Il mese di marzo - di Enrico Crespi - poesia dialettale in Bustocco

Marzo


Tratto da: I mesi
L’è chi Marzu matocu e birichen!...
Incoêu, ventu, bisì, magari al géa;
duman la slarga ul coêui un dì seren;
l’é invernu incoêu, duman l’é primavéa.
È qui Marzo mattocco e biricchino!...
Oggi, vento, bisce, magari gela;
domani allarga il cuore un giorno sereno;
è inverno oggi, domani è primavera.
fas’ acorgi : se non, va san truà
a manéa da fa tasè a cuscenza :
hin bon, par divertis, da cumbinà
festi da bal, fin par beneficenza...
farsi accorgere : se no, sanno trovare
la maniera di far tacere la coscienza :
sono buone, per divertirsi, di combinare
feste da ballo, fino per beneficenza...
E hin già i campagn vistì da verdusen :
a liserta la cur sü i müi, sü l’ éa
a sentì dul prim su ‘l bel teveden :
la scolda i dì da magr’ ul cô a maséa...
Ci sono le campagne vestite di verdosino:
la lucertola corre sui muri, e sull’aia
a sentire del primo sole il bel tiepidino:
scalda i giorni di magro la testa la masaia...
E intantu che là in gesa al smania ul predi
e al prediga digiügn e penitenza,
a gh’è da chi, genti da poca fedi,
E intanto che là in chiesa smania il prete
e predica digiuno e penitenza,
c’è qui’ gente di poca fede,
cha sa dumanda parchè mai in quaresima,
‘me giurnaa destinà pa’ u astinenza,
da met s’ è mia pensà a trentadüesima...
che si domanda perché mai in quaresima,
come la giornata destinata all’astinenza,
da metterla non si è pensato alla trentaduesima...



Tratto da: Lünari büstocu
L’è lünatigu, instabil stu mesi;
a sa dis ch’al sia fioêu da baltroca
e ch’al faga caprizi par desi:
men ma sembra, s’al gh’esi sü a soca,
che da Socrate un po’ al ga suméa
a bisbétiga e stramba a maséa.
È lunatico, instabile questo mese;
si dice che sia figlio di una donna pazzerella
e che faccia capricci per dieci:
a me sembra, se avesse su la sottana,
che da Socrate un po’ le assomiglia
a una stravagante e strana massaia.
Incoêu al pioêui, duman al fa bel;
un dì al fioca, ul dì dopu al tja ventu;
un po’ al ridi, e un po’ a mütria al g’ha ‘l ciel.
L’è un cambià da mumentu in mumentu,
se magari ga capita non
da sentì bruntulà fin’ ul tron.
Oggi piove, domani fa bello;
un giorno nevica, il giorno dopo tira il vento;
un po’ ride, e un po’ ha il broncio ha il cielo.
È un cambiare da momento in momento
se magari non capita
di sentire brontolare fina il tuono.
Püi, stu mes, ga dasgéa i muntagn,
in di pianti a sa moêuan ümui,
sa darseda dul sogn i campagn,
a ‘drè i scesi ga nasi i prim fiui
e a maséa, pa’ ul capon da Natal,
l’è già in cerca di oêui dul gal.
Pure, questo mese, si disgelano le montagne,
nelle piante si muovono umori,
si svegliano dal sonno le campagne,
e vicino alle siepi nascono i primi fiori
e la massaia per il cappone di Natale,
è già in cerca delle uova del gallo.
A liserta, rivà ‘l tredasen,
anca lè dul so’ büs la vegn foêua
a sentì dul prim su ‘l teveden :
ga sgurata da sia a tegnoêua
e i prim rondin, a San Benedetu,
hin già lì sutt’ al me’ purtaghetu.
La lucertola, arrivato il tredicino,
anche lei dal suo buco viene fuori
a sentire del primo sole il tiepidino :
svolazza di sera il pipistrello
e le prime rondini a San Benedetto,
sono già li sotto al mio portichetto.
Hin lì a dim cha ga vegn Primavéa
cu’ i so’ canti e ‘l prufüm di so’ fiui;
i fioêui i saltan, fan festa in sü l’éa;
l’è un risvegliu da gioja e d’amui...
Ma un udui a ma paj da sentì
da marlüzu in da l’oli rustì.
Sono lì a dirmi che viene Primavera
con i suoi canti e i profumi dei suoi fiori;
i ragazzi saltano, fanno festa in sull’aia;
è un risveglio di gioia e d’amore...
Ma un odore mi pare di sentire
di merluzzo nell’olio arrostire.
L’è quaresima, dì da digiügn;
e là in gesa, sü ‘l pülpitu, un frâ
a la sbragia e al pesta giù ‘l pügn
e da morti al discui, da pecà...
A gh’è ‘pèna pasà i pèn du invernu,
ch’al minacia da già chi du infernu...
È quaresima, giorni di digiuno;
e là in chiesa, sul pulpito, un frate
grida e pesta giù i pugni
e di morti discorre, di peccati...
Sono appena passate le pene dell'inverno,
che minaccia di già quelli dell’inferno...
Sì, l’è ‘l tempu da meti giù ‘l cô,
da fa ‘n zicu d’esam da cuscenza...
Cerchem tüti, da già ca sa pò,
in sti dì, cha hin poêu dì da clemenza,
da pentis di pecà, vegh dului
e i nos coêunti rangià cu ‘l Signui...
Si, è il tempo da mettere giù la testa,
e di fare un po’ d’esame di coscienza...
Cerchiamo tutti, già che si può,
in questi giorni, che sono poi giorni di clemenza,
di pentirsi dei peccati, aver dolore
e i nostri conti sistemare con il Signore...


Mese lunatico, bizzarro e capriccioso : e nelle prime strofe si descrivono appunto i ghiribizzi di questo volubile mese. A giorni sereni e di sole s’alternano giorni di vento e di pioggia; a giorni caldi succedono giorni di gelo.
Ma la natura però si ridesta dal sonno invernale; e sugli alberi già spuntano i primi germogli, s’ammantano d’un pallido verde i prati e lungo le siepi, timidi, spuntano i primi fiori.
. Il sole sveglia dal letargo serpi e lucertole escono a godersi i primi tepori, mentre le prime rondini arrivano ad annunziare la primavera. Ma colla primavera questo mese ci porta pure giorni di preghiera e di penitenza, giorni di astinenza e di digiuno. ? È la Quaresima : e la nostra composizione si chiude con un invito a pensare ai casi nostri per poter degnamente prepararci a celebrare una Santa Pasqua di Risurrezione

Enrico Crespi 1958


Altri mesi dell'anno