Sguardi

Sguardi



Certi róbi i gh'hann mia da prezzi: a gh'é né dané né pulitica !!
Ul me piscinén al giüga in dul prá e al sa büta giù vistì in sül verdu du erba, a brasci e gambi verti, ténme s'al féssi in crùsi, e al vanza lá a vardá ul blö dul cièl, pa' un quar' d'ua.
Pö al sa tìa sü e al taca a curi aturnu fin ch'al tröa 'n chaicossa cha gha piasi: al taca a curi adré a na parpáia e al fa mustra da ciapála cunt ul brascén, e stantu al sügüta a saltá mé 'n saltamartén.
Chan' 'l ha finì, al sa méti lì in pé cunt i ögi drizzi in dun pontu luntàn, indue a sa sá non sa gh'é cusé, e chissá sa gha rüsa dent' in dul có.
A vidèl inscì, in di só pensé da fiuéttu, a ma par da vidèmi men certi mumenti, stan cha guardu ul mar o stan cha pasigu in muntagna: a guardu, ma a 'edu naguta, ul me có al curi in dughé ch'al vör lü. Certi ölti, luntan in dul mar, a vedu, e al so non s'al ghé darbòn o al é dumá in dul me có, na barchéta cha la vá in süi ondi, tróll luntána par vidé chi ch'a gh'é sü... ma megn al so giá chi 'l é cha lu guèrna...
Ul Signùi al ta dèi na barcheta p' andá in sül so mar, e certi ölti chel mar lá e chell mar chì i sa tröan, i sa tucan, i sa méscian, stantu che ul tó naudén al guárda da luntan...
A ma darsédu dul me sögn fèi cunt i ögi verti, e ul mé piscinén anlü al taca a curi aturnu da nöu. Megn e lü, megn e lü, insèma, èmm vüstu un caicossa che fursi al gh'é non.
O fursi al gh'é darbón, da den da nögn.
Fursi a gh'é mia da bisögn da truá certi robi in di parpái, o in dul prá, in dul ciél blö o luntàn in dul mar: fursi a hinn giá chì, da den da megn e ti.
Megn e ti, me car balén.

Certe cose non hanno prezzo: non c'è nè soldi ne politica che possan comprarle!
Il mio piccolo gioca nel prato e si butta giù, tutto vestito, sull'erba verde, a braccia e gambe aperte, come se fosse in croce, e resta là a guardare il blu del cielo per un quarto d'ora.
Poi si alza e inizia a correre in giro finchè trova qualcosa che gli piace: inizia a correre dietro ad una farfalla e fa finta di acchiapprla col braccino, e intanto continua a saltare come un saltamartino.
Quando ha finito, si mette lì in piedi con gli occhi dritti in un punto lontano, dove non si sa cosa c'è, e chissà cosa gli frulla nella testa.
A vederlo così, nei suoi pensieri di bambino, mi par di vedermi in certi momenti, quando guardo il mare o mentre cammino rapido in montagna: guardo, ma non vedo nulla, la mia testa corre dove vuole lei. Certe volte, lontano nel mare, vedo, e non so se c'è davvero o se è solo nella mia testa, una barchetta che va sulle onde, troppo lontana per vedere chi c'è sopra... ma io lo so già chi è che la governa....
Il Signore ti ha dato una barchetta per navigare nel suo mare, e certe volte quel mare e questo si trovano, si toccano, si mescolano, mentre il tuo nipotino guarda da lontano...
Mi risveglio dal mio sogno fatto ad occhi aperti, e il mio piccolino a sua volta comincia di nuovo a correre in giro. Io e lui, io e lui, abbiamo visto qualcosa che forse non c'è.
O forse c'è davvero, dentro di noi.
Forse non c'è bisogno di trovare certe cose nelle farfalle, nel prato, nel cielo blu o lontano nel mare: forse sono già qui, dentro di me e di te.
Me e te, mio caro bambino.


Enrico Candiani - agosto 2014