Tre fiammiferi - di Bruno Grampa - Bustocco

Tri' zufrani




Tri zuffrani pizzi candu l sa
a voeun par voeulta:
un tam par pud guard aa to faccia,
un tam par pud guard i to oeuggi,
un tam par pud vid aa to bucca;
e poeu gi scu
scu da partttu, par scult qual
ul tic-tac di nost coeuj, ul to e ul me.

Tri zuffrani chhinn chi par ragurdssi
da ti, me smpar;
e di bi d di tanci ann indr
chhinn passai via me na bufaa da ventu:
ventu da a prima primaa s i fraschi,
s l to sursu,
s aa to faccia da santa in paadsu.

Tri zuffrani che gi hinn venti vggi
bagnai da piangi;
e mo a na sa pzzan nanca p.
Nocci, n d, n s, i hann sgj
da pud anm guardatti me na voeulta
e da pud sent
aa to bucca e i to oeuggi a dmi: s!

Tri zuffrani cha voeu tign da coeuntu
par btti via
candu na voeulta al vignar ul so tempu
da cercatti anca mo s a straa dul s,
di fiuj, di pra, di nvul dul Signj:
proppi chel d
che i zuffrani i podan p serv.
Tre zolfanelli accesi quando sera
a uno per volta:
Un attimo per poter guardare la tua faccia,
un attimo per poter guardare i tuoi occhi,
un attimo per poter vedere la tua bocca;
e poi gi scuro
scuro da per tutto, per ascoltare quale
il tic-tac dei nostri cuori, il tuo e il mio.

Tre zolfanelli che sono qui per ricordarsi
di te, come sempre;
e dei bei giorni di tanti anni indietro
che sono passati via come un soffio di vento:
vento della prima primavera sulle foglie,
sul tuo sorriso,
sulla tua faccia di santa in paradiso.

Tre zolfanelli che sono gi diventati vecchi
bagnati di pianto;
e adesso non si accendono neanche pi
Notte, ne giorno, ne sole, li hanno asciugati
da poter ancora guardarti come una volta
e da poter sentire
la tua bocca e i tuoi occhi a dirmi si!

Tre zolfanelli che voglio tenere da conto
per buttarli via
quando una volta verr il suo tempo
di cercarti ancora sulla strada del sole,
dei fiori, dei prati, delle nuvole del Signore:
proprio quel giorno
che i zolfanelli non potranno pi servire.

Bruno Grampa - 11-14-22 agosto 1977
Altre composizioni di Bruno Grampa