abbaglio.
Vacaa áa = Cosa strabiliante in senso negativo.
Vacheti = Coccinelle.
Vae é = Valere. Al vai püssé: vale di più
Vagabondu = Vagabondo.
Vaiabal iá = Variabile. Mattacchione.
Vaioi ö = Vaiolo. Andá in Büsti par insidí i vaiöi ai fiö pisciníti.
Vala lá = Vaglio.
Valzape é = Ferma porte.
Valzu à = Valzer.
Vanza zá = Avanzare. Rimanere. s’al vanza chell lì ? Di che ceppo è?
Vanzusci ü = Avanzi di cucina
Vapui ú = Vapore. Ferrovia a vapore.
Vapuren é = Ferrovia secondaria. Ferrovia Nord. Ul vapurén per i sinaghiti
era il passaggio a livello della via Magenta. =
Varda = Guarda. Vardé, genti! nel significato di disappunto.
Vare é = Valere. Al var püssé un va, che centu ‘ndem
Vargugnusu = Vergognoso.
Varniso ö = Verniciatore.
Varta = Vale. Al varta non a curi, al varta ‘riàghi a témpu. Non vale correre, vale arrivare in tempo.
Vassel è = Botte.
Vasseletu lè = Botticella.
Vatamazza mà = Sconsiderato
Vatamazzu = Sventato e rozzo nei modi.
Vedar é = Vetro. A Sacconago: vedru.
Vedigu è = Vedovo.
Vedratu á = Vetraio Anche Vedrie ié
Vedua è = Vedova.
Vedua èdü = Veduta, visione panoramica.
Veduela èla = Vedovella. Fontanella
Vegeta à = Vecchiaia
Vegia è = Vecchia.
Vegiam à = Vecchiume. Con tono affettuoso indica gli antichi avi famigliari.
Vegiu è = Vecchio. Plurale sia vegi é che vigi..
Vegni í = Costare. S’a la vègn?: quanto costa?
Veita á = Verità. Anche viita á.
Velociu ó = Antica diligenza a cavalli che faceva servizio da Busto a Milano.
Velopu ó = Busta-paga.
Velu ü = Velluto.
Velucipas ì = Velocipede. Bicicletta.
Ven é = Vino. Chel vén chí, l’é diéntá sé: questo vino è diventato aceto.
Ven è = Vene
Vendi = Vendere. Vendi a crèta: vendere a rate.
Vendu ü = Venduto.
Vengi = Vincere.
Vengiu ü = Vinto.
Ventar = Ventre. Butón dul ventar: ombelico.
Ventu = Vento. Maestrale: maencu é. Il vento caldo è il neghezzu è.
Ventua á = Ventilabro. Ventilare, agitare al vento.
Verdi è = Apri. Aprire. Anche veri è. A Borsano vervi é,
Verdua ü = Verdura.
Verdu é = Verde.
Verghea éa = Verghera.
Verman è = Verme. Vèrman salütai: tigna, verme solitario.
Vermaniso ö = Lombrico.
Vernasca = Zona attorno all’attuale via Confalonieri.
Vernenca = Al vernenca, scende la calaverna, il gelo che copre di bianco le piante.
Veronca ó o Veroncora. Zona attorno alla omonima chiesetta =
Versu è, -i = Verso. Smorfia. Tüll vèrsi: tutte scene, smorfie!
Verticanu á = Grammofono ambulante.
Vertu è = Aperto.
Veru é = Vero, certo, reale.
Verziti zí = Erbe selvatiche che hanno sapore di cavolo
Verzoa ö = Erba grassa che si usava nella minestra.
Verzu = Cavolo. L’hu catá aa rubá i verzi: l’ho preso a rubare i cavoli.
Vesa é = Verso. A Sacconago: veza é.
Vescu = Vescovo. Carlo Azimonti lo dà anche come: capofamiglia.
Vespar é = Vespero
Vessi è = Essere. Vedi essi è.
Veste té = Armadio alto e stretto contenenti cibarie.
Viste é = Credenza
Via = L’é aa via: è pronto. Slisássi via: sgattaiolare. Bütà via
Viagiatui ù = Viaggiatore.
