Il mese di febbraio - di Enrico Crespi - poesia dialettale in Bustocco

Febbraio


Tratto da: I mesi
Gh’è turnà cun Febrar ul Carnevà !...
Serè-sü ‘n oêugiu, o mamm; purtè pascenza;
lasè sfugà i tusan, lasej balà.
Tantu, si voêuan, va lu fan e senza
C’è tornato con Febbraio il Carnevale !...
chiudete un occhio, o mamme; portate pazienza;
lasciate sfogare le figlie, lasciatele ballare.
Tanto, se vogliono, ve la fanno e senza
fas’ acorgi : se non, va san truà
a manéa da fa tasè a cuscenza :
hin bon, par divertis, da cumbinà
festi da bal, fin par beneficenza...
farsi accorgere : se no, sanno trovare
la maniera di far tacere la coscienza :
sono buone, per divertirsi, di combinare
feste da ballo, fino per beneficenza...
Ma, viol tusan, tra i giri da chi baj
cha hin da beneficenza, e che duman
sa ‘n parlaà a distesa in sü i giurnaj,
j alman pensà che inferma, a l’ültam pian,
Ma, voi ragazze, tra i giri di quei balli
che sono di beneficenza, e che domani
se ne parlerà a distesa sui giornali.
dovete almeno pensare che inferma, all’ultimo piano
gh’è là ‘na mama e chi so’ pôr bagaj,
senza scarpi e vistì,... fin senza pan?...
c’è là una mamma e i suoi poveri figli,
senza scarpe e vestiti,... perfino senza pane?



Tratto da: Lünari büstocu
Püsè picul di dudas fradej,
ma da tüti ul püsè birichen,
a l’è ‘l mes di matad, di burdej.
L’è vistì da pajasc, d’arlechen,
e par fan pegiu anmò che Raveta,
cun ‘na máscara a facia al sa queta.
Più piccolo di dodici fratelli
ma di tutti il più birichino,
è il mese delle mattate dei bordelli.
È vestito da pagliaccio, d’arlecchino,
e per farne ancora peggio che Ravetta
con una maschera la faccia si copre.
E se mortu l’è ‘l veg Festival,
püi gha piasi, can vegn i dì grasi,
in di sal da ritrovu e da bal,
sbalurdisi di jaz a i frecasi,
e cu’ i donn, in tra ‘l füm e champagn
infrulis ‘me un cucümar in bagn.
E se morto è il vecchio Festival,
pure gli piace, che vengono i giorni grassi,
nelle sale di ritrovo e da ballo,
sbalordisce di jazz e ai rumori,
e con le donne, in tra il fumo e lo champagne
frollare come un cetriolo a bagno.
Però, in mezu a i so’ sfoghi e caprizi,
ga madüa ogni tantu ‘l cervel
e al sentenzia cun tan da giüdizi :
lü, segondu al fa brütu o al fa bel,
al va disi, a Madona Candioêua,
se du invernu sen dentu o sem foêua.
Però, in mezzo ai suoi sfoghi e capricci,
ci matura ogni tanto il cervello
e sentenzia con tanto di giudizio :
lui, secondo se fa brutto o e fa bello,
vi dice, alla Madonna Candelora,
se dall’inverno siamo dentro o fuori.
Va dis poêu ch’ al saris ‘na cücagna
se quaresima tuca stu mesi,
parchè anlua, senza fa caravagna,
nas lüganiga fina sü i scesi;
ma sa vuì veghi pien ul granè
ciapè tempu, al va dis, sumenè.
Vi dice poi che sarebbe una cuccagna
se quaresima tocca questo mese,
perché allora, senza fare tribolare
nasce la salsiccia fina sulle siepi;
ma se volete pieno il granaio
prendete tempo, vi dice, seminate.
Parchè ‘l su se a San Biasu al va ‘dasi,
San Matia segna fioca par via,
e a sumenza, sa vuì durmì ‘n pasi,
par chel dì sutu tera la sia.
Sutu a fioca, lu san i paisan,
gh’ è bundanza, gh’è roba, gh’è pan.
Perché il sole a San Biagio va adagio,
San Mattia segna neve per via,
e la semenza, se volete dormire in pace,
per quel giorno sotto terra sia.
Sotto la neve, lo sanno i contadini,
c’è l’abbondanza, c’è roba, c’è pane.
E se pocu al sa cascia da gesa,
sempr’a i Santi al ricuri in di mâ.
Hin dutui, che poêu hin non da gran spesa,
e che fina i mïacul san fa :
Apulonia pa’ i denci e San Biasu
pa’ i distürbi da gua e da nasu...
E se poco se la prende di chiesa,
sempre ai Santi ricorre nei mali.
Sono dottori, che poi sono di poca spesa,
e fina i miracoli sanno fare :
Apollonia per i denti e San Biagio
per i disturbi della gola e del naso...
Ma però, se in Febrar l’è permesu
divertisi e fa ‘l matu, pensì
cha l’è coêurta sta vita e da spesu
gh’ è da piangi, crüziasi e patì,
e che prestu ga vegn chell’ età
da racoêuj chel cha s’è sumenà.
Ma però, se in Febbraio è permesso
divertirsi e fare il matto, pensate
che è corta questa vita e spesso
c’è da piangere, preoccuparsi e patire,
e che presto verrà quell’età
da raccogliere quello che si ha seminato.


A questo accenno fanno seguito i commenti di proverbi che caratterizzano il mese e si ricordano quei Santi, cui ricorrono i Bustocchi per essere preservati dai mali.
Siccome poi questo mese è il più breve, come chiusa, si fa richiamo alla brevità della vita : e se è lecito in questo mese divertirsi e, come dice il proverbio, anche impazzire, bisogna tener presente che l vita è anche cosparsa di triboli e spine e che, quando meno ce lo aspettiamo, arriva il giorno di raccogliere quello che si è seminato.

Enrico Crespi 1958

Altri mesi dell'anno