Vicioia ò = Vigoria. Energia. Al g’ha indóssu ‘na viciòia: ha addosso una vigoria
Viciua ü = Vettura. Prezzo del trasporto. Andá aa viciüa: andare a fare la spesa.
Vícul = Vicolo.
Vida = Vite.
Vide é = Vedere. Anche ide é. Idea é vedevo, ustu ü.. visto, edu é, edaem è, vedremo
Videl è, -èi = Vitello, -i.
Vidrio ö = Erba infestante della famiglia convolvoli.
Vidui ú = Estensione di vigna. Vigneto.
Vigni gní = Venire. Vedi: gni í. Te égni anca tí ?: vieni anche tu?
Vilan á = Villano. Villico.
Vina á = Lavare con il vino le bottiglie prima dell’imbottigliamento.
Vindembia é = Vendemmia. Il termine usato dai nostri vecchi era: catauga ü.
Vinegn é = Veleno.
Vioa ö = Viola.
Violtar = Voialtri. Anche: viol ó e vioal ó.
Vipra = Vipera A Borsano vipera.
Visa á = Avvisare. Mén t’hu visá, mó rangiasi!: io ti ho avvisato, ora arrangiati!
Visciu = Vischio. Al taca ‘mé ‘l visciu: attacca come il vischio
Visciugu iü = Convolvolo infestante.
Viscu = Vispo. Allegro. Viscu ‘mé ‘n pèssu: guizzante come un pesce.
Visiga á = Lavoricchiare senza fretta
Visiganti = Vescicante. Noioso.
Visti stí = Vestito.
Vistina stí = La “vestina” che portavano le ragazze.
Vitascia = Vita piena di tribolazione. L’ha fèi da chi víti!: ha fatto di quei sacrifici!
Vitoria ò = Carrozza per due persone più il conducente, con il soffietto ad ombrello.
Viunvon ó = Violoncello. - Violaciocca C. Az. - Pervinea, (vinca minor) E. Crespi
Viuron ó = Contrabbasso. Pugno tirato in direzione del ventre C. Az. - Enrico Crespi da: pancia, ventre: impienì ul viuron
Vivi = Vivere. Püssé che vivi e muí a te pódi fa non: più che vivere e morire non puoi fare.
Vizzoa ö = Viottolo nei campi. Piccolo sentiero campestre.
Voh! = Esclamazione che significa: ma guarda! Roba da non credere!
Vogn ö = Uno. Vüna daa curti: una della corte.
Voia ö = Voglia. Vöia da lauá, saltam’adóssu: voglia di lavorare saltami addosso.
Volta ö = Volta. Anche: olta ö. Gh’éa ‘na ölta: c’èra una volta.
Voltu ó = Alto. L’é Lü al vóltu ch’al cumanda : è Lui in alto che comanda
Vomitu ó = Vomito. Un strapón da vómitu: un conato di vomito
Vonciu ó = Unto. Anche: onciu ó. Ul vónciu: così si chiamava il sugo di grasso.
Vongi ó = Ungere. Vóngi e spóngi: calmare e istigare nel contempo.
Vosta ó = Vostra. A cá vóstra: a casa vostra.
Vu ü = Voi. E. Crespi da: Vü part. pass. del verbo ausiliare véghi. G’hu vü
Vua ù = In tempo. A fó vùa nón a: non faccio in tempo.
Vue é = Volere. Anche: ue é S’te vuaíssi dí?: cosa vorresti dire?
Vulta á = Voltare.
Vulten é = Voltino.
Vultia á = Girare il fieno con il forcone.
Vultra = Fuori. Vedi: ultra. L’è gnü ultra: è saltato fuori, l’ho trovato.
Vultrei é = L’altro ieri. Anche voltrei é.
Vulunta á = Volontà. Anche: vulanta á.
Vuna ü = Una. Anche vona ö,
Vunciscia á = Imbrattare ungendo.
Vunciscion ó = Sporco, pieno di macchie di unto. Persona che sporca
Vurcelasciu = Uccellaccio. Curioso.
Vurzu ü = Voluto. Part. Pass. di vué, volere Gha n’è vurzü: ce n’è voluto !
Vusa á = Gridare. Anche: usa á. Vusà drè: rimproverare
Vussa á = Osare. Anche ussa á.
Vustu vü = Visto.
Vuta ütá = Aiutare. Anche: uta ütá.